ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
2 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
2 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
3 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
3 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
5 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
6 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
6 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
1 sett

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
laR
 
10.02.2021 - 06:10

Le origini del virus, la volpe, la Cina, l’Oms

Secondo gli ispettori internazionali l’ipotesi di un incidente di laboratorio è altamente improbabile. Ma tutto dipende dalla fiducia che vogliamo, o dobbiamo, riporre nelle autorità cinesi

di Ivo Silvestro
le-origini-del-virus-la-volpe-la-cina-l-oms
Andrà tutto bene (Keystone)

C’è una grande incognita, nei primi risultati dell’indagine avviata dall’Organizzazione mondiale della sanità sulle origini del coronavirus.

In una lunga conferenza stampa – tanto lunga quanto povera di novità, hanno già commentato alcuni –, il gruppo di esperti dell’Oms ha affermato di aver valutato principalmente quattro scenari, tra cui il famigerato incidente di laboratorio. Ma alla fine l’ipotesi giudicata maggiormente verosimile rimane quella sulla quale già si puntava la scorsa primavera: lo spillover, il passaggio dai pipistrelli all’uomo attraverso un ospite intermedio ancora sconosciuto. Quello che adesso sappiamo è che verosimilmente il mercato di Wuhan non è stato il luogo in cui è avvenuto questo salto di specie, ma semplicemente quello del primo focolaio. Per il resto, poche certezze e pochi dati: come ha affermato l’esperto cinese Liang Wannian, “sulla base delle informazioni attuali non è possibile determinare come il virus sia arrivato nel mercato di Wuhan”. Non vi sono prove della diffusione del virus prima di dicembre 2019 e un numero impressionante di campioni prelevati da animali selvatici e d’allevamento è risultato negativo. In attesa del rapporto conclusivo dell’indagine, ci dobbiamo limitare a quanto affermato dal responsabile del team Ben Embarek: l’ipotesi di un incidente di laboratorio è “estremamente improbabile”, visti i livelli di sicurezza estremamente sofisticati nelle strutture visitate dall’Oms.

Non stupisce che per alcuni esperti – come Alina Chan intervistata sull’edizione di sabato 6 febbraio – con questa scarsità di prove sia meglio sospendere il giudizio sulle origini del virus, evitando di parlare di maggiore o minore probabilità. Cautele forse eccessive, ma comprensibili, dal momento che la valutazione non dipende solo da prove scientifiche.

Se troviamo una cacca di volpe davanti alla porta di casa, possiamo pensare che si tratti di escrementi lasciati da un animale selvatico che passava da quelle parti oppure sospettare che sia coinvolto il nostro vicino di casa. Su quale delle due ipotesi puntare dipende certamente da alcuni fattori naturali – viviamo in città o in campagna? – ma soprattutto da quanto ci fidiamo del nostro vicino.

È questa la vera grande incognita, in questa faccenda e nell’indagine dell’Oms: la fiducia che possiamo, e vogliamo, riporre nelle autorità cinesi. Quanto quei rigidi protocolli di sicurezza erano effettivamente applicati? I coronavirus erano studiati con quel livello di biosicurezza oppure con uno più basso? La risposta dipende da quanto ci fidiamo e l’Oms non può che riporre grande fiducia, altrimenti il suo team non sarebbe mai arrivato in Cina. Perché l’Oms non ha l’autorità che possono avere le forze dell’ordine durante una perquisizione: è piuttosto l’inquilino che gentilmente chiede di poter entrare in casa d’altri per capire da dove arriva la perdita d’acqua.

Conoscere l’origine del virus è utile per capire quali provvedimenti è bene prendere per ridurre il rischio di un’altra pandemia. Tuttavia anche l’incertezza in cui ci troviamo dovrebbe spingerci a ragionare su possibili – per quanto utopici – provvedimenti, come rendere l’Organizzazione mondiale della sanità maggiormente indipendente dai governi o addirittura permetterle, per quanto riguarda indagini e vigilanza, di muoversi con una certa autonomia, senza attendere il benestare delle autorità statali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved