laRegione
l-umanita-alla-prova-del-5g-oltre-i-complottismi
L’umanità oltre il 5G
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
1 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
1 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
2 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
6 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
1 sett

Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra

Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
12.02.2020 - 06:300

L’umanità alla prova del 5G (oltre i complottismi)

Quello di cui abbiamo bisogno è una riflessione sulle vere sfide del 5G, tra fiducia verso le istituzioni e trasformazioni sociali. Al di là delle tifoserie

E se provassimo, per una volta, a parlare di 5G andando al di là di antenne, potenza delle emissioni, lunghezze d’onda, cancerogenicità, moratorie? Soprattutto, andando al di là del gioco “sei favorevole o contrario”, buono per il tifo sportivo e non per un serio dibattito pubblico? È quello che gli amici della Fondazione Möbius e della Biblioteca cantonale di Lugano hanno tentato di fare lunedì sera, invitando Fulvio Caccia e Graziano Martignoni, con l’idea, appunto, di ampliare lo sguardo su un tema che ormai non è più solo tecnologico.

Un incontro interessante, anche se l’aspirazione a una discussione seria sull’argomento si è purtroppo rivelata illusoria – e non tanto per la presenza, peraltro ben gestita dai moderatori, della rumorosa minoranza degli oltranzisti anti 5G con le loro “ricerche non ufficiali”, onde millimetriche, alberi abbattuti eccetera. Il vero problema, piuttosto, è quello di aver forse guardato troppo lontano, abbracciando un panorama così ampio che, grazie anche all’erudizione dei due oratori, è stato fin troppo facile perdervisi.

Proviamo allora a condensare il tema intorno a due concetti-chiave.

E il primo di questi concetti-chiave è certamente la fiducia: la sensazione, seguendo l’incontro, è che le (preziose) informazioni tecniche – su onde elettromagnetiche, regolamentazioni ed effetti sulla salute – presentate da Caccia siano un po’ cadute nel vuoto. Perché complesse, perché anche a chi piace il progresso spesso sono oscuri i metodi e i tempi della ricerca scientifica. Resta la fiducia: nelle istituzioni nazionali e internazionali che vagliano e valutano l’imponente mole di ricerche spesso contraddittorie – e ci potremmo aggiungere anche la fiducia verso associazioni, aziende, cittadini. Fiducia non vuol dire fede cieca e incondizionata. Non si tratta, quindi, di accettare in silenzio quanto affermato o imposto da qualcuno, ma di riconoscerne l’autorevolezza (e i limiti di questa autorevolezza). Di fronte alla crescente complessità della nostra società, diventa sempre più importante saper valutare correttamente chi e quanto è meritevole di fiducia.

Il secondo punto – e penso qui all’intervento di Martignoni – riguarda il rapporto tra umanità e tecnologia. Risparmiandovi le citazioni heideggeriane, è indubbio che molte innovazioni ridefiniscano la nostra società e quindi la nostra idea di umanità. È sempre avvenuto così e se devo pensare alla tecnologia che più ha cambiato la natura umana, più che a computer e cellulari mi viene in mente la scrittura. Tuttavia oggi assistiamo a un’accelerazione che rende difficile, almeno per parte della popolazione, trovare un proprio equilibrio. Ma la risposta non può essere il pensiero nostalgico verso un passato creduto “più autentico” e in realtà mai esistito perché immaginato in base a (comprensibili) timori: è questo un atteggiamento altrettanto sciocco dell’acritica accettazione della retorica del progresso morale dell’umanità attraverso la tecnologia, purtroppo unica risposta delle aziende di telecomunicazione alle perplessità di parte della popolazione. La sfida del 5G non è il numero di dispositivi connessi per chilometro quadrato, ma la nostra capacità di riflettere, come società, sulle trasformazioni che la tecnologia comporta. Ma è un ragionamento difficile, se ci si ferma a sragionare di onde elettromagnetiche killer, morie di insetti e uccelli, verità nascoste da una potente congiura globale – ovviamente smascherata da uno studente che aveva due ore libere – e via elencando bufale e complottismi che purtroppo non mancano, nel dibattito sul 5G.

© Regiopress, All rights reserved