in-ticino-vicini-alle-50-000-somministrazioni-adesione-al-65
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
1 ora

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
12 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
12 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
12 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
12 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
13 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
14 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
14 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
14 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
15 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
15 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
16 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
16 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
16 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
2 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
2 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
2 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
2 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
2 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
3 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
3 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
3 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
3 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
12.03.2021 - 11:05
Aggiornamento: 16:20

In Ticino vicini alle 50'000 somministrazioni, adesione al 65%

In arrivo importanti forniture di vaccini. Martine Bouvier Gallacchi: ' I vaccini sono sicuri, eventuali effetti collaterali sono lievi e limitati a 2-3 giorni'

Le autorità cantonali hanno organizzato oggi un momento informativo per un aggiornamento sulla campagna di vaccinazione.

Relatori: Giovan Maria Zanini, Farmacista cantonale, Ryan Pedevilla, Capo della Sezione del militare e della protezione della popolazione e Martine Bouvier Gallacchi, Capo del Servizio di promozione e di valutazione sanitaria dell'Ufficio del medico cantonale.

Adesione totale al 65%, 83% per gli over 80

La media delle vaccinazioni è di 1200 al giorno, nelle prossime ore si raggiungerà la cifra di 50'000 dosi di vaccino somministrate, circa 15 ogni 100'000 abitanti. Attualmente si sta vaccinando in parallelo la fascia over 80 per la seconda dose e la fascia over 75 per la prima dose. Circa le case anziani, negli ultimi 30 giorni non c'è stato nessun caso positivo e si può guardare con ottimismo, dichiara il farmacista cantonale precisando che anche chi ha "saltato" il suo turno rispetto la propria fascia di età può sempre chiedere di essere vaccinato. Giovan Maria Zanini: «Ci sono persone che non è stato possibile vaccinare durante i passaggi fatti finora, perchè magari avevano una malattia acuta che dava controindicazioni come anche persone che hanno cambiato idea: la differenza è che oggi over 80 e over 75 hanno la precedenza, quando si inizierà con altre categorie non sarà più così». Chi degli over 80 ha scelto di andare nei centri cantonali, ha già ricevuto la seconda dose, per chi ha scelto la vaccinazione di prossimità tale percentuale è del 60%, il 30% ha ricevuto la prima dose o la sta ricevendo in questi dosi, ma c'è purtroppo un 10% di persone che si erano annunciate e che finora non hanno ricevuto l'appuntamento e «sta pagando il prezzo dei ritardi delle forniture». Per gli over 80 il tasso di adesione alla vaccinazione è dell'83%, per gli over 75 per il centro di Giubiasco si sono annunciate circa 6'000 persone e quasi la metà di loro ha ricevuto la prima dose. A partire da lunedi ci si poteva annunciare nei comuni: i dati a ieri sera dicono che nei comuni si sono annunciati 5'624 cittadini che sono in attesa di ricevere un appuntamento. Sommando le cifre, il tasso attuale di adesione al vaccino è del 65%, «considerando che si è comunque partiti da una settimana è un risultato positivo» ha dichiarato Zanini.

Buone e cattive notizie

Perchè chi accede ai centri vaccinali viene vaccinato più in fretta piuttosto che nei comuni, e perchè si vaccinano persone di 75 anni e più che si sono annunciate da poco e non gli over 80 che aspettano l'appuntamento nei comuni da prima? La spiegazione è semplice, dichiara Zanini: «Usiamo due vaccini diversi, il vaccino di Pfizer nei centri cantonali arriva molto regolarmente nelle ultime settimane, non è il caso di Moderna che è usato per le vaccinazioni di prossimità. Il vaccino di Pfizer non può essere usato nei comuni per via delle modalità di conservazione, non è gestibile a livello di comuni e quindi non è possibile compensare la mancanza del vaccino Moderna usando quello di Pfizer. Questo è il motivo per cui le vaccinazioni nei centri cantonali procedono più velocemente. È sempre possibile togliersi dalla lista dei comuni e aderire a quella dei centri cantonali»

Circa le forniture, annuncia, Zanini, ci sono «buone e cattive notizie. La cattiva è che Moderna ha posticipato le forniture di due settimane, per cui la fornitura attesa per questa settimana arriverà la prossima settimana e quella successiva la domenica di Pasqua: la prima arriverà in Ticino alla sera del giorno di San Giuseppe, si sta organizzando il trasporto per avere il vaccino la domenica in modo che i comuni possano averlo il lunedi e iniziare a vaccinare dal martedi. Questo ritardo per i comuni è importante perchè non ci si potrà vaccinare a partire dal 15 come detto in precedenza ma a partire dal 23. Le buone notizie: entro il 31 marzo dovrebbe essere ricevuto tutto quello che era previsto per il primo trimestre, dunque si potrà recuperare il ritardo accumulato in precedenza. La seconda buona notizia è che nel mese di aprile riceveremo circa 20'000 dosi di vaccino Pfizer in più del previsto, che potranno essere utilizzate velocemente con la conseguenza che si potranno liberare un certo quantitativo supplementare o corrispondente di vaccino Moderna da dare sul territorio per finire la vaccinazione di prossimità. La terza buona notizia è che Moderna ha annunciato importanti forniture nel mese di aprile per cui siamo vicini a fare il cambio di passo che la gente si aspetta. Le conseguenze sono che in aprile avremo 160'000 dosi in totale a disposizione e da questo consegue la possibilità concreta di dare alle persone più a rischio almeno una dose entro la fine di aprile»

I prossimi passi

Il prossimo passo importante sarà l'apertura delle vaccinazioni ai malati cronici ad alto rischio, possibile nei centri cantonali, in una parte degli studi medici: anche i pazienti dovranno prepararsi. Il centro di Rivera, dichiara Ryan Pedevilla, «tornerà ora a essere centro di formazione dei militi della Protezione Civile e come centrale di contact tracing, sempre a Rivera c'è una parte gestionale circa la disponibilità e fornitura di vaccini. Ascona e Tesserete hanno chiuso come centri cantonali e saranno riutilizzati come centri di vaccinazioni di prossimità restando poi in stand by per gestire eventuali esuberi di vaccino». I centri cantonali saranno aperti dal 30 marzo dal martedi alla domenica. Attualmente nel centro di Giubiasco fino al 21 marzo non ci sono posti liberi.

