laRegione
Nuovo abbonamento
il-secondo-tsunami-una-domenica-da-libri-di-storia
Gli sconfitti (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
16 ore

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
16 ore

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
1 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
1 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
2 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
2 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
4 gior

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
4 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
5 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
5 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
6 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
1 sett

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
Commento
17.11.2019 - 16:400
Aggiornamento : 17:44

Il secondo Tsunami, una domenica da libri di storia!

Dopo l'onda verde del primo turno, al ballottaggio per gli Stati un voto che conferma la polarizzazione in atto da anni

Dallo tsunami verde del primo turno alla seconda ondata che ha mandato a casa i due esponenti dei partiti storici (Filippo Lombardi e Giovanni Merlini) e promosso Marina Carobbio (Ps) e Marco Chiesa (Udc). È una domenica da libri di storia. Il centro implode, arriva la prima senatrice ticinese e l’Udc sbarca sulla luna della Camera alta. Un terremoto le cui scosse di assestamento si faranno sentire nel cantone alle comunali. Ma anche ai vertici di Plr e Ppd e nella relazione fra Udc e Lega. La prima stravince, la seconda si lecca le ferite.

Merlini e l’abbraccio mortale col Ppd

Ma cominciamo dal primo perdente il Plr: dopo una presenza ininterrotta alla camera alta dal 1848, l’aspirante senatore Giovanni Merlini non ce l’ha fatta. Aveva come slogan elettorale combatteremo. Ha perso sul campo di battaglia dopo un corpo a corpo impegnativo, visti i segnali di fumo che aveva già ricevuto dalle urne al termine del primo turno. Il suo Plr aveva infatti un potenziale di diverse migliaia di voti (circa 6 mila) che non gli erano giunti, preferenze mancanti soprattutto nei centri e in particolare nelle due città più radicali del Sopraceneri Bellinzona e la sua Locarno. Da subito con Bixio Caprara ha tentato di suonare la riscossa, facendo leva sull’orgoglio liberale (‘recatevi alle urne’), sull’alleanza col Ppd che era funzionata solo a senso unico il 20 di ottobre (quando i liberali radicali avevano salvato il secondo seggio del Ppd senza ricevere lo sperato sostegno per Merlini), e sull’elettorato di opinione. Ma, a conti fatti, tutto ciò non è servito a nulla. La base del Plrt non ha risposto presente e molto probabilmente l’abbraccio col Ppd si è rivelato per il Plr mortale, nel senso che ha scontentato alla grande una parte dei liberali di lungo corso, che piuttosto che ‘sporcare’ la loro scheda, o non sono andati a votare o hanno votato altri candidati.

Lombardi: saldati i conti

Un abbraccio mortale che – ecco la seconda notizia del giorno – ha spedito in panchina per finire (e ha del clamoroso) anche super Pippo Lombardi, influente capogruppo a Berna, e che tutti davano per riletto vendendo in anticipo la pelle dell’orso bernese. E invece per lui nessun biglietto per Palazzo. Come mai? Chi in casa Plr lo aveva sostenuto al primo turno, visto il mancato sostegno a Merlini, gli ha tolto il voto saldando i conti. Per Plr e Ppd si apre quindi anche una crisi ai vertici che avevano voluto fortissimanente l’alleanza di centro.

Chiesa il nuovo che avanza con più fame

Sul fronte dei vincenti spiccano Marina Carobbio e Marco Chiesa. Chiesa è il nuovo che avanza. È l’alleato della Lega che le fa dimenticare lo smacco subito il 20 ottobre con l’uscita di scena di Roberta Pantani. Gode di una simpatia e di una capacità comunicativa che lo ha fatto apparire diverso rispetto agli Udc spesso un po’ ‘arrabbiati’ e comunque elitari. Fra tutti è anche il volto nuovo e giovane capace di parlare con semplicità all’elettorato. Per ora l’Udc è andata a braccetto con la Lega, contenta di poter contare su un Udc ‘fratello minore’ che porta loro acqua. Ma ora l’Udc è in Senato, Ghiggia ha fatto flop e Chiesa occuperà per anni un posto che avrebbe potuto un domani occupare Norman Gobbi o qualche altro colonnello di via monte Boglia. La dinamica fra loro potrebbe non più essere la stessa. perché l’Udc ha più fame.

Carobbio: grazie anche al voto secco!

Accanto a Chiesa spicca ovviamente anche Marina Carobbio turbo. Ha beneficiato del mancato appoggio Plr al senatore uscente del Ppd. Ma non solo. La prima (tenace e gran lavoratrice) cittadina svizzera, stavolta, è stata sospinta anche dall’avanzata dei Verdi, dallo scontento in casa Plr e dall’effetto donna che rendevano effettivamente possibile una sua elezione. Così molti hanno optato per un voto secco a lei, senza operazioni di soccorso fuori lista, in particolare a Merlini. Letto dall’alto, il voto ticinese conferma la polarizzazione da anni in atto. Anche se ogni elezione ha i suoi nomi, i suoi volti e il loro stile (comunicativo). E questa volta le persone e il loro stile (comunicativo) hanno pesato molto.

© Regiopress, All rights reserved