bifolco-e-farabutto-lo-diciamo-troppo-poco
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il ricordo
6 ore

Hans Küng, la dedizione alla verità

Più di libertà e indipendenza, care a ogni svizzero, è ciò che ha fatto di lui non solo l’eminente teologo, ma anche uno degli intellettuali più ascoltati.
Commento
11 ore

Infermiere stressate e sottopagate

È passato un anno dagli applausi a favore delle infermiere e degli infermieri. Una solidarietà spontanea e sincera, che il mondo politico non ha raccolto
Commento
11 ore

Ma la finanza non impara dagli errori del passato

Il caso Archegos, costato una decina di miliardi di capitale a Credit Suisse, è l’ultimo di una lunga serie di disastri annunciati
Commento
1 gior

In memoria di Hans Küng, lucernese universale

Era “scomodo”, forse perché osava far presente un’etica basata su due semplici principi: quello della reciprocità e quello dell’umanità
Commento
2 gior

Due poltrone per tre

Erdogan 'dimentica' una sedia per la presidente della Commissione europea von der Leyen ad Ankara, ma l’Ue tarda a reagire, dimostrando le solite debolezze
L'analisi
3 gior

La guerra al virus e il ruolo dello Stato

Ora che si intravede la fine della pandemia riprende il dibattito tra il difficile equilibro tra pubblico e privato
Commento
4 gior

Un pezzo di storia che se ne va. Lunga vita alla Valascia!

Calato il sipario sulla stagione 2020/21 dell'Ambrì Piotta, è calato pure quello, definitivo, sulla storica casa dei biancoblù
Commento
1 sett

Spagna-Kosovo: ceci n’est pas une équipe

Madrid ha provato maldestramente a nascondere la partita con la nazionale di calcio kosovara, con effetti tragicomici. Tenendo il piede in due scarpe
Commento
1 sett

Donne che subiscono e stanno zitte, siamo tutti responsabili

Avere più ‘sentinelle’ sul territorio e coraggio civico in un Paese dove ogni due settimane una donna viene uccisa tra le mura domestiche.
Commento
24.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 18:40

Bifolco e farabutto lo diciamo troppo poco

Le parole e l'uso (morigerato) che ne facciamo. Abbiamo perso di vista gli aggettivi, tesori inestimabili che ci intimidiscono

La timidezza con cui attingiamo al ricchissimo vocabolario della lingua italiana può essere equiparata alla flotta navale che va in battaglia col canotto, o a una romantica cena a lume di candela, ma consumata in solitaria: manca qualcosa, o qualcuno, che arricchisca l'incontro, gli dia poesia e contenuti, lo renda meritevole di essere vissuto e ricordato. Se poi nello scoramento soffiamo anche sulla fiammella – flebile compagnia che illumina la nostra solitudine – non ci resta che lavare il piatto e andarcene a dormire.

Parte proprio dall'immagine di una fiamma, la morigeratezza nel prendere possesso della lingua e darle l'aria che meriterebbe e per la quale è stata costruita: è il fuoco dei sentimenti, delle sensazioni, dei colori cui nel vivere quotidiano abbiamo deciso di fare a meno. La causa, direbbe probabilmente un sociologo, è nella generalizzata omologazione dei comportamenti, nell'atrofizzazione dei sentimenti espressi, nei mille bavagli imposti dalle convenzioni, nella paura o nell'incapacità di esporci, di metterci a nudo, di dare un verde, un rosso e un blu al grigio che impera nelle comunicazioni interpersonali, dove le “distanze sociali” le abbiamo poste molto prima di quelle fisiche con cui abbiamo oggi a che fare.

Abbiamo perso di vista gli aggettivi. Può capitarci di incontrare una persona molto contenta, ma difficilmente la definiremmo radiosa. Quella molto arrabbiata non sarà furente, o furibonda, o inferocita. Dallo scrigno del vocabolario estraiamo tanta bigiotteria (in gran parte di scadentissima fattura) ma ci guardiamo bene dal prendere in prestito i moltissimi tesori a nostra disposizione. L'uomo deciso può essere spavaldo o baldanzoso, quello soddisfatto compiaciuto, quello stupito interdetto, stupefatto, esterrefatto o allibito. Affranto quello molto triste. Li abbiamo, i termini che definiscono esattamente uno stato d'animo, o un atteggiamento. Ma non li scomodiamo.

È, questo, uno dei tanti motivi che spiegano l'importanza della cultura nelle nostre vite: è lì che i caratteri ritrovano pienezza, senso e ruolo determinate parole. A teatro, al cinema o in letteratura riaffiorano le sfumature e tornano a risplendere i colori. Rassicurati dalla finzione, siamo pronti a riammettere giubilo e disperazione, tonfi e trionfi. E ce ne abbeveriamo, così come in musica, dove un maestoso non solo è accettato, ma del tutto adeguato. Si tratta di una questione di impatto emotivo, probabilmente, che giustifica anche il particolare linguaggio sportivo in cui un giocatore reduce da una partita sontuosa, ma persa, può uscire dal campo stremato e frustrato senza che nessuno si scandalizzi.

L'aridità della lingua parlata e scritta rispetto al suo potenziale emerge anche nell'insulto, arte che nell'italiano, come nello spagnolo e nel francese del Québec, trova la massima ospitalità ed espressione a livello mondiale. In un recente “Geronimo” su Rete Due (rieccoci) lo ha spiegato Filippo Domaneschi, autore di un saggio sul tema.

Perché, ad esempio, non definire bifolchi gli scalcinati trumpiani andati all’assalto del Campidoglio? E zoticone, farabutto e mascalzone colui che ne ha spronato i movimenti? Ma sarebbe un mero esercizio di eloquenza, che al massimo, coi tempi che corrono, strapperebbe (forse) un “Lol”.

© Regiopress, All rights reserved