ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
9 ore

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
2 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
2 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
3 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
4 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
4 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
5 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
6 gior

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
6 gior

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
1 sett

Neutralità tra coerenza e opportunismo

Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
1 sett

Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas

La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
laR
 
19.11.2020 - 06:10
Aggiornamento: 16:31

Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile

Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.

iniziativa-responsabile-controprogetto-insostenibile
Keystone

Fa parte del gioco: durante una campagna per una votazione popolare, partigiani del ‘sì’ e del ‘no’ alzano i toni, gonfiano i fatti, affermano questo e sottacciono quello, rifilano a cittadini spesso ignari o disorientati mezze verità o qualche bugia. Non avevamo mai visto però tanti colpi sotto la cintola, né tanta pervicacia nel negare l’evidenza (se non nell’affermare il falso) come nelle ultime settimane. Fotografie manipolate; video ‘fake’ diffamatori sui social media; volantini ingannevoli; e anche una consigliera federale (Karin Keller-Sutter) iperattiva, che azzarda paragoni che non stanno né in cielo né in terra (“Sareste d’accordo se improvvisamente voi doveste essere ritenuti responsabili anche dei miei errori?”, ‘CdT’, 12 novembre) e taccia di neo-colonialista una proposta piuttosto terzomondista. La campagna sull’iniziativa ‘Per imprese responsabili’ è “deragliata” (‘Tages-Anzeiger’).

Ricordiamoci un paio di cose, per restare sui binari. Se un’impresa prenderà sul serio l’obbligo di dovuta diligenza, non avrà nulla da temere. Cioè: la casa madre in Svizzera non dovrà rispondere del comportamento illecito delle società controllate all’estero, qualora dimostri di aver fatto tutto quanto era ragionevole aspettarsi da lei per sorvegliarne l’attività e per porre rimedio a eventuali violazioni dei diritti umani e delle norme ambientali. I contrari all’iniziativa sostengono che si tratti di un’inversione dell’onere della prova, di una sorta di presunzione di colpevolezza. Non lo è. L’onere della prova rimane sempre a carico della parte accusatrice. È invece la ‘prova liberatoria’: qualcosa che esiste da oltre un secolo nel nostro Codice delle obbligazioni. E che va a favore dell’impresa stessa: anche nel caso in cui un tribunale (svizzero) dovesse stabilire un nesso causale tra il danno e l’attività dell’azienda controllata all’estero (e non, come i fautori del ‘no’ vogliono far credere, di qualsiasi fornitore), la casa madre in Svizzera verrà ‘scagionata’ se dimostrerà di essere stata diligente.

Ricordiamoci anche che l’alternativa è ben poca cosa. Sulla dovuta diligenza, il controprogetto contiene sì regole più severe di quelle oggi in vigore a livello di Unione europea. Tuttavia, l’invenzione di Karin Keller-Sutter non è una soluzione sostenibile. Quelle regole (circoscritte ai settori ‘lavoro minorile’ e ‘minerali provenienti da zone di conflitto’) hanno una portata insufficiente. E nell’Ue l’obbligo di rendicontazione (l’altro elemento dell’alternativa soft) si è già dimostrato ampiamente inefficace. Il fatto è che, senza una clausola sulla responsabilità civile, gli strumenti previsti sono destinati a diventare una foglia di fico. Se non peggio: a cosa serviranno, se non a prendersi più facilmente gioco dei concorrenti, norme di comportamento non accompagnate da un mezzo di pressione adeguato (come le cause civili, appunto, che saranno poche comunque: troppo costose, troppo esigenti per la parte accusatrice) che spinga le imprese a rispettarle? Non a caso le 2’500 grandi imprese (Coca-Cola, Philips, ecc.) riunite nella European Brands Association chiedono regole vincolanti, sia in materia di dovuta diligenza che di responsabilità civile.  

Anche l’iniziativa ha le sue pecche. Ad esempio: non s’è ancora capito – malgrado le rassicurazioni dei promotori – quali e quante piccole e medie imprese verrebbero colpite, né come farebbero queste a ottemperare a un obbligo di dovuta diligenza formulato in modo vago ed esteso all’intera catena di approvvigionamento. Ma toccherà semmai al Parlamento fissare i giusti paletti. E anche coloro che oggi parlano a sproposito di processi a valanga, ingerenza negli affari di Stati sovrani e 80mila imprese colpite, sanno bene che il boccino in mano ce l’avranno loro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved