per-i-grandi-progetti-piu-potere-al-popolo
Il polo sportivo a Lugano al centro della polemica
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il ricordo
6 ore

Hans Küng, la dedizione alla verità

Più di libertà e indipendenza, care a ogni svizzero, è ciò che ha fatto di lui non solo l’eminente teologo, ma anche uno degli intellettuali più ascoltati.
Commento
11 ore

Infermiere stressate e sottopagate

È passato un anno dagli applausi a favore delle infermiere e degli infermieri. Una solidarietà spontanea e sincera, che il mondo politico non ha raccolto
Commento
11 ore

Ma la finanza non impara dagli errori del passato

Il caso Archegos, costato una decina di miliardi di capitale a Credit Suisse, è l’ultimo di una lunga serie di disastri annunciati
Commento
1 gior

In memoria di Hans Küng, lucernese universale

Era “scomodo”, forse perché osava far presente un’etica basata su due semplici principi: quello della reciprocità e quello dell’umanità
Commento
2 gior

Due poltrone per tre

Erdogan 'dimentica' una sedia per la presidente della Commissione europea von der Leyen ad Ankara, ma l’Ue tarda a reagire, dimostrando le solite debolezze
L'analisi
3 gior

La guerra al virus e il ruolo dello Stato

Ora che si intravede la fine della pandemia riprende il dibattito tra il difficile equilibro tra pubblico e privato
Commento
4 gior

Un pezzo di storia che se ne va. Lunga vita alla Valascia!

Calato il sipario sulla stagione 2020/21 dell'Ambrì Piotta, è calato pure quello, definitivo, sulla storica casa dei biancoblù
Commento
1 sett

Spagna-Kosovo: ceci n’est pas une équipe

Madrid ha provato maldestramente a nascondere la partita con la nazionale di calcio kosovara, con effetti tragicomici. Tenendo il piede in due scarpe
Commento
1 sett

Donne che subiscono e stanno zitte, siamo tutti responsabili

Avere più ‘sentinelle’ sul territorio e coraggio civico in un Paese dove ogni due settimane una donna viene uccisa tra le mura domestiche.
Commento
20.02.2021 - 06:000

Per i grandi progetti, più potere al popolo

Invece di lamentarsi se si ricorre al referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti

Come sta di salute la nostra democrazia? Tema complesso, potremmo aprire un dibattito. Dal profilo formale, la democrazia semi diretta elvetica rimane una grande conquista. Se valutiamo la democrazia sostanziale, possiamo elencare lacune e difetti. Consoliamoci, le democrazie perfette non esistono.

A Lugano sta creando un gran polverone la decisione dell’Mps di lanciare un referendum contro l’eventuale approvazione, da parte del Consiglio comunale, del Polo sportivo a Cornaredo. Molti definiscono inopportuno il referendum che, ricordiamolo, era stato ventilato già la scorsa estate da Fulvio Pelli, non proprio compagno di merende di Matteo Pronzini. Se non si costruisce lo stadio in tempi brevi, l’Fc Lugano potrebbe essere retrocesso. Perciò il Municipio impone un ricatto: o i docili consiglieri comunali accettano tutto il progetto in blocco (stadio e strutture sportive, più due torri, più palazzine a contenuti commerciali, più trasferimento dell’amministrazione comunale, più, più, più…) o non se ne fa niente e Lugano precipita nella miseria, sentenzia amaro Badaracco, municipale.

Ma dei ventennali ritardi del Municipio nel rinnovare lo stadio e nel costruire palazzetti dello sport, chi è responsabile?

In diverse città svizzere i piani regolatori devono di regola essere approvati dal popolo, così come le spese quando superano una cifra importante. A Lucerna, per costruire la nuova Arena, i cittadini sono stati chiamati due volte alle urne.

Sempre a Lugano c’è la decennale storia del piano regolatore di Brè. “Uniti per Brè” ha raccolto più di 3mila firme per contrastare un insediamento edilizio nel verde dietro il paese. Il Municipio ha discusso con gli abitanti, ma poi ha approvato le costruzioni, riducendone l’edificabilità. Sospesa la controversia sul Pr, nuova mattonata: licenza edilizia per un bike park in un pascolo di proprietà comunale a due passi dal nucleo. Gli abitanti di Brè come possono contrastare questi progetti? Il Pr è un bene comune e dovrebbe essere votato dal popolo. Invece l’unica arma disponibile sono i ricorsi dei privati, quando i progetti diventano definitivi. Finto dialogo “Con-i-cittadini”: vige la legge del vil denaro.

Progetto tram-treno Lugano Ponte Tresa. Associazione Traffico e Ambiente, Stan, i Comuni della collina e i Cittadini per il territorio si oppongono allo smantellamento della linea di collina. Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio, si lagna contro chi bloccherebbe l’opera. Ma la popolazione quando ha potuto esprimersi sul progetto? Chi aveva interessi materiali da difendere è stato ascoltato, le associazioni della società civile no. I processi decisionali sono opachi e i cittadini non vengono coinvolti, così cresce la disaffezione nei confronti della politica.

Più o meno la stessa musica per il nuovo quartiere Officine, a Bellinzona. Collegio degli esperti, documenti, consultazione pubblica, ma passerà un progetto ciclopico senza che il popolo della capitale potrà dire veramente la sua, salvo referendum.

Invece di lamentarsi se si ricorre allo strumento democratico del referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti; ciò costringerebbe le autorità a ricercare maggiore condivisione delle scelte. Sarebbe un piccolo passo verso più democrazia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved