un-incauta-uscita-dall-aula-la-lega-che-attacca-sappia-incassare
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 gior

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
2 gior

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
3 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
4 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
5 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
5 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
1 sett

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
laR
 
02.06.2021 - 05:30

Un’incauta uscita dall’aula, la Lega che attacca sappia incassare

Quanto successo ieri in Gran Consiglio non va giustificato con il refrain dei leghisti diversi dagli altri partiti. Soprattutto dopo certi 'trattamenti domenicali'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La Lega non è mai stata, non è, non sarà mai un partito come gli altri. Questa è la forza nella quale affonda la sua storia, questo è il suo distintivo sfoggiato molte volte con orgoglio. Aspettarsi quindi dal movimento leghista prassi, comportamenti, regole che sono norma in altri partiti sarebbe sia un errore, sia non riconoscere appieno peculiarità che sebbene da alcuni non condivisibili sono date. L’onda lunga della manifestazione sotto casa di Borradori, all’insegna di insulti e minacce, era prevedibile. Quanto successo ieri in Gran Consiglio, con l’uscita dall’aula e la non partecipazione ai lavori per una solidarietà del presidente Pini ritenuta insufficiente, non è però da prendere alla leggera e da giustificare con la diversità della Lega rispetto agli altri partiti. Semplicemente perché nel suo discorso, non dovuto, Pini la solidarietà e la condanna le ha espresse. Invocando il rispetto per le istituzioni, il presidente del Gran Consiglio ha abbracciato simbolicamente qualsiasi istituzione sia stata coinvolta nel caos di questi giorni: il sindaco di Lugano Borradori, la municipale Valenzano Rossi, la Polizia cantonale. Con la volontà di pensare al futuro e non solo al passato. Scelta saggia, considerato quanto ci sia da ricostruire soprattutto in termini di fiducia reciproca e di dialogo.

Quanto successo vicino all’abitazione del sindaco di Lugano Marco Borradori è da condannare. Risulta quantomeno grottesco, però, che chi deve buona parte delle sue fortune anche a certi ‘trattamenti domenicali’ riservati a una lunga fila di avversari politici, categorie di persone, varie etnie arrivi a non partecipare più ai lavori del Gran Consiglio – dove non si rappresentano solo i propri elettori ma tutta la popolazione – in segno di protesta per aggressioni verbali e comportamenti certo fuori dalle righe, ma che hanno comunque un’origine sulla quale il Ministero pubblico ha aperto un incarto.

La vicecapogruppo Sabrina Aldi può avere ragione nel lamentare il fatto che non è stato sostenuto a dovere l’uomo Marco Borradori, non solo il sindaco Marco Borradori. Ma quante domeniche sono stati sbeffeggiati consiglieri federali dipinti come clown, sono stati dileggiati consiglieri di Stato, offesi presidenti di partito, vilipese molte persone usando la logica del forte contro il debole. Questo, quando “la spada uccide tante persone, ma ne uccide più la lingua che la spada” (Siracide, 28,18). Questo, quando di fatto così è stato sdoganato un modo di fare che non è compatibile con le sensibilità, il rispetto e il buon senso. Quando si impronta la propria attività al puro attacco, poi i colpi bisogna essere anche disposti a riceverli e incassarli.

La speranza è quella di rivedere le deputate e i deputati della Lega seduti ai loro banchi subito. Il 21 giugno sarà in discussione il Consuntivo 2020 del Cantone, e il secondo partito più rappresentato in Gran Consiglio ha il dovere civico di partecipare alla discussione portando tutto il proprio contributo e tutte le proprie opinioni. Non solo per innalzare una bandiera, ma per favorire quel confronto auspicato da un inascoltato Pini, confronto che deve e dovrà essere sempre il nutrimento delle istituzioni, radici che devono sostenere il vivere civile e la sintesi della società che in questi tempi, non solo a Lugano, sembrano latitare sempre più.

 

Leggi anche:

'Niente solidarietà a Borradori?'. La Lega abbandona l'aula

Molino, autogestiti sotto casa del sindaco. Bloccato il lungolago

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris bignasca ex macello gran consiglio lega marco borradori molino nicola pini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved