laRegione
locarno-di-chi-fa-il-gioco-il-gioco-del-ps
Cereghetti
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
1 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
24.12.2020 - 06:000

Locarno: di chi fa il gioco, il gioco del Ps?

Sedotto e abbandonato Cereghetti, i socialisti potrebbero indirettamente favorire Pini in casa liberale radicale

Un “no comment” si presta a interpretazioni diverse a seconda di come è pronunciato. C'è quello secco, detto per non smentire ma nemmeno confermare un fatto, che di per sè chiude ogni discussione e lascia chi ha posto la domanda con un dubbio irrisolto. Ma c'è anche quello più espressivo, in qualche modo ammiccante, che allo stesso modo non chiarisce fino in fondo il quesito, ma suggerisce che piuttosto che dire le cose come stanno – o nei termini in cui ci si pensa – è meglio appunto evitare ogni commento.

Appartengono a questa seconda categoria i “no comment” con cui Bruno Cereghetti, fino a poche settimane fa candidato al Municipio di Locarno per il Ps, ha risposto alle due questioni poste dal giornalista: “La sezione ha dunque deciso di non confermarla in lista. Come ha reagito?”. “No comment”. “Fosse stato per lei, avrebbe continuato ad aspirare a un suo ritorno in Municipio?”. “No comment”.

Tutto si può dire del Partito socialista di Locarno, ma non che non abbia gli attributi. Sedurre e poi abbandonare Cereghetti – tre legislature in Municipio alle spalle – non è come dirlo: bisogna avere il fegato di farlo. E lo stesso vale per la scelta di affidare a una lista giovane (con Pop, Pc e Forum) non solo la conferma delle posizioni attuali, ma anche le ambizioni di un raddoppio in Municipio che nello scorso aprile appariva alla portata. Da questo punto di vista, niente da dire.

Non è detto tuttavia che ciò sia funzionale all'obiettivo. A livello locale l'elezione in Municipio dipende moltissimo dalle relazioni, dall'esperienza, dalla conoscenza del territorio. Tutti “atout” che Sirica prima e Mellini e Cereghetti poi avevano. Non è ancora chiaro chi correrà al loro posto, mentre lo è che anche nel cilindro del mago più bravo prima o poi i conigli si esauriscono. Inoltre, a guastare i numeri ci sono i Verdi, che Ps & Friends hanno fatto di tutto per portarsi a casa, ma che invece hanno scelto di correre da soli. Se avventatamente o no, ce lo diranno le urne.

Ma il fatto forse più interessante è che l'alleggerimento (nominale e anagrafico, non per forza qualitativo) della lista socialista potrebbe cambiare gli equilibri anche altrove. Segnatamente in casa liberale radicale, dove se c'è un nome che gode di parecchie simpatie a sinistra, è quello di Nicola Pini. Dato prima per favorito per il terzo seggio, poi per bastonato dall'entrata in Municipio anticipata di Simone Merlini, Pini potrebbe raccogliere consensi fra i delusi e/o confusi dal Ps.

Gli chiedessimo fino a che punto quest'ipotesi lo convinca, ci piacerebbe sentire il tipo di “no comment” con cui, probabilmente, ci risponderebbe.

© Regiopress, All rights reserved