laRegione
tra-euforia-finanziaria-e-pessimismo-economico
(foto Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

Lugano, l'aeroporto e quel retrogusto amaro

All'indomani del voto, restano i mal di pancia per le modalità di liquidazione di Lasa, per il 'magro' piano sociale e il doppio referendum annullato
Commento
22 ore

Così parlò il Comandante (Cocchi)

Stupefacente incapacità nel rappresentare in modo convincente e dignitoso le istituzioni cantonali in un momento di crisi
L'analisi
22 ore

Ma come parlano? Le parole sono importanti

In Ticino abbiamo un problema con la comunicazione istituzionale. E non è un problema irrilevante, perché favorisce circospezione, incomprensioni e tensioni.
Commento
22 ore

Primo passo: il Consiglio della magistratura si dimetta

Nomina procuratori, la claudicante procedura di rinnovo delle cariche nel mirino della commissione parlamentare. La cui risoluzione non risparmia neppure il pg
il commento
1 gior

KKS ferma la ‘società civile’

Imprese responsabili, la consigliera federale è la grande vincitrice. Ma le Ong confermano la loro forza d’urto.
Commento
4 gior

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
5 gior

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Il ricordo
6 gior

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo
Il ricordo
6 gior

Ho visto Maradona, ho visto Maradona

Simbolo di rivalsa sociale, simbolo di Napoli, città alla quale ha voluto bene. Imperfetto, autodistruttivo, a volte patetico. Ma il più grande di sempre.
Commento
30.07.2020 - 06:000

Tra euforia finanziaria e pessimismo economico

Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero

Si afferma spesso che l’economia finanziaria, quella fatta di carta e scommesse, sia completamente sganciata dall’economia reale, quella fatta invece di produzione e consumi di beni e servizi. Guardando l’andamento dei listini delle principali piazze borsistiche mondiali delle ultime settimane (in netto recupero) e le proiezioni sul Prodotto interno lordo (in forte calo) l’affermazione sembra essere confermata dai fatti. Ancora una volta, quindi, economia reale e piazze finanziarie non sono affatto sincronizzate. Il coronavirus prima ha fatto precipitare il mondo intero in una pandemia globale e ora, dopo la crisi sanitaria, anche quella economica non ha tardato a manifestarsi. Da una parte ci sono il mercato del lavoro e il Pil che faticano a riprendersi e dall’altra i listini finanziari che dopo un momento di turbolenza sembrano aver recuperato il terreno perso come se - apparentemente - nulla fosse successo. Se ci limitiamo ad osservare il solo indice Smi della Borsa svizzera - il discorso vale anche per altri indici -, era a quota 9’800 punti esattamente un anno fa e ieri si situava a oltre 10’250 punti: circa il 3% in più rispetto a dodici mesi prima quando del Covid-19 non si sapeva nemmeno cosa fosse. Certo, rispetto ai massimi storici toccati lo scorso 16 febbraio (oltre 11’100 punti), si è ancora ampiamente in territorio negativo.  

I dati macroeconomici per le principali economie mondiali invece vanno in tutt’altra direzione rispetto alle Borse. L’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, stima una diminuzione del Pil globale del 6%. Per l’Europa le previsioni di contrazione dell’economia sono vicine al 10% e oltre all’11% in caso di una recrudescenza della pandemia di coronavirus. Per la Svizzera, il calo del Pil sarà meno pronunciato (tra il -5,4% e il -7,7% a seconda degli istituti di previsione), ma comunque di profondità sconosciuta negli ultimi decenni e che molto probabilmente lascerà segni duraturi nella struttura economica del Paese negli anni a venire a partire dal livello di indebitamento pubblico e privato.

E proprio qui sta la risposta alla domanda di come mai c’è questa contrapposizione tra finanza ed economia reale. Banche centrali e governi per far fronte alle conseguenze della crisi indotta dal coronavirus hanno messo in campo strumenti eccezionali sia di politica monetaria, sia di politica economica espandendo da una parte ancora una volta l’offerta di moneta e dall’altra varando ampi piani di sostegno a imprese e lavoratori. I mercati finanziari, come sta avvenendo del resto da oltre un decennio, stanno reagendo a questi stimoli e alle attese di interventi pubblici in modo pavloviano. Un esempio è dato proprio dal varo del Recovery Fund a livello di Unione europea un mese fa. Non è ancora chiaro come e quando i 750 miliardi di euro verranno spesi che la sola aspettativa di un importante stimolo fiscale ha fatto balzare in modo importante i listini. Esauriti questi effetti, la tendenza degli stessi mercati finanziari è quella di ripiegare. Per questa ragione molti economisti guardano con timore al prossimo autunno quando, scontato l’intervento pubblico, sarà più chiara la direzione che prenderà l’economia reale. E non è per nulla certo che sarà una ripresa a V: una rapida discesa e un’altrettanta veloce risalita.

© Regiopress, All rights reserved