laRegione
bellinzona-la-cura-sia-svelata-subito
La 'spending review' dovrebbe dare risultati entro l'autunno, ma meglio sarebbe avere indicazioni prima delle elezioni comunali (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
6 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
08.01.2021 - 06:100
Aggiornamento : 11:38

Bellinzona, la ‘cura’ sia svelata subito

Municipio e candidati dovrebbero indicare adesso, e non dopo le elezioni di aprile, dove tagliare spese e servizi per ridurre i disavanzi

La soporifera campagna elettorale avviata un anno fa a Bellinzona è stata spazzata via dal coronavirus in un clima politico surriscaldatosi sui decessi Covid in casa anziani e sui tre sorpassi milionari. In entrambe le circostanze il Municipio si è detto pronto ad assumersi la responsabilità politica (come prevede la Legge organica comunale) ma ha mostrato difficoltà nel comprendere e far comprendere la genesi delle due bombe scoppiategli in mano. E nel dover accettare che siano state favorite, se non innescate, dal vecchio modo di gestire la cosa pubblica che proprio l’aggregazione avrebbe dovuto metamorfizzare dall’interno.

Municipio coeso? No, dicasterizzato

In questo contesto complicato – nel quale il Municipio durante l’intera legislatura ha fatto della propria coesione un mantra per poi scoprirsi eccessivamente dicasterizzato – si è consolidata una polarizzazione che troverà sfogo nelle elezioni comunali del 18 aprile. Nella sinistra alternativa Verdi, Forum e Mps sono scesi a più miti consigli dopo i vani abboccamenti del passato: se riusciranno a sopportarsi a vicenda hanno le cifre per aggiudicarsi cinque o più seggi in Consiglio comunale, fare gruppo ed entrare nelle commissioni; mentre per il Municipio molto dipenderà da come la Sinistra tradizionale riuscirà ancora a sostenere il proprio sindaco e il secondo seggio lasciato vuoto da Roberto Malacrida sempre ben sostenuto dall’elettorato. Dal canto suo il Ppd con l’uscente Giorgio Soldini dovrebbe poter dormire sonni abbastanza tranquilli, pur considerando che a destra Lega e Udc (non sempre compatte nel portare avanti le idee comuni, ma pur sempre unite in lista e pronte ad alzare i toni della polemica) mirano a raddoppiare la presenza nell’Esecutivo, in seno al quale Mauro Minotti, responsabile delle finanze in profondo rosso, si è da subito allineato alla maggioranza senza suscitare entusiasmo fra i suoi. Infine il Plr, chiamato al difficile compito di difendere i tre seggi sostituendo Christian Paglia (scaricato dalla sua stessa sezione che si attendeva le dimissioni dopo il terremoto Dop-sorpassi) e il vicesindaco Andrea Bersani, mentre Simone Gianini viaggia su solidi binari.

Spesa pubblica a briglie sciolte

Nel suo primo quadriennio la nuova Turrita ha macinato parecchio nel mulino dell’aggregazione, ma parimenti si ritrova con le riserve minacciate da previsioni di disavanzo preoccupanti, solo per un terzo generate dalla crisi pandemica. È facile pensare che fra meno di un anno – a elezioni comunali digerite – l’analisi della spesa pubblica ora avviata sfocerà in una cura ‘lacrime e sangue’. Qualche indicazione l’ha data da queste colonne l’ex vicesindaco Felice Zanetti, già responsabile delle finanze cittadine, che invitando il Municipio a concentrarsi sui progetti prioritari, ha rimarcato come la spesa sia stata lasciata galoppare indisturbata durante l’intera legislatura. Mentre l’autofinanziamento, ha aggiunto, dai 18 milioni portati in dote nel 2017 dai 13 ex Comuni si è ridotto a uno. Autofinanziamento fondamentale per sostenere gli investimenti strategici. Quelli che dovrebbero partire ora attingendo da un capitale proprio indicato dalle previsioni in caduta libera, passando dagli attuali 47 milioni a 24 fra quattro anni. Dimezzato in una sola legislatura. Capodicastero Finanze, Municipio e candidati dovrebbero dirci oggi, e non dopo il 18 aprile, dove reperire quelle risorse aumentando le tasse e tagliando la spesa interna ed esterna, ossia anche i servizi al cittadino.

© Regiopress, All rights reserved