perche-il-vaccino-di-astrazeneca-e-un-problema
Come non rassicurare la popolazione (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
18 ore

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
1 gior

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
1 gior

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
2 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
3 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
3 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
4 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
5 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
laR
 
17.03.2021 - 06:00
Aggiornamento : 15:47

Perché il vaccino di AstraZeneca è un problema

Quando gli effetti indesiderati, più che il vaccino, riguardano una comunicazione del rischio fallimentare

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il ‘frame’ è tutto, dicono gli esperti di comunicazione: non si tratta di manipolazione e propaganda, ma semplicemente del fatto che le informazioni non ci arrivano isolate, ma si inseriscono in un quadro, in una cornice – il ‘frame’, appunto – che dà loro senso e significato.

Così, le sospensioni dei vaccini contro il coronavirus di AstraZeneca, le indagini avviate dai vari enti regolatori, le segnalazioni di effetti indesiderati in quale ‘frame’ le inseriamo? Per chi si occupa di farmacovigilanza, la cornice è quella della sicurezza che si vuole il più alta possibile, controllando la situazione, indagando ogni anomalia nelle segnalazioni e, se il caso, fermando le vaccinazioni in attesa di chiarire le incertezze come, appunto, alcuni casi di una insolita forma di trombosi. Forse una semplice coincidenza, forse un effetto collaterale estremamente raro finora sfuggito e del quale bisogna tenere conto nel calcolo costi-benefici e nelle linee guida per il personale sanitario. Se vogliamo, è la prudenza di chi, guidando di notte, stacca momentaneamente il piede dall’acceleratore non sapendo cosa ci può essere dietro la curva. Ma all’interno di un’altra cornice concettuale, impostata non su elevate garanzie di sicurezza ma sulla diffidenza verso le aziende farmaceutiche e le autorità, l’impressione sarà di essere a bordo di un’auto senza freni mentre affronta dei tornanti. Quella che potrebbe essere una notizia rassicurante – le autorità sanitarie sono scrupolose – diventa motivo di preoccupazione: se l’hanno bloccato vuol dire che è pericoloso, la gente muore, meglio non farsi vaccinare.

Questa diffidenza non è certo una novità, anzi arriva da lontano. AstraZeneca ci ha poi messo del suo.

Prima un incidente durante le sperimentazioni, con una dose dimezzata somministrata per errore ma sorprendentemente più efficace; poi i dati inizialmente insufficienti per ottenere l’autorizzazione per le persone con più di 65 anni. Se ci aggiungiamo un’efficacia inferiore rispetto ai concorrenti Pfizer e Moderna – ma nell’evitare gravi sintomi e ospedalizzazioni è in realtà paragonabile –, è forte la tentazione di pensare a un prodotto raffazzonato. Tuttavia questa diffidenza non riguarda solo AstraZeneca, che tra l’altro non sembra più far parte della strategia vaccinale svizzera, ma tutti i vaccini e in generale la fiducia verso le autorità sanitarie e politiche.

Proprio per questo non si giustifica il disastro a livello comunicativo da parte di autorità e media, una volta tanto senza bisogno dell’aiuto di fake news, social network e no-vax. Nessuno si è reso conto dell’elevato rischio di reazioni avverse non al vaccino, ma a certe notizie e decisioni? Che limitarsi a dire “non ci sono prove” fa pensare ai cavilli con cui il colpevole potente riesce a sfuggire alla giustizia? Che snocciolare percentuali e fare lezioni sulla differenza tra “morti dopo il vaccino” e “morti per il vaccino” non serve a niente, soprattutto dopo aver ridicolizzato per mesi chi faceva certi distinguo relativi al Covid?

Il risultato è che, anche quando le autorità sanitarie europee riapriranno all’utilizzo di AstraZeneca, in molti rinunceranno alla propria dose, anche se di altri vaccini: non un ritardo di pochi giorni di sospensione, ma di settimane se non addirittura mesi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
astrazeneca effetti indesiderati rischio vaccino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved