il-prozio-donald-e-l-america-che-trovera-biden
Barcolla ma non molla (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
11 ore

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
3 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
3 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
4 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
4 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
5 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
5 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
6 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
23.12.2020 - 06:00
Aggiornamento: 19:09

Il prozio Donald e l'America che troverà Biden

Trump continua a giocare con teorie del complotto e ipotesi assurde. Non ce la farà, ma lascia al successore un sistema paralizzato

Quest’anno non ci saranno i cenoni natalizi, per cui non potremo passare il tempo a ingozzarci mentre un prozio o una biscugina se la prendono coi vaccini, le tasse, gli immigrati, i giovani d’oggi o Soros. Per chi non può proprio fare a meno di questi siparietti, resta una valida alternativa: seguire gli ultimi giorni di Donald Trump alla Casa Bianca.

È chiaro che il presidente uscente non intende lasciare lo Studio ovale senza prima metterlo a ferro e fuoco. Continua a giocherellare con assurde teorie del complotto, con la legge marziale e il sequestro delle macchine elettorali, con l’idea di fomentare il Congresso alla ribellione. Proprio come capita al povero prozio, ormai non gli danno più retta nemmeno i suoi: è ovvio che questo “re Lear in un regno di Twitter al tramonto”, come lo ha definito la Cnn, non riuscirà a rovesciare l’esito del voto. Ma di certo farà di tutto pur di continuare a screditare le istituzioni fino all’ultimo, con un comportamento più da buffone che da sovrano (anche se scelte come quella di accelerare le esecuzioni federali non fanno proprio ridere).

Ad ogni buon conto, dopo quattro anni del genere una cosa possiamo dirla con un certo sollievo: il sistema americano ha retto. I ‘pesi e contrappesi’ tra diversi poteri hanno fatto sì che Trump abbia abbaiato ben più di quanto sia riuscito a mordere. Un ultimo esempio: il fatto che perfino la Corte suprema, a maggioranza repubblicana, abbia respinto i suoi ricorsi.

Questo, però, non significa che Joe Biden si troverà in posizione di forza, anzi. Al di là dei danni causati dal trumpismo – e più in generale dalla degenerazione populista del partito repubblicano negli ultimi trent’anni o giù di lì – il rischio è che il neoeletto debba governare come per molti anni dovette fare Barack Obama: per decreto, senza riuscire a cambiare davvero la legge a causa di un Congresso spaccato e paralizzato. Col rischio, poi, che un successore possa cancellare quanto fatto con un colpo di spugna.

Fa temere questa prospettiva lo scenario in Senato, dove nel migliore dei casi il ballottaggio in Georgia darà ai Democratici un pareggio, con la sola Kamala Harris a fare da ago della bilancia per ogni atto della futura legislatura. Ma la fanno temere, più in generale, le enormi crepe nell’edificio federale: la guerra di sabotaggio tra Washington e i singoli Stati e l’estremizzazione della classe politica, favorita da un sistema elettorale che conferisce peso eccessivo alle realtà più periferiche e che agevola, attraverso il perverso disegno dei collegi elettorali, l’elezione dei ‘duri e puri’ scelti dai militanti alle primarie.

Così Biden – che non ha certo il carisma di Obama ­– dovrà lottare con una realtà apoplettica, radicalizzata e sempre meno credibile agli occhi degli stessi americani. La sua squadra raccoglie esperienze, competenze e una varietà di destini ben superiori a quelle dei ‘vecchi maschi bianchi’ di Trump; il programma manifesta una dignitosa attenzione alle sfide sanitarie e sociali del Paese. Per fare meglio c’è da augurarsi che basti così, con tutto quello che gli Usa hanno dovuto subire finora: ci speriamo in molti, ma sarà bene non illudersi troppo. Intanto il prozio continua a blaterare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biden complotto trump
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved