laRegione
tanti-errori-tanta-energia-ma-questi-giovani-ci-salveranno
I simboli del cordoglio per il 17enne morto sabato a Soragno in un incidente stradale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

Conti del Cantone e Covid, meglio attendere

La tregua politica sul Preventivo 2021 non reggerà alla prova dei fatti. Il mondo post pandemia non sarà quello che abbiamo conosciuto
Commento
1 gior

La lezione di Elliot Page, persona transgender non binaria

Qualche riflessione dopo l'annuncio dell'attore canadese, al di là dei commenti d'odio sui social media
Il commento
1 gior

Quella carezza è arte senza tempo

Trasposizione del calcio in arte: mentre gli avvoltoi svolazzano sulla salma del mito, noi celebriamo Maradona per una punizione: quella punizione, la punizione
Commento
2 gior

Lugano, l'aeroporto e quel retrogusto amaro

All'indomani del voto, restano i mal di pancia per le modalità di liquidazione di Lasa, per il 'magro' piano sociale e il doppio referendum annullato
Commento
3 gior

Così parlò il Comandante (Cocchi)

Stupefacente incapacità nel rappresentare in modo convincente e dignitoso le istituzioni cantonali in un momento di crisi
L'analisi
3 gior

Ma come parlano? Le parole sono importanti

In Ticino abbiamo un problema con la comunicazione istituzionale. E non è un problema irrilevante, perché favorisce circospezione, incomprensioni e tensioni.
Commento
3 gior

Primo passo: il Consiglio della magistratura si dimetta

Nomina procuratori, la claudicante procedura di rinnovo delle cariche nel mirino della commissione parlamentare. La cui risoluzione non risparmia neppure il pg
il commento
4 gior

KKS ferma la ‘società civile’

Imprese responsabili, la consigliera federale è la grande vincitrice. Ma le Ong confermano la loro forza d’urto.
Commento
1 sett

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
1 sett

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Il ricordo
1 sett

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo
Commento
17.11.2020 - 19:510

Tanti errori, tanta energia. Ma questi giovani ci salveranno

Risse, mancato rispetto delle misure anti Covid: abbiamo puntato il dito contro i giovani. Ma il nostro riscatto è nelle loro grandi e preziose risorse

Che bella gioventù! Una quindicina di ragazzi, fra i 16 e i 18 anni, commossi e dignitosamente uniti nel dolore per l’amico e compagno di squadra, onorato con la casacca del proprio team, con cori personalizzati e con uno striscione. Una presenza fondamentale, di supporto a una famiglia in un momento di grande dolore. Questa l’immagine che più ci rimarrà impressa del toccante funerale del 17enne morto in un incidente di moto sabato scorso a Soragno. Una cerimonia che abbiamo scelto discretamente di seguire – e di cui abbiamo riferito – in quanto spaccato positivo di una generazione della quale troppe volte negli ultimi mesi abbiamo purtroppo parlato in termini negativi e che merita invece un supporto e delle lodi.

Le risse...

Troppe volte quest’anno e in quelli precedenti abbiamo dovuto riferire di risse giovanili, di ‘baby gang’ come ci siamo trovati a chiamarle, forse in maniera inappropriata e per una non sempre corretta comodità giornalistica e comunicativa. L’abbiamo detto, la nostra soglia della tolleranza nei confronti della violenza sta fortunatamente diminuendo. Come società non accettiamo più le ‘scazzottate’, le aggressioni verbali, il bullismo nelle sue varie forme, gli episodi di violenza più gravi basati su discriminazioni di tutti i tipi: di genere, legata al colore della pelle o alla nazionalità, all’orientamento sessuale o alla confessione religiosa. Essere più 'intolleranti' in questo senso lo riteniamo una forma di incivilimento.

... il Covid...

Ma siamo anche nel 2020, anno che non dimenticheremo mai perché contrassegnato dalla pandemia da Covid-19. Anno che sta mettendo a dura prova la nostra resistenza, il nostro vivere assieme, i nostri nervi e la nostra capacità di raziocinio. Siamo così arrivati, in particolar modo durante i mesi estivi e autunnali, a puntare di nuovo il dito contro i nostri giovani. Non per le risse stavolta, ma perché erano loro il vettore principale del virus, erano loro a non rispettare le misure di contenimento del contagio, erano loro a comportarsi in maniera irresponsabile. I giovani, con il loro innato desiderio di socializzare, di vivere, ma anche di trasgredire le regole, sono diventati il capro espiatorio di una società impreparata a gestire un’emergenza come questa.

... e una grande energia da indirizzare

Certo, hanno sbagliato. Si sbaglia. Lo facciamo noi adulti, sarebbe assurdo pensare che non lo facciano delle personalità ancora in formazione. Chi sbaglia va ripreso, anche per evitare che un errore diventi il primo di una serie o, nei casi peggiori, ricada nel penale. Ma l’errore è insito in tutti noi, fa parte del nostro percorso di crescita e non si limita certo soltanto all’adolescenza. E non dimentichiamo che oltre agli errori c’è molto di più. È forse paradossale che siano eventi toccanti ma tristi come i funerali a ricordarcelo. Oltre a quello odierno anche quello del giovane Lucas Portmann, pure tragicamente scomparso un mese fa nel Luganese. Abbiamo visto giovani uniti dallo sport, dalla musica, da altre passioni. Ma soprattutto dall’amore per gli amici, per la famiglia. Ragazzi mossi da emozioni profonde. Una gioventù che ha le risorse per reagire a un anno che nessuno meritava, che ha le risorse per capire cosa è giusto e cosa no, che ha le risorse per contribuire a costruire un futuro migliore. Sta anche a noi però intercettare la loro energia così preziosa in questo periodo ed essere in grado di riconoscerla e indirizzarla affinché si esprima in modo costruttivo per la collettività.

© Regiopress, All rights reserved