quella-carezza-e-arte-senza-tempo
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 ore

Lo gnomo spendaccione

Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
2 gior

L’eterno ritorno di Hillary Clinton e la mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo l’ex first lady per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
3 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
4 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
5 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
6 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
6 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 sett

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
1 sett

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
 
03.12.2020 - 06:000
Aggiornamento : 15:59

Quella carezza è arte senza tempo

Trasposizione del calcio in arte: mentre gli avvoltoi svolazzano sulla salma del mito, noi celebriamo Maradona per una punizione: quella punizione, la punizione

Era inevitabile che accadesse, che la morte di Maradona non venisse consegnata alla memoria nel silenzio e nel rispetto, come il lutto imporrebbe. Sulla salma, come era lecito attendersi, sono planati gli avvoltoi, attratti da un’eredità che è avvolta nel mistero al pari delle circostanze di una morte che è per negligenza, per abbandono, per diagnosi sbagliate, incuria, malasanità. Addirittura per scelta stessa del Pibe che si sarebbe lasciato morire, ormai rassegnato e stanco di confrontarsi con una vita che dopo averlo esaltato e consegnato all’immortalità avrebbe finito per travolgerlo. Fragile quanto basta per cadere vittima di deviazioni dalla retta via e tentazioni, troppo fragile per cercare l’ennesima rinascita.

Lasciamo che le indagini facciano il loro corso, che avvocati e parenti si scannino in un atto che sa di profanazione della tomba, per tornare per un attimo al genio che fu, in campo. Parla il campo, per gli sportivi è così. Non entriamo nel merito di come un fuoriclasse possa assurgere a mito e leggenda celebrata e amatissima a livello globale nonostante avesse fatto a pugni con la morale, per effetto di una condotta di vita riprovevole sotto molti punti di vista.

Possiamo, anzi dobbiamo (per l’ampiezza del fenomeno Maradona che trascende il terreno, figurarsi le analisi logiche) anche sorvolare sul fatto che ingannare rovinerebbe la carriera di ciascun campione di qualsivoglia disciplina, mentre a Maradona è successo il contrario. Non è forse paradossale che la conquista del titolo mondiale del 1986 con la sua amata Argentina l’abbia costruita partendo da un’azione dolosa e truffaldina, un fallo di mano volontario per ingannare l’avversario poi attribuito a Dio? Non somiglia a una bestemmia, lui poi così devoto e religioso? La questione è aperta, ma Maradona trascende, quindi risposta non c’è. El Diez è più forte anche della morale che nemmeno avrebbe senso fargli, figurarsi poi postuma.

C’è però il campo. Giudicarlo lì, sul suo terreno, è più facile. Discutendo con un collega a tarda sera, un gesto ha assunto improvvisamente un peso che non gli avevo dato, rapito dal ricordo, dalle emozioni, da vizi e stravizi, e da quella memorabile serpentina con la quale fece beffe dei calciatori inglesi, trasposizione dei soldati del Regno Unito schierati alle Falkland: andate a cercare su internet la punizione in Napoli-Juventus 1-0 del 3 novembre 1985. Tacconi ancora se la sogna. Si faccia avanti chi ha l’ardire di fornire una spiegazione tecnica a quel gesto. Nessuno vero? Perché non c’è spiegazione, non c’è logica. Troppo vicino alla porta, per metterla lì. Troppo astuto, Tacconi, per non rimediare. E invece, una carezza. Un gesto appena abbozzato, mica un calcio. Un buffetto complice all’amico pallone, suo alleato. Ovviamente gol.

Eccola, la certezza sulla quale è lecito sbilanciarsi senza timore di smentita: Maradona è arte, cambia ciò che lo circonda. La sua arte era il calcio. Concetti che cozzano l’uno contro l’altro, se non fosse che lui riusciva a conciliarli, unendo il sublime al pallone, il pallone ai sogni. Lasciamo perdere giudizi morali e confronti, accantoniamo le velleità di capire e concentriamoci su quella carezza. Un pezzo unico. Una pennellata, un’opera d’arte senza tempo. Come Maradona.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved