PIT Penguins
1
Detroit Red Wings
2
2. tempo
(0-1 : 1-1)
NY Rangers
1
MIN Wild
0
1. tempo
(1-0)
CHI Blackhawks
COL Avalanche
02:30
 
ARI Coyotes
BOS Bruins
03:00
 
DAL Stars
WAS Capitals
03:00
 
primo-passo-il-consiglio-della-magistratura-si-dimetta
Il giudice Werner Walser, presidente del Cdm
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

Mendrisiotto senza via d’uscita

L’annuncio da Berna che la terza corsia si realizzerà con dieci anni d’anticipo disorienta tra timori e paradossi
Commento
1 gior

Manuele Bertoli fiero, solitario y final

Il direttore del Decs è andato nel modo più nobile verso una sconfitta annunciata. Ricreazione finita per chi l’ha provocata, Plr in primis: ora riforme
Calcio
1 gior

Goldküste o Sonnenstube, l’importante è l’Fc Lugano

Il nuovo presidente del club bianconero, Philippe Regazzoni, vive a Küsnacht e non parla italiano. Una scelta inaspettata, ma non per forza sbagliata.
il commento
2 gior

L’Ucraina e la civetta di Minerva

Usa e Russia strette tra rivendicazioni e muscoli in mostra, ma la guerra non è inevitabile, perché oggi non è nell’interesse di nessuno
Commento
3 gior

Bavaglio ai diritti imbevuto d’alcol

Tennis Australia copre le magliette recanti la scritta ‘Dov’è Peng Shuai?’. Uno degli sponsor del torneo è una storica distilleria... cinese
Commento
3 gior

I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere

Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo
Commento
4 gior

Lo gnomo spendaccione

Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
6 gior

La mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo Hillary Clinton per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
1 sett

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 sett

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
 
01.12.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:15

Primo passo: il Consiglio della magistratura si dimetta

Nomina procuratori, la claudicante procedura di rinnovo delle cariche nel mirino della commissione parlamentare. La cui risoluzione non risparmia neppure il pg

Questa procedura di rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico è nata storta. E si è sviluppata peggio. Basti pensare al rifiuto iniziale del Consiglio della magistratura di trasmettere ai cinque procuratori dei quali ha preavvisato negativamente la rielezione, con pesanti valutazioni pure sul piano personale, gli atti su cui quelle valutazioni si sarebbero basate, minando così un diritto costituzionale, quello di essere sentito: c’è voluto il parere giuridico del già presidente del Tribunale federale Rouiller, interpellato dalla commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’, per ripristinare un’imprescindibile garanzia. Basti pensare anche alle audizioni non verbalizzate dei candidati davanti allo stesso Cdm, ad alcuni dati statistici che il citato Consiglio ha inserito nelle colonne sbagliate... Senza dimenticare gli inopportuni messaggi via WhatsApp del presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani al procuratore generale Andrea Pagani, che in questa istituzionalmente avvilente vicenda delle nomine suonavano come delle invasioni di campo, quelle della magistratura giudicante nel campo della magistratura inquirente (per l’indipendenza e l’autonomia degli organi giudiziari apparenza e sostanza si equivalgono). E poi i comunicati stampa diramati dal pg, per delle spiegazioni che avrebbe dovuto dare nelle appropriate sedi. Tutto ciò è imbarazzante e preoccupante. “Abbiamo cercato di raddrizzare la situazione”: è una dichiarazione che non può e non deve lasciare indifferenti quella consegnata ieri ai giornalisti dal presidente della ‘Giustizia e diritti’.

Parole che il deputato Luca Pagani, avvocato di professione, ha pronunciato al termine della riunione che ha visto la maggioranza della commissione proporre al plenum del parlamento la nomina di tutti i pp uscenti, inclusi i cinque bocciati dal Cdm, che postulano un nuovo mandato. C’è chi paventa il ‘massacro’ nella sessione del Gran Consiglio che si aprirà il 14, tuttavia quella trovata dalla ‘Giustizia e diritti’ è forse l’unica soluzione per evitare ulteriori danni collaterali, per uscire dal tunnel in cui è stata infilata anzitutto dal Consiglio della magistratura. La commissione è però andata oltre. Raccogliendo l’auspicio anche di questo giornale, non si è limitata a elencare i papabili alla poltrona di pp. No, nero su bianco ha ripercorso le tappe di questa claudicante procedura di rinnovo delle cariche e spiegato i motivi per cui ha ‘ripescato’ i procuratori preavvisati negativamente dal Cdm (inesistenza, fra l'altro, di “elementi sufficientemente solidi”). Consiglio della magistratura sconfessato. La ‘Giustizia e diritti’ non ha dubbi: occorrono regole procedurali stabilite per legge. La risoluzione elaborata dalla commissione e sottoposta all’approvazione del Gran Consiglio è chiara: bisogna che il parlamento introduca correttivi. Il primo, riteniamo, dovrebbero essere le dimissioni degli attuali membri, togati e laici, del Consiglio della magistratura (tema sul quale l’assemblea dei magistrati dovrebbe interrogarsi). La proposta di risoluzione non risparmia neppure il procuratore generale in carica, quando lamenta “l’assenza” di “meccanismi” per un monitoraggio efficace dell’attività del Ministero pubblico e per la valutazione “dell’operato dei magistrati”. La ‘Giustizia e diritti’ chiede al parlamento di poter analizzare e suggerire rimedi normativi, con l’ausilio di esperti. Se non sollecita una Commissione parlamentare di inchiesta, poco ci manca.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved