Roma
1
Cagliari
0
2. tempo
(1-0)
Atalanta
Inter
20:45
 
Lugano
2
Bienne
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-2)
WAS Capitals
VAN Canucks
20:00
 
navalny-biden-e-putin-la-burrasca-e-in-arrivo
Le proteste di sabato scorso (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
1 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
2 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
3 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
4 gior

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
5 gior

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
6 gior

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett

Parmalat, succo di un crac

La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
Commento
1 sett

L’orgoglio della cavia

Le varianti del virus e quelle del cretino
 
30.01.2021 - 06:000

Navalny, Biden, e Putin: la burrasca è in arrivo

Le proteste degli scorsi giorni in Russia, l’arresto del dissidente e il cambio della guardia alla Casa Bianca potrebbero scoperchiare le contraddizioni russe.

C’è aria di burrasca a Est. L’arresto di Aleksej Navalny al ritorno in Patria e l’inizio della presidenza di Joe Biden negli Stati Uniti rischiano di scoperchiare il vaso di Pandora della complicata realtà russa e dei suoi rapporti internazionali. 

Le manifestazioni di sabato scorso in oltre 60 città hanno evidenziato principalmente due elementi. Il primo è che in Russia siamo all’inizio di una rivolta generazionale dei giovani stufi, che chiedono il cambiamento, contro gli anziani, amanti della stabilità alla sovietica. Il secondo è che si profila una lotta dura tra il partito di internet e quello della televisione, ubriacato dalla propaganda nazional-patriottica. Il potere finora si è comportato seguendo le vecchie logiche, puntando il dito contro provocatori al soldo dell’Occidente, gente dipinta come contraria alla cultura tradizionale russa. La novità è semmai che sabato, all’apparenza, San Pietroburgo si è svegliata dopo un lungo torpore; la polizia a Mosca si è fatta cogliere di sorpresa dai dimostranti, alcuni dei quali – a differenza che in passato — hanno reagito alzando le mani, e ora rischiano di pagare penalmente per le loro azioni.

Intanto, in carcere Aleksej Navalny si sta trasformando nel ‘dissidente numero 1’, un Andrej Sacharov dei nostri giorni. Tenta la polarizzazione dello scontro: chi non sta con Vladimir Putin sta con lui. La vittima, il giusto, l’innocente contro i corrotti. Il suo video-inchiesta su una tenuta sul mar Nero dal costo di 1,3 miliardi di dollari – attribuita dal blogger moscovita al presidente – ha ottenuto oltre 90 milioni di visualizzazioni. Un successo mediatico pari all’aver telefonato dalla Germania, dove era in cura per il noto avvelenamento, all’agente dei Servizi che avrebbe cosparso di Noviciok i suoi vestiti. La sfida al Cremlino è rilevante anche perché la potenza mediatica dell’oppositore è importante, come buona è l’organizzazione del suo movimento, capace di portare per le strade in poche ore così tante persone. La pesante crisi economica può solo ingrossare la protesta. Come andrà a finire? L’opinione diffusa è che, anche se Navalnyj dovesse restare in carcere, lo scontro comunque durerà e probabilmente verranno usate forme simili di dissenso, come quelle utilizzate dai bielorussi contro il loro presidente Alexander Lukashenko. A meno che la stretta repressiva non sia davvero ferrea.

Venendo agli aspetti internazionali, dopo quattro anni di letargo con Trump la questione ‘democrazia’ e quella dei ‘valori fondamentali’ sono tornate ai primi posti dell’agenda sia europea sia americana. E subito la propaganda russa ha picchiato duro contro la “Gay Europa” e “i transgender che tornano a servire nelle Forze Armate Usa”. Lo scontro è frontale, anche perchè dal 2012 troppi sono i conti in sospeso tra il duo Obama-Biden e l’Amministrazione Putin, a cominciare dalle interferenze nelle presidenziali Usa del 2016 e del 2020. Con la pubblicazione dei luoghi e delle ore della protesta dello scorso sabato – ufficialmente per tenerne lontano i connazionali – l’Ambasciata Usa ha diffuso un’informazione altrimenti custodita sotto chiave dalle Autorità russe: un piccolo prologo a un nuovo libro di screzi ancora tutto da scrivere. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved