ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
23 ore

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
1 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
2 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
3 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
3 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
4 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
4 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
6 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
15.10.2019 - 06:20

Caso Brocchi: ‘Quegli alunni in pericolo’

La condanna dell’ex maestro di Montagnola ha portato a galla comportamenti poco ortodossi e un clima di omertà fuori e dentro le aule scolastiche

di Cristina Ferrari
caso-brocchi-quegli-alunni-in-pericolo

Non solo maestro, ma anche sindaco e primo cittadino. Un ‘potere’ accentrato nel Comune, oggi di Collina d’Oro, in una sola persona per diversi anni. E il ‘potere’ si sa può anche fare male. Riverito e temuto in classe e a palazzo municipale, ma soprattutto fra le vie e le piazzette del borgo, dove tutti si conoscono, dove tutti sanno ma preferiscono non dire o portare giustificazioni di facciata. Fino a quando alcune coraggiose famiglie si rendono conto che l’omertà di un paese può ledere alla sana crescita dei propri figli e scoperchiano il tetto della scuola. In molti (abbiamo poi potuto appurare scavando nella ‘carriera’ del poco ortodosso docente) erano al corrente di quanto succedeva in quell’aula elementare. Un maestro ‘padrone’ che mal accettava la vivacità degli allievi e che utilizzava anche la sua posizione all’interno della comunità per colpire i più deboli minandone lo sviluppo psichico. Metodi da scuola dell’Ottocento giustificati dall’insegnante a processo con giochi di parole: “Non gridavo ma alzavo la voce”, “non legavo le alunne alle sedie ma le infiocchettavo”, “non picchiavo ma toccavo”.

A preoccupare in tutto questo la mancanza assoluta di pentimento, di scuse. Ma soprattutto l’assenza di una mano ferma, la mano di chi avrebbe potuto, e dovuto, fermare certi metodi, dopo peraltro essere venuti a conoscenza del precedente di una multa amministrativa per fatti analoghi. La sua nuova condanna (prima svizzera per questo tipo di reato che vede coinvolto un docente, fatto salvo il diritto alla presunzione di innocenza qualora vi fosse ricorso) dimostra, purtroppo si dovrebbe dire, che vi sono professioni che non possono esimersi dal rispetto della persona, ancor di più se bambino e confrontato con la necessità (e il diritto) di un’educazione valida. Non solo, il maestro di Montagnola ha fatto sì che il suo ruolo amministrativo comunale influisse nei rapporti con i genitori, intimiditi da tanta arroganza, la stessa mostrata davanti al giudice. Sentimenti da ‘intoccabile’ proferiti ancora una volta lo scorso 2 settembre, primo giorno di scuola. Lui sulle scale d’entrata, con la scusa di una visita all’archivio comunale (dove nel frattempo ha trovato impiego), guardava dall’alto al basso i bambini e le loro famiglie. Un gesto fuori luogo, palesemente di sfida, probabilmente naturale per chi nella vita ha fatto del proprio smisurato ego un’arma capace di infliggere, su un lungo periodo di tempo («la verità non va mai in prescrizione» ha detto una mamma) nell’animo di bambini di soli sette/otto anni dolore e frustrazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved