trump-se-ne-va-ma-il-trumpismo-resta
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro

Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
22 ore

Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini

Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 gior

La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti

India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
2 gior

Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra

La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
DISTRUZIONI PER L’USO
2 gior

Classici e razzismo: precisazioni su Howard (e Marion)

L'università afroamericana non chiude il dipartimento di ‘Classics’ per via della ‘cancel culture’. Ma in Italia e in Ticino si preferisce non verificare
Commento
3 gior

Il non rinnovo di Pelletier, un epilogo in parte già scritto

Non si tratta di un fulmine a ciel sereno, ma la fine di un capitolo probabilmente solo rimandato dalla pandemia
Commento
3 gior

I guardiani della risata

Per molti, se una battuta non ci fa ridere, non deve ridere nessuno. Ma per il comico Ricky Gervais "se ti senti offeso, non è detto tu abbia ragione"
La formica rossa
4 gior

C’era una volta il fioretto, ora la spada affonda il Triciclo

Gli accordi saltano quando si parla di poltrone. E di Centro. Serve leggere tra le righe, non solo in un pomeriggio dei lunghi coltelli come quello di ieri
Commento
4 gior

La storiella, la campana e il coraggio politico (che ci manca)

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta: 'È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto'
Commento
07.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 08.11.2020 - 08:31

Trump se ne va, ma il trumpismo resta

La vittoria quasi certa di Joe Biden è un'ottima notizia, ma i problemi e le divisioni di fondo restano, negli Usa e nel mondo

La speranza di molti Democratici, ma più in generale di tutti quelli che Donald Trump non lo reggono più, era che nella notte del 3 novembre si verificasse una valanga immediata: la mappa degli Stati Uniti che diventa tutta blu in poche ore, blu la Florida, blu il Texas, blu magari anche l’Oklahoma e l’Appenzello Interno. Non è andata così, come dimostrano le occhiaie di tutti dopo giorni e giorni di conteggi. Anche perché si trattava di un’illusione, dato il sistema elettorale americano e l’enorme massa di voti per posta, sia pure un’illusione comprensibile: c’era la voglia non solo di liberarsi di Trump, ma di farlo con un gesto talmente plateale da cancellare in effigie tutto ciò che difende e rappresenta, il populismo, il razzismo, il viscido maschilismo da vecchio infoiato.

Il fatto che le cose siano andate per le lunghe non deve far pensare a una vittoria a metà: Joe Biden ha ottenuto perfino più preferenze di Barack Obama, risultando il presidente più votato della storia. E alla fine, nonostante il perverso sistema dei ‘grandi elettori’, salvo sorprese dovrebbe conquistarne la maggioranza. Con buona pace di un Donald Trump sempre più disonesto e meschino, che continua a contestare la legalità del voto nell’unico modo in cui può farlo, e come ha fatto fin qui su tante altre cose: mentendo. Ormai i grandi network come Abc, Cbs e Nbc devono addirittura interrompere le dirette dei suoi discorsi infamanti e deliranti. Farà di tutto per andarsene sbattendo la porta, alimentando in milioni di persone la percezione dell’elezione rubata. Con quello che ne può conseguire, quando tra i tuoi fedelissimi ci sono persone che credono a un governo mondiale di pedofili capeggiato da Obama e Soros, alla superiorità della razza bianca e alla necessità di andare in giro armati fino ai denti.

Ma è stato quasi un bene che la notte elettorale non si sia risolta in un rapido fuoco d’artificio: questi giorni passati a masticare numeri e unghie aiutano anche a capire come la realtà sia ben più coriacea delle illusioni, e come una sconfitta di Trump non significhi la fine di tutto quello che lo ha portato alla Casa Bianca. D’altronde il presidente uscente ha preso 70 milioni di voti; segno, come ha scritto Luca Sofri, che “il mondo va ancora in quella direzione là, malgrado gli accadimenti di quest’anno siano stati una variabile imprevista che ha creato difficoltà all’assenza di competenza e responsabilità dei demagoghi in tutto il mondo”. Trump va, il trumpismo resta.

A lavorarci sopra pare ormai chiamato un presidente stanco e anodino, che Obama scelse come vice per riportare la carica a una dimensione quasi cerimoniale, dopo gli eccessi del diabolico Dick Cheney. Un profilo uscito vincitore dalle ennesime primarie perché non dava fastidio a nessuno, la cui campagna elettorale è consistita nel mimetizzarsi con la tappezzeria e lasciare che fosse Trump a farsi male da solo. Ma anche una persona pacata, quasi balsamica quando si tratta di medicare certe ferite. Dovrà affrontare una politica incarognita, ma anche quelle oggettive fratture sociali che alimentano il risentimento di una bella fetta d’America; e forse dovrà farlo col Senato contro. I problemi più gravi restano anche senza Trump, insomma. Comunque sia, auguri al vecchio Joe: da qualche parte bisognerà pur cominciare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved