tra-disavanzi-e-futuro-la-politica-si-dia-priorita-veramente
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
2 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
2 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
3 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
4 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
5 gior

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
6 gior

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett

Parmalat, succo di un crac

La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
Commento
1 sett

L’orgoglio della cavia

Le varianti del virus e quelle del cretino
Commento
1 sett

Djokovic, il tennista più uguale degli altri

Gli Australian Open concedono l’esenzione al campione no-vax, facendo saltare le regole e ogni principio di equità, inchinandosi al dio denaro
 
16.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:13

Tra disavanzi e futuro la politica si dia priorità. Veramente

Servono scelte coraggiose, fuori da Palazzo c'è un mondo che soffre e che ha bisogno di risposte. I partiti lavorino insieme sapendo di perderci qualcosa

È da inizio pandemia che dalla politica arriva l’invito rivolto a se stessa di concentrarsi sulle priorità, scegliere quei pochi temi e ambiti su cui investire energie e denaro in tempi di crisi e riporre momentaneamente nel cassetto ciò che è procrastinabile. Finché però ogni partito fisserà le proprie priorità senza riuscire a inserirle in un discorso d’insieme l’esito sarà quello che abbiamo conosciuto in questi mesi: stancamente fallimentare. Lecitamente ogni partito in Gran Consiglio fa sentire la propria voce, porta avanti i temi a lui cari, propone azioni conseguenti alla linea di pensiero e di visione che ha della società. Ma il periodo che stiamo vivendo dovrebbe far capire alla politica che non è più tempo delle battaglie di cortile e della gara a chi issa la propria bandiera più in alto e dove c’è più vento. Fuori da Palazzo delle Orsoline ci sono commercianti cui è stato impedito per decreto di lavorare, indipendenti che con le indennità ricevute non arrivano a fine mese o nemmeno al 20, ci sono esercizi pubblici che non riapriranno più. Il tutto con una macchina degli aiuti federali che, sebbene di altissimo livello se confrontata con altre realtà, ha mostrato una certa pesantezza in fatto di burocrazia e scarsa conoscenza di alcune dinamiche, di certi settori come quello culturale, di non poche sensibilità.

I partiti già oggi devono tracciare un sentiero comune

La situazione nelle strade, nei negozi, nelle case è preoccupante. Anche a livello sociale, con un disagio che non è solo giovanile ma è tangibile e sempre più evidente. Compito della politica è capirlo e ritrovare quello spirito unitario che, nella prima fase della pandemia, ha portato un Ticino compatto a sedere autorevolmente al tavolo delle discussioni con il Consiglio federale e a una gestione del confinamento tutto sommato positiva. La coda della pandemia, e soprattutto il post pandemia, saranno le pagine più difficili da scrivere. Prima o poi finiranno gli aiuti, e solo in quel frangente inizieremo ad avere sempre più chiare le proporzioni dell’impatto del Covid a livello economico e sociale. Certo, i segnali di una ripresa economica ci sono. Vanno sfruttati, implementati, cavalcati. Con idee, coraggio e visione del futuro. Ma come ha detto il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta questa ripresa non sarà sufficiente a far sparire, come d’incanto, tutti i problemi e farci tornare al sospiro di sollievo con cui negli ultimi anni abbiamo accolto preventivi e consuntivi con cifre nerissime. Serviranno interventi, quali ancora non si sa. Ed è su questi interventi che i partiti già oggi devono iniziare a fissare un’agenda, un programma, tracciare un sentiero comune. Insieme. Capendo che non possono esistere vincitori su tutta la linea in momenti delicati come quello che non solo il Ticino sta vivendo. Si chiederà dieci per ottenere cinque, magari. Sembrerà poco e non permetterà di lucidare medaglie davanti ai comitati cantonali. Ma di quel cinque occorrerà accontentarsi in nome di un sostegno comune, allargato, alla ripresa del Paese.

Non si può essere ottimisti, considerato come l’ultimo compromesso, quello sul Preventivo 2021, abbia retto pochi giorni prima che la Lega – che comunque nella commissione della Gestione non lo aveva firmato all’unanimità – decidesse di non sostenerlo ‘sfiduciando’ il proprio (ex) capogruppo. Pur non essendo ottimisti resta la speranza di vedere scelte con protagonista più chi è fuori e soffre, che chi è dentro e decide.   

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved