tanti-errori-tanta-energia-ma-questi-giovani-ci-salveranno
I simboli del cordoglio per il 17enne morto sabato a Soragno in un incidente stradale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
4 min

Usa e Russia, una guerra molto fredda

Lo spostamento di bombardieri B52 in Norvegia può provocare un'escalation nell'Artico, nuovo campo di battaglia per le superpotenze mondiali
LA formica rossa
1 gior

I soldi comprano le parole e anche i diritti

Subordinare la naturalizzazione al fatto di non aver chiesto aiuto all'assistenza per 10 anni è l'ennesimo esempio della stessa mistificazione politica
Commento
1 gior

Bifolco e farabutto lo diciamo troppo poco

Le parole e l'uso (morigerato) che ne facciamo. Abbiamo perso di vista gli aggettivi, tesori inestimabili che ci intimidiscono
Commento
1 gior

Iniziativa ‘anti-burqa’, c’è del buono nel pot-pourri

Il Comitato di Egerkingen vuole fermare 'l’islamizzazione della Svizzera' vietando il velo integrale. Ma esistono già gli strumenti per far fronte a derive
Commento
2 gior

Le emozioni dello sport vanno condivise

Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport
Commento
3 gior

I soldi, lo sballo, il gioco dello stupro tra Pornhub e Genovese

Di prima mattina, al semaforo, sull’utilitaria davanti a me mi colpiscono i colori squillanti di un adesivo a tutto lunotto: “Pornhub”
Commento
3 gior

Tony Judt, OpenLux e la cassaforte delle ingiustizie

Un’inchiesta giornalistica racconta di come il Lussemburgo sia la capitale dell’elusione fiscale: una scappatoia che mette a rischio lo stato sociale di intere nazioni
Commento
5 gior

Per i grandi progetti, più potere al popolo

Invece di lamentarsi se si ricorre al referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti
Sguardo a nord
5 gior

La meglio gioventù e l’epidemia silenziosa

Le nuove generazioni sanno adattarsi, ma non bisogna sopravvalutarle né dimenticare che la Svizzera presenta uno dei tassi di suicidio più alti al mondo
Commento
5 gior

Ketty Fusco, un ricordo

L'attrice, regista e scrittrice raccontata da Renato Reichlin, già Direttore del Teatro Sociale di Bellinzona e di LuganoInScena
Commento
6 gior

Lugano, quei limiti dietro alla solidità

Un numero esagerato di pareggi rischia di compromettere la classifica dei bianconeri. Urge un pronto ritorno alla vittoria. Per non correre rischi evitabili
Commento
17.11.2020 - 19:510

Tanti errori, tanta energia. Ma questi giovani ci salveranno

Risse, mancato rispetto delle misure anti Covid: abbiamo puntato il dito contro i giovani. Ma il nostro riscatto è nelle loro grandi e preziose risorse

Che bella gioventù! Una quindicina di ragazzi, fra i 16 e i 18 anni, commossi e dignitosamente uniti nel dolore per l’amico e compagno di squadra, onorato con la casacca del proprio team, con cori personalizzati e con uno striscione. Una presenza fondamentale, di supporto a una famiglia in un momento di grande dolore. Questa l’immagine che più ci rimarrà impressa del toccante funerale del 17enne morto in un incidente di moto sabato scorso a Soragno. Una cerimonia che abbiamo scelto discretamente di seguire – e di cui abbiamo riferito – in quanto spaccato positivo di una generazione della quale troppe volte negli ultimi mesi abbiamo purtroppo parlato in termini negativi e che merita invece un supporto e delle lodi.

Le risse...

Troppe volte quest’anno e in quelli precedenti abbiamo dovuto riferire di risse giovanili, di ‘baby gang’ come ci siamo trovati a chiamarle, forse in maniera inappropriata e per una non sempre corretta comodità giornalistica e comunicativa. L’abbiamo detto, la nostra soglia della tolleranza nei confronti della violenza sta fortunatamente diminuendo. Come società non accettiamo più le ‘scazzottate’, le aggressioni verbali, il bullismo nelle sue varie forme, gli episodi di violenza più gravi basati su discriminazioni di tutti i tipi: di genere, legata al colore della pelle o alla nazionalità, all’orientamento sessuale o alla confessione religiosa. Essere più 'intolleranti' in questo senso lo riteniamo una forma di incivilimento.

... il Covid...

Ma siamo anche nel 2020, anno che non dimenticheremo mai perché contrassegnato dalla pandemia da Covid-19. Anno che sta mettendo a dura prova la nostra resistenza, il nostro vivere assieme, i nostri nervi e la nostra capacità di raziocinio. Siamo così arrivati, in particolar modo durante i mesi estivi e autunnali, a puntare di nuovo il dito contro i nostri giovani. Non per le risse stavolta, ma perché erano loro il vettore principale del virus, erano loro a non rispettare le misure di contenimento del contagio, erano loro a comportarsi in maniera irresponsabile. I giovani, con il loro innato desiderio di socializzare, di vivere, ma anche di trasgredire le regole, sono diventati il capro espiatorio di una società impreparata a gestire un’emergenza come questa.

... e una grande energia da indirizzare

Certo, hanno sbagliato. Si sbaglia. Lo facciamo noi adulti, sarebbe assurdo pensare che non lo facciano delle personalità ancora in formazione. Chi sbaglia va ripreso, anche per evitare che un errore diventi il primo di una serie o, nei casi peggiori, ricada nel penale. Ma l’errore è insito in tutti noi, fa parte del nostro percorso di crescita e non si limita certo soltanto all’adolescenza. E non dimentichiamo che oltre agli errori c’è molto di più. È forse paradossale che siano eventi toccanti ma tristi come i funerali a ricordarcelo. Oltre a quello odierno anche quello del giovane Lucas Portmann, pure tragicamente scomparso un mese fa nel Luganese. Abbiamo visto giovani uniti dallo sport, dalla musica, da altre passioni. Ma soprattutto dall’amore per gli amici, per la famiglia. Ragazzi mossi da emozioni profonde. Una gioventù che ha le risorse per reagire a un anno che nessuno meritava, che ha le risorse per capire cosa è giusto e cosa no, che ha le risorse per contribuire a costruire un futuro migliore. Sta anche a noi però intercettare la loro energia così preziosa in questo periodo ed essere in grado di riconoscerla e indirizzarla affinché si esprima in modo costruttivo per la collettività.

© Regiopress, All rights reserved