Allo stato attuale riguardo le vaccinazioni di prossimità, si sono annunciati 12'311 over 80 e 5'624 over 75. Sono stati consegnati 9'930 vaccini, restano attualmente in attesa 8'005 persone di cui 2'381 over 80.

Come funziona il sistema di annuncio: tutte le persone che pensano di rientrare nella categoria di persone a rischio devono prendere contatto con il loro medico per capire se è effettivamente possono rientrare nella fascia di vaccinazioni. Se il medico non può vaccinare dovranno farsi rilasciare un certificato medico per farsi vaccinare nei centri cantonali, altrimenti dovranno annunciarsi e saranno chiamati in base alla disponibilità del medico e dei vaccini. Il certificato medico andrà scaricato e stampato dal sito del cantone e presentato al medico che lo firmerà: il certificato dovrà essere conservato, non inviato da nessuna parte, in modo che quando ci si presenta al centro di vaccinazione potrà essere presentato insieme al documento di identità. Senza questo certificato non si potrà essere vaccinati.

Chi sono le persone con malattie cronache ad alto rischio

Martine Bouvier Gallacchi: «le complicazioni più frequenti del Covid-19 sono polmoniti che possono condurre a insufficienza respiratoria, conseguenze anche sui reni o sul cuore con l'infarto del miocardio. Tutte le sovrainfezioni possono colpire le persone che non hanno un sistema immunitario ben funzionante. In base agli studi effettuati è possibile stabilire quali sono le patologie che fanno sì che una persona sia considerata ad alto rischio. 

Il primo criterio adottato per le vaccinazioni è stato quello dell'età: adesso si entra in una seconda fase in cui vengono prese in considerazioni le condizioni di salute a qualsiasi età, e diventa più complicato perchè si entra in un ambito medico in cui ci sono persone con malattie croniche che possono essere a basso rischio o rischio più elevato, ovvero persone che hanno una probabilità più alta di essere ricoverati o avere un decorso grave se infettati, ad esempio chi soffre di patologie gravi come malattie cardiovascolari, respiratorie o renali. Per persone ad alto rischio si intendono persone colpite nella loro vita quotidiana a causa della patologia, ad esempio chi non può camminare a dovere, o chi ha bisogno di un respiratore. Ci sono poi le situazioni in cui viene indebolita la risposta immunologica:ci sono persone che possono sembrare in buona salute ma hanno questo tipo di disturbo. Rientrano in questa categoria ad esempio i malati oncologici o chi segue in generale una terapia con effetti immunosoppressivi. Ci sono poi alti fattori di rischio come l'obesità con un indice di massa corporea elevata, oltre 35 kg per metro quadrato».

In generale, come riassume il Dss, rientrano nel concetto di “persone con malattie croniche ad alto rischio” tutte le persone con:

  • malattie cardiache gravi che limitano in maniera importante le attività quotidiane
  • pressione arteriosa alta resistente alla terapia o con complicazioni
  • malattie polmonari che riducono la capacità respiratoria in modo permanente
  • cirrosi epatica
  • malattie renali gravi
  • diabete con complicazioni
  • obesità con indice di massa corporea ≥ 35 Kg/m2
  • deficit significativi del sistema immunitario  

Reazioni al vaccino ritardate molto banali

Sulla sicurezza dei vaccini, Martine Bouvier Gallacchi ricorda che nella storia della vaccinazione è una delle prime volte in cui ci sono risultati precisi sui casi di effetti collaterali: questo vuol dire che i vaccini sono sotto alta sorveglianza data l'alta qualità di raccolta dati al riguardo. I dati sono confortanti: le notifiche confermano un profilo di effetti collaterali noto, la cosa importante è che ora si cerca di capire se si rilevano segnali particolari su una massa importante di persone vaccinate. «Al momento in Svizzera siamo molto tranquilli» ha dichiarato Bouvier Gallacchi.

«Le reazioni locali ritardate, ovvero arrossamenti e gonfiore una settimana dopo, non erano state finora così evidenti: erano già state descritte col vaccino Moderna e riscontrate in meno dell'1% delle persone vaccinate. Si tratta di reazioni temporanee legate al fatto che il nostro sistema immunitario non è mai stato in contatto con il coronavirus e con la proteina spike che è alla base della vaccinazione, e quindi la reazione è maggiore: tuttavia non è dannoso per la salute e scompare molto rapidamente, quindi si consiglia altamente di fare la seconda vaccinazione dato che non è detto che si verifichi lo stesso effetto, nel caso si consiglia di farlo sul braccio opposto, o mettere del ghiaccio o una crema antidolorifica. È impressionante ma molto banale»

Si può quindi essere rassicuranti: «Si, ci sono effetti collaterali, occorre saperlo per prepararsi, ma i sintomi in generale sono banali, leggeri o moderati e soprattutto brevi nel tempo, limitati a 2, massimo 3 giorni. Se si hanno sintomi più gravi, come una febbre molto alta, è bene chiedere consulto al medico»

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giovan maria zanini martine bouvier gallacchi ryan pedevilla ticino vaccinazioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved