Detroit Red Wings
0
NAS Predators
2
1. tempo
(0-2)
MON Canadiens
0
TB Lightning
1
1. tempo
(0-1)
TOR Leafs
3
COB Jackets
0
1. tempo
(3-0)
BUF Sabres
ANA Ducks
01:30
 
STL Blues
FLO Panthers
02:00
 
WIN Jets
CAR Hurricanes
02:00
 
CHI Blackhawks
NY Rangers
02:30
 
perche-il-vaccino-di-astrazeneca-e-un-problema
Come non rassicurare la popolazione (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore

Con quante ‘G’ si scrive ‘sicurezza all’interno dello stadio’?

Che tipo di certificato applicare sulle piste di hockey? La Lega ha dato mandato ai Ceo dei vari club di chinarsi sulla questione
Commento
1 gior

Ucraina, il nuovo teatro del conflitto Est-Ovest

Le velleità neo-imperiali di Putin da un lato, la necessità di riscatto (dopo il rovescio afghano) della superpotenza americana dall’altro
Commento
3 gior

Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare

La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
3 gior

Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich

La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
4 gior

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
5 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
6 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
6 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
1 sett

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
1 sett

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
 
17.03.2021 - 06:000
Aggiornamento : 15:47

Perché il vaccino di AstraZeneca è un problema

Quando gli effetti indesiderati, più che il vaccino, riguardano una comunicazione del rischio fallimentare

Il ‘frame’ è tutto, dicono gli esperti di comunicazione: non si tratta di manipolazione e propaganda, ma semplicemente del fatto che le informazioni non ci arrivano isolate, ma si inseriscono in un quadro, in una cornice – il ‘frame’, appunto – che dà loro senso e significato.

Così, le sospensioni dei vaccini contro il coronavirus di AstraZeneca, le indagini avviate dai vari enti regolatori, le segnalazioni di effetti indesiderati in quale ‘frame’ le inseriamo? Per chi si occupa di farmacovigilanza, la cornice è quella della sicurezza che si vuole il più alta possibile, controllando la situazione, indagando ogni anomalia nelle segnalazioni e, se il caso, fermando le vaccinazioni in attesa di chiarire le incertezze come, appunto, alcuni casi di una insolita forma di trombosi. Forse una semplice coincidenza, forse un effetto collaterale estremamente raro finora sfuggito e del quale bisogna tenere conto nel calcolo costi-benefici e nelle linee guida per il personale sanitario. Se vogliamo, è la prudenza di chi, guidando di notte, stacca momentaneamente il piede dall’acceleratore non sapendo cosa ci può essere dietro la curva. Ma all’interno di un’altra cornice concettuale, impostata non su elevate garanzie di sicurezza ma sulla diffidenza verso le aziende farmaceutiche e le autorità, l’impressione sarà di essere a bordo di un’auto senza freni mentre affronta dei tornanti. Quella che potrebbe essere una notizia rassicurante – le autorità sanitarie sono scrupolose – diventa motivo di preoccupazione: se l’hanno bloccato vuol dire che è pericoloso, la gente muore, meglio non farsi vaccinare.

Questa diffidenza non è certo una novità, anzi arriva da lontano. AstraZeneca ci ha poi messo del suo.

Prima un incidente durante le sperimentazioni, con una dose dimezzata somministrata per errore ma sorprendentemente più efficace; poi i dati inizialmente insufficienti per ottenere l’autorizzazione per le persone con più di 65 anni. Se ci aggiungiamo un’efficacia inferiore rispetto ai concorrenti Pfizer e Moderna – ma nell’evitare gravi sintomi e ospedalizzazioni è in realtà paragonabile –, è forte la tentazione di pensare a un prodotto raffazzonato. Tuttavia questa diffidenza non riguarda solo AstraZeneca, che tra l’altro non sembra più far parte della strategia vaccinale svizzera, ma tutti i vaccini e in generale la fiducia verso le autorità sanitarie e politiche.

Proprio per questo non si giustifica il disastro a livello comunicativo da parte di autorità e media, una volta tanto senza bisogno dell’aiuto di fake news, social network e no-vax. Nessuno si è reso conto dell’elevato rischio di reazioni avverse non al vaccino, ma a certe notizie e decisioni? Che limitarsi a dire “non ci sono prove” fa pensare ai cavilli con cui il colpevole potente riesce a sfuggire alla giustizia? Che snocciolare percentuali e fare lezioni sulla differenza tra “morti dopo il vaccino” e “morti per il vaccino” non serve a niente, soprattutto dopo aver ridicolizzato per mesi chi faceva certi distinguo relativi al Covid?

Il risultato è che, anche quando le autorità sanitarie europee riapriranno all’utilizzo di AstraZeneca, in molti rinunceranno alla propria dose, anche se di altri vaccini: non un ritardo di pochi giorni di sospensione, ma di settimane se non addirittura mesi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved