ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
6 ore

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
1 gior

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
2 gior

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
4 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
4 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
5 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
6 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
6 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
1 sett

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
laR
 
08.02.2021 - 06:00
Aggiornamento: 16:30

La guerra fredda di Vladimir , avvelenatore di mutande

Navalny ha dalla sua una straordinaria tenacia e un coraggio senza pari

di di Roberto Antonini
la-guerra-fredda-di-vladimir-avvelenatore-di-mutande
Alekseij Navalny (Keystone)

“Ci furono Alessandro il Liberatore o Jaroslav il Saggio, ora abbiamo anche Vladimir l’avvelenatore di mutande”. Alekseij Navalny riesce a fiondare poche parole imbottite di amaro sarcasmo all’uscita dell’aula di tribunale prima di essere rinchiuso di nuovo nelle carceri della Matrosskaya Tishina di Mosca. La condanna ha il sapore della vendetta in puro stile putiniano e i contorni grotteschi degni di un romanzo di Gogol. All’oppositore numero uno del presidente sono stati inflitti oltre tre anni di carcere per non essersi presentato al giudice di sorveglianza per una precedente condanna, per altro bocciata dalla Corte Europea dei diritti dell’Uomo. In realtà Navaly era in convalescenza in Germania dopo essere stato avvelenato dal Fsb, i servizi di sicurezza eredi del Kgb. Secondo la ricostruzione del sito di inchiesta Bellingcat e per ammissione di un esponente degli stessi servizi segreti, fu un sicario del Fsb a impregnare con del Novichok, un gas nervino già usato per avvelenare l’ex agente del Kgb Sergej Skripal, gli slip di Navalny mentre questi si trovava in trasferta in Siberia.

Navalny, 44enne avvocato e blogger, è tutto fuorché uno stinco di santo. Il dissidente più famoso del mondo ha in effetti trascorsi molto opachi, che ondeggiano tra l’estremismo nazionalista e xenofobo (come numerosi altri celebri politici russi da Eduard Limonov a Aleksandr Dugin) e le correnti più liberali (militò nel partito Yabloco). Ma oggi, apparentemente pentito per le sue tracimazioni estremiste, si presenta come un vero democratico, fustigatore di un sistema corrotto, clientelare e pure assassino, come sembra in effetti confermare la lunga lista dei morti ammazzati, dalla giornalista Anna Politovskaja (freddata il 7 ottobre di 15 anni fa, il giorno del compleanno di Putin), a Alexander Litvinenko ucciso dal polonio radioattivo, a Boris Nemtsov, il principale oppositore dell’autocrate, assassinato davanti al Cremlino cinque anni fa.

Navalny ha dalla sua una straordinaria tenacia e un coraggio senza pari: Il suo rientro volontario in Russia lo scorso 17 gennaio costituisce la sfida più insidiosa per Putin, la cui popolarità, complice il crollo del greggio, è in caduta libera. Le immagini che Navalny ha postato su Youtube del gigantesco palazzo che lo ‘zar’ si è da poco fatto costruire sul Mar Nero sono state viste da 100 milioni di russi, mentre la sua piattaforma RosPil denuncia la sistematica corruzione dei nuovi oligarchi putiniani. L’Europa, forte dei nuovi orientamenti dell’amministrazione Biden, non intende stare a guardare. La Russia dopo la guerra in Georgia nel 2008 e l’annessione della Crimea nel 2014, per Bruxelles non può più agire nell’impunità. L’espulsione da Mosca di tre diplomatici europei non fa che gettare olio sul fuoco. Washington spinge per ulteriori sanzioni e nel mirino vi è un grosso obiettivo: Il gasdotto Nord Stream II, che dovrebbe trasportare il gas dalla Russia alla Germania, attraverso il Mar Baltico. Per completarlo mancano 150 dei 1230 chilometri. Un progetto da dieci miliardi di dollari che renderebbe l’Europa ancor più dipendente da Mosca e che farebbe concorrenza… al gas liquido made in Usa. L’‘affaire’ Navalny inserisce così la componente diritti umani in una battaglia geopolitica che ci fa tornare ai tempi della guerra fredda.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved