ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
14 ore

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
14 ore

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
3 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
4 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
4 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
5 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
6 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
1 sett

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Il ricordo
25.11.2020 - 20:42

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo

hasta-siempre-diego
Fermiamoci qui (Keystone)

‘È successo l’inevitabile’, scrive il giornale argentino Clarín. È morto Maradona. Brividi, tanti brividi. E un vuoto pazzesco. Anche se c’è chi dice che Diego in verità era già morto tanto tempo fa, che quello che ci era rimasto non era più lui, ci sono alcuni (come il sottoscritto) che continuavano a vedere in quell’uomo instabile, invecchiato e malandato, l’immagine del proprio eroe. Il guerriero malconcio dopo mille battaglie. Si dirà poi della sua vita disordinata, incoerente, piena di eccessi e di errori. Ed è tutto vero. Ma noi, i maradoniani, non vediamo ciò. O meglio: lo vediamo, ma (sappiate perdonare) chi se ne frega. Oggi vogliamo solo piangere.

Qualcuno ha mai provato la gioia di vedere i più potenti del pianeta umiliati da un uomo che, come unica arma, sapeva impugnare il pallone? Qualcuno ha mai urlato ‘goooool’ con tutta l’anima quando di fronte c’è mezza squadra inglese buttata per terra? Qualcuno ha mai pianto davanti alla televisione, vedendo come Diego tra le lacrime diceva ‘mi hanno tagliato le gambe’, ai Mondiali di Usa 1994?

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo: talento, carisma, eccessi, inferno e gloria. Tutto assieme in quel piccolo gigante. Parliamo del mito di un intero Paese segnato da mille cadute, che ha nel calcio la sua valvola di sfogo, quell’illusione che gli consente, almeno per un attimo, di rifarsi da tutte le sconfitte quotidiane che, posso garantire, da quelle parti sono tante, troppe.

Maradona è il calcio e il calcio laggiù è ciò che ci rende unici, speciali, noi stessi. Forse bisogna essere nati in Argentina per tremare come sto tremando mentre scrivo queste righe. Forse basta amare il calcio, chi lo sa.

Anni fa Jorge Valdano ha scritto un editoriale brillante: diceva che Maradona rappresenta l’essenza stessa dell’essere argentino. Uno strano spirito per il quale la finta vale più del passaggio, la furbizia e l’improvvisazione più di ogni strategia. Quello siamo.

Adesso Diego ha detto basta, si è fermato. Forse dobbiamo dirgli grazie. Perché ora noi, tutti i maradoniani di questo mondo, potremo goderci il nostro idolo senza più rimpianti. Non verranno più fuori frasi incoerenti, figli illegittimi, litigi assurdi e tutto quello che purtroppo ha riempito tante pagine della vita del ‘Pibe de oro’. D’ora in poi ce lo ricorderemo come più ci piace, chi con la maglia ‘albiceleste’, chi con quella del Boca, chi con quella del Napoli: petto gonfio, testa in alto, palla sul sinistro e il ‘dieci’ sulle spalle.

Oppure possiamo dirla con Eduardo Sacheri: “Quindi signori, mi dispiace. Non venite a chiedermi che lo giudichi con lo stesso metro con cui si suppone io debba giudicare tutti gli altri mortali. Perché a lui devo le due reti all’Inghilterra. E l’unico modo che ho per ringraziarlo è lasciarlo in pace con le sue cose. Visto che il tempo ha commesso lo stupido errore di continuare a trascorrere, visto che ha scelto di accumulare un sacco di presenti volgari sopra quel presente perfetto, almeno io devo avere l’onestà di ricordarlo per tutta la vita. Conservo il dovere della memoria”. Stadio Azteca, il 22 giugno 1986. Anch’io scelgo di fermarmi lì.

Hasta siempre, Diego.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved