laRegione
hasta-siempre-diego
Fermiamoci qui (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
1 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
1 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
3 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
3 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
4 gior

Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra

Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
4 gior

Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia

La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
5 gior

L'azzardo secondo Matteo

A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
5 gior

Un mini lockdown per evitare una terza ondata

Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
Commento
6 gior

Quella stretta di mano che non s'ha da fare

Ridivampa la polemica su Minsk e sull'ipotetico Mondiale bis in Bielorussia, a fine maggio. Quando l'hockey (ma non solo) dovrebbe pensarci due volte
Il ricordo
25.11.2020 - 20:420

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo

‘È successo l’inevitabile’, scrive il giornale argentino Clarín. È morto Maradona. Brividi, tanti brividi. E un vuoto pazzesco. Anche se c’è chi dice che Diego in verità era già morto tanto tempo fa, che quello che ci era rimasto non era più lui, ci sono alcuni (come il sottoscritto) che continuavano a vedere in quell’uomo instabile, invecchiato e malandato, l’immagine del proprio eroe. Il guerriero malconcio dopo mille battaglie. Si dirà poi della sua vita disordinata, incoerente, piena di eccessi e di errori. Ed è tutto vero. Ma noi, i maradoniani, non vediamo ciò. O meglio: lo vediamo, ma (sappiate perdonare) chi se ne frega. Oggi vogliamo solo piangere.

Qualcuno ha mai provato la gioia di vedere i più potenti del pianeta umiliati da un uomo che, come unica arma, sapeva impugnare il pallone? Qualcuno ha mai urlato ‘goooool’ con tutta l’anima quando di fronte c’è mezza squadra inglese buttata per terra? Qualcuno ha mai pianto davanti alla televisione, vedendo come Diego tra le lacrime diceva ‘mi hanno tagliato le gambe’, ai Mondiali di Usa 1994?

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo: talento, carisma, eccessi, inferno e gloria. Tutto assieme in quel piccolo gigante. Parliamo del mito di un intero Paese segnato da mille cadute, che ha nel calcio la sua valvola di sfogo, quell’illusione che gli consente, almeno per un attimo, di rifarsi da tutte le sconfitte quotidiane che, posso garantire, da quelle parti sono tante, troppe.

Maradona è il calcio e il calcio laggiù è ciò che ci rende unici, speciali, noi stessi. Forse bisogna essere nati in Argentina per tremare come sto tremando mentre scrivo queste righe. Forse basta amare il calcio, chi lo sa.

Anni fa Jorge Valdano ha scritto un editoriale brillante: diceva che Maradona rappresenta l’essenza stessa dell’essere argentino. Uno strano spirito per il quale la finta vale più del passaggio, la furbizia e l’improvvisazione più di ogni strategia. Quello siamo.

Adesso Diego ha detto basta, si è fermato. Forse dobbiamo dirgli grazie. Perché ora noi, tutti i maradoniani di questo mondo, potremo goderci il nostro idolo senza più rimpianti. Non verranno più fuori frasi incoerenti, figli illegittimi, litigi assurdi e tutto quello che purtroppo ha riempito tante pagine della vita del ‘Pibe de oro’. D’ora in poi ce lo ricorderemo come più ci piace, chi con la maglia ‘albiceleste’, chi con quella del Boca, chi con quella del Napoli: petto gonfio, testa in alto, palla sul sinistro e il ‘dieci’ sulle spalle.

Oppure possiamo dirla con Eduardo Sacheri: “Quindi signori, mi dispiace. Non venite a chiedermi che lo giudichi con lo stesso metro con cui si suppone io debba giudicare tutti gli altri mortali. Perché a lui devo le due reti all’Inghilterra. E l’unico modo che ho per ringraziarlo è lasciarlo in pace con le sue cose. Visto che il tempo ha commesso lo stupido errore di continuare a trascorrere, visto che ha scelto di accumulare un sacco di presenti volgari sopra quel presente perfetto, almeno io devo avere l’onestà di ricordarlo per tutta la vita. Conservo il dovere della memoria”. Stadio Azteca, il 22 giugno 1986. Anch’io scelgo di fermarmi lì.

Hasta siempre, Diego.

 

 

© Regiopress, All rights reserved