laRegione
non-puo-esserci-amore-diverso
Papà in famiglia
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
2 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
2 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
3 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
4 gior

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
4 gior

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
5 gior

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
5 gior

Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda

Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
5 gior

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
L'analisi
6 gior

'Je suis Samuel'

La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà
Commento
02.10.2020 - 06:000

Non può esserci amore 'diverso'

La testimonianza di Christian e Mimmo, famiglia omogenitoriale, che dopo Leon, due anni, ha accolto Luce

Non può esserci un amore ‘diverso’. E chi lo giudica ‘diversamente’, dall’alto di pregiudizi, qualsivoglia fede o preconcetti, sbaglia. L’amore è universale e quindi ci accomuna tutti, uomini e donne, donne e donne, uomini e uomini. Lo dovremmo ormai aver imparato, dopo che papa Francesco ce lo ha detto chiaramente: ‘Chi sono io per giudicare?’. E se ce lo dice lui! Quell’amore che ci testimoniano oggi a pagina 13 Christian e Mimmo, che ben sanno – quale infermiere l’uno e assistente di cura l’altro, 41 anni entrambi – come donarsi all’altro, ovvero il senso ultimo dell’amore. Famiglia omogenitoriale, dopo Leon, due anni, hanno accolto a metà agosto Luce, nata da maternità surrogata oltre oceano, laddove anche a una coppia gay è permesso di avere un figlio. Il Canada che, da europei, abbiamo scoperto, ma che ci ha poi superati, migliaia di miglia, in libertà, diritti ed emancipazione.

Christian e Mimmo ci hanno raccontato, per la seconda volta, la felicità e le preoccupazioni di essere padri insieme. Con estrema naturalezza, con grande coraggio (in una società sempre più contraddistinta da imboscati e pavidi leoni da tastiera), con smisurato orgoglio. E noi abbiamo raccolto la loro testimonianza senza chiederci un perché di fondo, un ‘ma domani come sarà per i bambini?’. Quel futuro, infatti, che non possiamo prevedere per i nostri figli, figuriamoci per quelli degli altri. Ci è bastato così percepire nelle loro parole un forte senso di positività, tanta voglia di essere un ‘noi’ come quello di molte famiglie, dove la casa resta un punto fermo, dove le relazioni si vivono ‘sul campo’, con tutti i suoi pro e i suoi contro, soprattutto nel momento, delicato, in cui da due si passa a tre e più. Non c’è, dunque, routine diversa quando in una coppia entra un bambino, il mondo comincia a girare attorno a lui, il cui unico bisogno resta l’amore (quante storie tristi e dolorose di bambini ce lo hanno insegnato!). E allora perché non chiamarlo così, amore? Perché pensare che possa per questo figlio o figlia, rispetto a tanti loro coetanei, essere… diverso?

Leon e ora Luce hanno e avranno due papà, ma non per questo saranno meno amati. Anzi. Quante mamme anaffettive abbiamo incontrato negli asili o nei parchi giochi… Sempre di corsa, nervose, attente più alla ‘forma’ che alla sostanza? Christian e Mimmo non hanno però voluto alzare l’inutile polvere della polemica o della replica, dopo soprattutto che, fra commenti positivi, numerosi inviti di amicizia via social e richieste di consigli, hanno anche dovuto raccogliere i soliti vomitevoli post di chi fatica, sempre e comunque, a digerire la felicità altrui. ‘Pensa un po’ se poi costruita e meritata in questo modo…’ avrà certamente pensato il mentecatto di turno... Eppure sarebbe più semplice, più umano condividerne la gioia anziché rodersi per una serenità giustamente guadagnata giorno dopo giorno, nella riservatezza e nel rispetto altrui. Chi sono io per giudicare? Ce lo ricordiamo davvero? O meglio, perché non ricordarlo una volta per tutte? Ci faciliterebbe un rapporto più intelligente con l’altro e forse anche qualche bruciore di stomaco in meno.

© Regiopress, All rights reserved