NY Rangers
2
PHI Flyers
0
1. tempo
(2-0)
Detroit Red Wings
Seattle Kraken
01:30
 
TOR Leafs
COL Avalanche
01:30
 
OTT Senators
VAN Canucks
01:30
 
l-umanita-alla-prova-del-5g-oltre-i-complottismi
L’umanità oltre il 5G
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
20 ore

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
1 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
2 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
2 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
2 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
4 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
4 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
5 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
5 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
5 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
12.02.2020 - 06:300

L’umanità alla prova del 5G (oltre i complottismi)

Quello di cui abbiamo bisogno è una riflessione sulle vere sfide del 5G, tra fiducia verso le istituzioni e trasformazioni sociali. Al di là delle tifoserie

E se provassimo, per una volta, a parlare di 5G andando al di là di antenne, potenza delle emissioni, lunghezze d’onda, cancerogenicità, moratorie? Soprattutto, andando al di là del gioco “sei favorevole o contrario”, buono per il tifo sportivo e non per un serio dibattito pubblico? È quello che gli amici della Fondazione Möbius e della Biblioteca cantonale di Lugano hanno tentato di fare lunedì sera, invitando Fulvio Caccia e Graziano Martignoni, con l’idea, appunto, di ampliare lo sguardo su un tema che ormai non è più solo tecnologico.

Un incontro interessante, anche se l’aspirazione a una discussione seria sull’argomento si è purtroppo rivelata illusoria – e non tanto per la presenza, peraltro ben gestita dai moderatori, della rumorosa minoranza degli oltranzisti anti 5G con le loro “ricerche non ufficiali”, onde millimetriche, alberi abbattuti eccetera. Il vero problema, piuttosto, è quello di aver forse guardato troppo lontano, abbracciando un panorama così ampio che, grazie anche all’erudizione dei due oratori, è stato fin troppo facile perdervisi.

Proviamo allora a condensare il tema intorno a due concetti-chiave.

E il primo di questi concetti-chiave è certamente la fiducia: la sensazione, seguendo l’incontro, è che le (preziose) informazioni tecniche – su onde elettromagnetiche, regolamentazioni ed effetti sulla salute – presentate da Caccia siano un po’ cadute nel vuoto. Perché complesse, perché anche a chi piace il progresso spesso sono oscuri i metodi e i tempi della ricerca scientifica. Resta la fiducia: nelle istituzioni nazionali e internazionali che vagliano e valutano l’imponente mole di ricerche spesso contraddittorie – e ci potremmo aggiungere anche la fiducia verso associazioni, aziende, cittadini. Fiducia non vuol dire fede cieca e incondizionata. Non si tratta, quindi, di accettare in silenzio quanto affermato o imposto da qualcuno, ma di riconoscerne l’autorevolezza (e i limiti di questa autorevolezza). Di fronte alla crescente complessità della nostra società, diventa sempre più importante saper valutare correttamente chi e quanto è meritevole di fiducia.

Il secondo punto – e penso qui all’intervento di Martignoni – riguarda il rapporto tra umanità e tecnologia. Risparmiandovi le citazioni heideggeriane, è indubbio che molte innovazioni ridefiniscano la nostra società e quindi la nostra idea di umanità. È sempre avvenuto così e se devo pensare alla tecnologia che più ha cambiato la natura umana, più che a computer e cellulari mi viene in mente la scrittura. Tuttavia oggi assistiamo a un’accelerazione che rende difficile, almeno per parte della popolazione, trovare un proprio equilibrio. Ma la risposta non può essere il pensiero nostalgico verso un passato creduto “più autentico” e in realtà mai esistito perché immaginato in base a (comprensibili) timori: è questo un atteggiamento altrettanto sciocco dell’acritica accettazione della retorica del progresso morale dell’umanità attraverso la tecnologia, purtroppo unica risposta delle aziende di telecomunicazione alle perplessità di parte della popolazione. La sfida del 5G non è il numero di dispositivi connessi per chilometro quadrato, ma la nostra capacità di riflettere, come società, sulle trasformazioni che la tecnologia comporta. Ma è un ragionamento difficile, se ci si ferma a sragionare di onde elettromagnetiche killer, morie di insetti e uccelli, verità nascoste da una potente congiura globale – ovviamente smascherata da uno studente che aveva due ore libere – e via elencando bufale e complottismi che purtroppo non mancano, nel dibattito sul 5G.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved