laRegione
Nuovo abbonamento
la-mafia-fra-bucalettere-bar-e-terreni
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Il festival che non c’è, dalla Piazza alle mascherine

Inevitabile, in questo strano 2020 pandemico, pensare a quello che è stato il Festival di Locarno, a quella condivisione che non c'è più. E che speriamo ritorni
Commento
1 gior

Ho visto un re (che scappava)

La parabola di Juan Carlos e la fine delle monarchie
L'analisi
2 gior

Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere

Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
3 gior

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
4 gior

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
4 gior

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
6 gior

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 sett

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
1 sett

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
1 sett

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
1 sett

Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema

Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
27.07.2020 - 06:100

La mafia fra bucalettere, bar e terreni…

In Svizzera presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine fra cui Ticino!

Nelle sue diverse declinazioni, a seconda della regione di provenienza, la mafia continua a far scorrere fiumi d’inchiostro. Anche la domenica. Come noto, a ridestare l’interesse di giornalisti e opinione pubblica nazionale è stata la maxi-inchiesta che ha visto impegnati al fronte delle indagini inquirenti italo-svizzeri. Un’inchiesta che ha portato all’arresto di parecchie persone oltre confine e anche da noi. La ‘Nzz am Sonntag’ ha battuto il ferro ancora caldo rivelando ieri che sul territorio elvetico sarebbero presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine, fra cui Ticino, Vallese e Grigioni, e in città e agglomerati di altri cantoni (evidenza confermata proprio dall’operazione di Catanzaro, con perquisizioni e un arresto fra Argovia, Soletta e Zugo).

Bar vuoti che fanno utili!

Come già avvenuto in altre occasioni, quando dalla palude criminogena qualcosa emerge, c’è chi ripete che, ahinoi!, abbiamo inquirenti non sempre all’altezza, non sempre sufficientemente attenti e capaci di coordinarsi… a causa del federalismo. In questo momento – tra l’altro – anche il Ministero pubblico della Confederazione vive un periodo molto difficile con l’agonia dello scandalo Lauber e la sua annunciata partenza. C’è perciò urgente bisogno che qualcuno prenda seriamente in mano l’emergenza, partendo da tanti dati che si possono osservare nei rapporti d’indagine, ma non solo. Pure l’autorità politica deve darsi una mossa e svegliarsi dal torpore, perché dispone già di informazioni molto significative che dovrebbero indurre all’azione. Il giornale fornisce alcuni esempi lampanti: cosa significa quando leggiamo che “in Ticino diversi bar sono vuoti tutto il giorno, ma realizzano un giro d’affari importante”?. Cosa significa se – anche se non è sempre una prova – all’ufficio tassazioni risulta che un’attività (un bar, un ristorante, un negozio...) ha delle entrate importanti, mentre ve ne sono altre in zona che fanno fatica? Ovvia risposta: che potrebbe esserci qualcosa che non va. Dubbio quindi legittimo: si sta forse riciclando alla vecchia maniera della Pizza Connection? Dai, dobbiamo forse sempre attendere che a dirci quali attività puzzano siano gli italiani? O i nostri 007 attraverso i dati fiscali possono magari anche loro avvertire pure puzza di bruciato?

Quante bucalettere nel Moesano!

Altro tema, già menzionato negli anni, è poi quello delle società bucalettere. Cosa ribadisce il domenicale zurighese? Che le organizzazioni criminali sono solite utilizzarle – citiamo – “per lavare il denaro frutto di attività criminali”. “Solo nella valle grigionese di lingua italiana – ricorda il foglio – sono registrate circa 2mila società di questo tipo, per una popolazione di 8’300 abitanti”. Spuntate come funghi! Già! Come mai?

E certa edilizia?

Un brivido lo avvertiamo quando leggiamo che la sindaca di San Vittore Nicoletta Noi Togni (che in passato si è già attivata anche contro le bucalettere) dichiara al domenicale che, sì, è consapevole del problema, ma che ha “le mani legate nei confronti di questo modus operandi che contempla anche, oltre alla fondazione di società fittizie, pure l’acquisto di terreni”. E poi – udite udite – “gli abitanti sono contenti quando ciò accade, perché almeno qualcuno vuole costruire”. Sì, ma piazzando che genere di capitali? Puliti o sporchi?

© Regiopress, All rights reserved