il-presunto-assassinio-di-viganello-e-lo-scivolone-del-ps
Il post "incriminato"
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 min

I vaccini dovrebbero essere un affare di Stato

La pandemia di coronavirus sta facendo emergere contraddizioni nella gestione e distribuzione dei preparati anti-Covid. Eppure sono la chiave strategica della ripresa
Commento
11 ore

La selva oscura dei sottosegretari

In Italia abbondano: quello all'Istruzione ha citato Topolino pensando fosse Dante, quella alla Cultura dice di non aver mai letto un libro in tre anni
L'analisi
17 ore

Nessun vaccino israeliano per i palestinesi

Netanyahu ha promesso a paesi amici d’Africa e America latina di donar loro le prevedibili dosi in eccesso. Nulla invece per Gaza e Cisgiordania
Sogno o son Festival
1 gior

Sanremo e il Ministero del Divertimento

Lo chiede De Gregori, per la musica e i musicisti. Intanto il Festival parte, perché 'il servizio pubblico non è solo informare, ma anche quote di leggerezza'.
Commento
2 gior

Videogiochi ‘diabolici’ che plasmano le menti dei ragazzini

Il mondo virtuale sa nutrire l'autostima di milioni di adolescenti, alcuni poi nella vita reale faticano ad adattarsi
Commento
4 gior

Quel pacco sulla porta e il futuro del lavoro

Dal mondo dei trasporti e delle consegne arriva un assaggio di quello che potrebbe essere l’avvenire di tutti, se non ci diamo una mossa
Commento
5 gior

Monsignor Azzolino Chiappini prosciolto, bene. E i motivi?

Solo una comunicazione ufficiale completa può fugare ogni dubbio, anche residuo. Da questo punto di vista la recente nota della Procura è un pessimo esempio
L'analisi
6 gior

Usa e Russia, una guerra molto fredda

Lo spostamento di bombardieri B52 in Norvegia può provocare un'escalation nell'Artico, nuovo campo di battaglia per le superpotenze mondiali
LA formica rossa
1 sett

I soldi comprano le parole e anche i diritti

Subordinare la naturalizzazione al fatto di non aver chiesto aiuto all'assistenza per 10 anni è l'ennesimo esempio della stessa mistificazione politica
Commento
1 sett

Bifolco e farabutto lo diciamo troppo poco

Le parole e l'uso (morigerato) che ne facciamo. Abbiamo perso di vista gli aggettivi, tesori inestimabili che ci intimidiscono
Commento
1 sett

Iniziativa ‘anti-burqa’, c’è del buono nel pot-pourri

Il Comitato di Egerkingen vuole fermare 'l’islamizzazione della Svizzera' vietando il velo integrale. Ma esistono già gli strumenti per far fronte a derive
Commento
20.12.2019 - 16:510

Il presunto assassinio di Viganello e lo scivolone del Ps

Fa discutere per il tempismo un post della sezione cittadina: tematizza il problema del disagio sociale, ma per molti è strumentalizzazione politica

'Fuori luogo'. Un post su Instagram del Partito socialista luganese non è piaciuto a molti. "Peccato che la sera stessa dell'omicidio presso la Pensione la maggioranza Lega, Plr e Ppd del Consiglio comunale abbia bocciato l'emendamento di Ps-Pc-Verdi per potenziare gli operatori sociali al fine di prevenire e prendere meglio a carico il crescente disagio sociale in Città" : questi i 280 caratteri che a tanti hanno fatto storcere il naso.

L’assassinio – presunto, allo stato attuale – al quale si fa riferimento è quello avvenuto alla pensione La Santa di Viganello martedì sera, vittima un 35enne ticinese. Lasciando da parte un’inesattezza trascurabile, in quanto la bocciatura dell’emendamento in questione è avvenuta durante la seduta del lunedì sera, ciò che ha colpito in negativo molti probabilmente è il tempismo delle dichiarazioni.

Il rispetto per i defunti è una componente molto radicata nella nostra cultura. Un aspetto col quale anche noi giornalisti dobbiamo frequentemente confrontarci, talvolta – e sono i momenti peggiori – nel dialogo diretto con le famiglie. Non è mai facile. Ed è sempre delicato, spesso si ha paura di fare un passo falso e capita che lo si faccia. È umano e bisogna avere l’intelligenza di riconoscere gli errori e da questi imparare. Uno scivolone che stavolta è toccato al Ps di Lugano. Ci sono i tempi della politica e ci sono quelli della cronaca, i momenti per le accuse e le rivendicazioni e quelli per il cordoglio. In un istante in cui un quartiere, una città, un cantone, stanno piangendo la morte di un giovane del posto, per altro per motivi ancora da chiarire ma all’apparenza assurdi, quella che a diversi è parsa una strumentalizzazione politica andava probabilmente lasciata da parte.

Il presunto assassinio di Viganello porta con sé un forte dolore collettivo. È – o sembrerebbe essere, nel rispetto dell’inchiesta in corso – il prodotto di un forte disagio sociale, di difficoltà vissute da persone locali. E questo non può che far male a tutti. A quella Sinistra che rivendica più attenzioni al sociale, a quel Centro che esalta valori famigliari o a quello che invoca la responsabilizzazione dell’individuo, a quella Destra che troppo spesso liquida i problemi sociali come fattori d’importazione.

Da questo dolore però, e questo è importante, matura la consapevolezza che qualcosa nella società non quadri, che ci siano nodi da risolvere, che si debba intervenire. Questo ce lo hanno confermato anche i principali esponenti – sindaco e vicesindaco – di quell’ente di prossimità che si è dimostrato reattivo ed empatico di fronte a questo brutto caso di cronaca nera. Soluzioni per margini di miglioramento ce le ha proposte anche il direttore di Villa Argentina. Parole di peso le sue.

Dovrebbe far riflettere che Mirko Steiner – professionista attivo sul territorio da decenni – abbia sottolineato il fatto che una possibile soluzione per evitare situazioni di questo tipo sia una maggior presenza di operatori specializzati in strutture come La Santa, luoghi resi rischiosi dall’eccessiva concentrazione di casi delicati e dall’assenza di personale formato. E dovrebbe far riflettere proprio la politica, ai partiti di Borradori e Bertini, che hanno dichiarato con parole diverse che il disagio va arginato. In questo senso, i contenuti del post socialista devono far riflettere come tema politico, che oggi – dopo quel 17 dicembre a Viganello – assume una rilevanza maggiore. Un argomento che merita grande attenzione, probabilmente dei correttivi, senz'altro degli approfondimenti. E la giusta dose di delicatezza.

© Regiopress, All rights reserved