ULTIME NOTIZIE Inchieste e approfondimenti
Inchieste e approfondimenti
3 gior

Psicoterapia e casse malati, una riforma con molte criticità

Anche in Ticino persone in formazione costrette a lasciare impiego e assistiti: secondo le nuove norme, non potrebbero infatti fatturare alle casse malati
La repressione in Iran
1 sett

‘Donne coraggio’ che sfidano gli Ayatollah fino alla morte

Campionesse senza hijab, torture, youtubers. Dopo anni di resilienza, si accende la resistenza ma non è ancora rivoluzione.‘Troppi interessi in gioco’
Sanità
2 sett

Fuoco di Sant’Antonio, dopo il Covid. E il ruolo del vaccino

Più casi di Herpes Zoster. Si attiva quando le difese immunitarie si indeboliscono. Due medici spiegano perché Berna raccomanda agli over 65 di vaccinarsi
Sociologia e politica
2 sett

Noi ragazzi Z non vediamo un futuro. Moralisti? Impegnati

Fluidi, inclusivi, ansiosi, connessi, non vogliono figli, attivisti. Una nuova classe politica senz’auto, che sogna una società decelerata
Monete digitali
3 sett

Nella Lugano delle criptovalute: sfide, incognite, prospettive

Dal Plan B ai LVGA Points, da via Nassa agli organi di vigilanza: come la più grande città ticinese sta digitalizzando la propria economia
Violenza domestica e polizia
3 sett

Gli agenti che diventano stalker degli stalker

Nuove armi contro la violenza domestica. Cosi la polizia disinnesca potenziali casi di femminicidio. Alle vittime: ‘Segnalate prima che sia troppo tardi‘
Natale e solidarietà
1 mese

Così il miele ticinese salva donne in Costa d’Avorio

Tre storie di ordinaria umanità dal Ticino al Perù, al Nicaragua, all’Africa alla ricerca di nuove equazioni di vita tra chi ha tanto e chi ha poco
Sguardo a Sud
1 mese

Sullo Stretto di Messina il Ponte divide (anche se non c’è)

L’opera ormai entrata quasi nel campo del mito è tornata prepotentemente di attualità. E con essa, l’eterno dibattito fra pontisti e no-pontisti
Adolescenti e droghe
1 mese

‘Ragazzi delusi, non trovano un motivo per impegnarsi’

Il modello della comunità L’Imprevisto a Pesaro, dove lo psicologo Cattarina, accoglie anche ticinesi tossicodipendenti. Le storie di chi ce l’ha fatta
ecosostenibilità
1 mese

Crollano i rifiuti nel Luganese. Ma c’è ‘il trucco’

L’ultimo rapporto di Okkio mette in luce importanti riduzioni nel distretto, ma spesso sono dovuti a una tardiva introduzione della tassa sul sacco
sottoceneri
1 mese

Non è solo una percezione: i cantieri sono di più

A tu per tu con le autorità, per comprendere le dinamiche che ruotano attorno ai numerosi lavori. Tra tutela degli operai ed esigenze dei committenti.
Tendenze
2 mesi

I rave party, feste all’ombra della legalità

In Italia, il decreto Meloni mette in subbuglio il mondo di queste feste. Le testimonianze di due giovani ticinesi che ne fanno regolarmente parte
Medicina di punta
2 mesi

Le nuove frontiere del dolore, così inganniamo il cervello

Era in carrozzella, torna a camminare. Era sul divano, torna a fare l’infermiera. Una seconda vita grazie a tecniche all’avanguardia di neurostimolazione
Inchieste e approfondimenti
2 mesi

’laRegione’ lungo i binari Ffs, e non sono buone notizie

Nostro reportage e approfondimento nella quotidianità dei pendolari via rotaia, fra ritardi, soppressioni, vagoni sovraffollati e cattiva comunicazione
società
2 mesi

La malattia sui social, fra testimonianza ed esibizionismo

Sempre più celebrità diffondono pubblicamente notizie sul proprio stato di salute. Ma l’intento è sempre nobile? Ne parliamo con la sociologa
Droghe e psichiatria
2 mesi

Le canne? ‘Occhio ragazzi, vi state fumando il cervello’

Negli adolescenti, troppa canapa causa deficit cognitivi. Se si smette, il danno resta. L’esperto ci parla dei mortali cocktail di moda tra i ragazzini
Violenza giovanile
2 mesi

‘Ragazzi difficili, senza regole, non sappiamo dove metterli’

La magistrata dei minori Gnesa lamenta la mancanza di strutture adeguate per aiutare una decina di casi complessi. ‘Se c’è posto li mandiamo in Italia’
Precarietà e rabbia sociale
2 mesi

Funzionari insultati e minacciati dai debitori

Cresce l’aggressività verso lo Stato e si scarica sui funzionari. I cursori dell’Ufficio esecuzioni devono addirittura seguire corsi di autodifesa
sport e diritti umani
3 mesi

Qatar 2022, la Coppa del mondo dell’inopportunità

Nel Paese che ospiterà i Mondiali i lavoratori sono tuttora vittime di abusi, fra turni massacranti e ricatti costanti da parte dei datori di lavoro
Mobilità
3 mesi

È un Ticino che pedala sempre più. Su bici condivise

A pochi mesi dalla nascita dell’offerta unica per tutto il cantone, ecco una radiografia dei due servizi di BikeSharing. Gli usi impropri? Pochissimi
Sanità e assenteismo
3 mesi

Quando il bullismo in corsia fa scappare gli infermieri

Parte dall’ospedale di Lugano uno studio sul ‘nonnismo’ tra infermieri. Mentre l’Ente ospedaliero cantonale testa un nuovo sportello per denunce anonime
società
3 mesi

Ma il triangolo sì: poliamore e non monogamie etiche

Negli ultimi tempi si parla sempre più spesso di modalità relazionali diverse dalla monogamia. Il punto con l’esperta e le testimonianze di due ticinesi
Le nuove norme green
3 mesi

Corsa al fotovoltaico, sei richieste al giorno in Ticino

Esplode la domanda, ditte in tilt: ritardi per componenti e consulenze. Almeno 6 mesi. Pannelli obbligatori sulle nuove costruzioni dal 2023 in Ticino
Letteratura
3 mesi

Sono ancora quella bambina, Mariella Mehr

Con le parole ha cercato di lenire le ferite di un’infanzia e una vita rubate. A un mese dalla morte, la ricordiamo con Anna Ruchat ed Esther Stella.
Studio sulla mobilità
3 mesi

Meno autovetture sulle strade e la ferrovia rallenta

In un Cantone afflitto dalle code, una buona notizia: meno vetture in circolazione. Ma è una calma apparente come spiega l’esperto di mobilità De Gottardi
Trapianti tra novità e storie
3 mesi

‘Respiro e sono viva, grazie ai polmoni di uno sconosciuto’

Emanuela Capra vive grazie alla generosità di un donatore: ‘Prego ogni sera per questa persona’. Da maggio siamo tutti donatori. Che cosa cambia?
Ricerca medica
4 mesi

Chi dorme male in gravidanza è più a rischio depressione

Studio sul sonno di 440 gestanti seguite per oltre un anno scopre un legame tra insonnia e mal di vivere. I ricercatori dell’Eoc scovano anche la cura
hacker, riscatti e nuove norme
4 mesi

Cybercriminali bloccano la carrozzeria come lo studio medico

Aumentano gli attacchi ransomware alle aziende. Riscatto da 700mila franchi a un garage. Ma clonano anche la voce del capo e si fanno dare soldi
L’intervista
4 mesi

Noi fratelli di Grand Hotel Coronda

Con Sergio Ferrari ripercorriamo i passi che hanno portato alla pubblicazione delle testimonianze di prigionieri politici argentini fra il 1974 e il 1979
Gran Bretagna
4 mesi

Goodbye Lilibet, regina dei record

È morta nel castello più amato di Balmoral, in Scozia, Elisabetta II d’Inghilterra. Una sovrana che ha fatto la storia non solo britannica.
Netflix
5 mesi

Woodstock ’99, quando Roma bruciò per la seconda volta

Storia di un tentativo di riportare in vita la tre giorni di pace, amore e musica del 1969, sfociato in violenze, abusi, incendi e devastazione
Viaggi in altri mondi
laR
 
15.10.2022 - 18:00
Aggiornamento: 03.11.2022 - 15:37

Ella Maillart o dell’invincibile inquietudine

Esploratrice e lucida osservatrice, negli anni 30, la ginevrina compie un viaggio nell’Asia Centrale per conoscere l’umanità e cercare sé stessa

di Valerio Rosa
ella-maillart-o-dell-invincibile-inquietudine
Keystone
Ella Maillart, nata il 20 febbraio 1903, sta studiando la mappa dell’Asia
+5

Nei primi anni Trenta del secolo scorso, la ginevrina Ella Maillart sta per intraprendere le esplorazioni dell’Asia Centrale raccontate in ‘Vagabonda nel Turkestan’ e in ‘Oasi proibite’, da poco pubblicati da Edt. Spigolando tra i libri di un esiliato politico ad Alma-Ata, si imbatte casualmente in ‘D’homme à homme’ di Luc Durtain, dove legge una frase che compendia tutti i suoi pensieri: "Innanzitutto il mondo, poi nel mondo l’uomo, nell’uomo gli altri uomini. Triplice richiesta rivolta dallo scrittore alla pagina bianca, dal lettore alla carta stampata". Un pensiero guida che descrive il senso della scrittura, del viaggio e, in fondo, della vita per una donna che ha sempre tentato di placare un’invincibile inquietudine cambiando continuamente la forma del suo pensiero e della sua vita.


Keystone
Con la pipa e la mappa

Innanzitutto il mondo

Giocatrice di hockey, velista su barche inglesi e svizzere alle Olimpiadi, insegnante di francese in Galles e modella per artisti in Francia, comparsa cinematografica a Berlino ai tempi di Marlene Dietrich, archeologa a Creta, come il Siddharta di Hesse a ogni passo del suo cammino Ella Maillart impara qualcosa di nuovo. Educata a pensare con la propria testa dall’anticonformista madre danese, annoiata dalle convenzioni borghesi, poco interessata agli stanchi rituali dell’uomo occidentale, che usa la libertà di cui dispone soltanto per accumulare e consumare, sprecando energie, passione e tempo in occupazioni effimere, e soprattutto decisa a lottare per condurre il genere di vita che desidera, realizza che il suo salvataggio è un viaggio in luoghi lontani, che finanzia, reinventatasi giornalista, inviando resoconti a quotidiani e riviste. Incuriosita dai racconti degli emigrati russi a Parigi e dalle scene di vita mongola ammirate nei film del regista Vsevolod Pudovkin, che a Mosca la prenderà sotto la sua ala protettrice, affronta prima il Turkestan e poi, in compagnia del cronista del ‘Times’ Peter Fleming (che ispirerà al fratello Ian il personaggio di James Bond), l’Asia Centrale: "Sto per abbandonare la civiltà e tutto ciò che essa comporta quanto a tesori d’arte, raffinatezza, comfort: letti, vasche da bagno, giornali pieni di notizie dal mondo intero, poltrone, posta, frutta, medici, biancheria pulita e calze di seta. Parto verso il Medioevo, o, addirittura, verso l’Età del Bronzo". Rinunciare alle comodità europee è una prospettiva che non la preoccupa, ma anzi la incuriosisce, la affascina, la fa sentire viva e persino vera, convinta che la stanzialità sia una forma illusoria di progresso, asfittica e mortifera, senz’altro inferiore al nomadismo: "Partire è per me come rivivere. Tutto ricomincia, vado incontro al nuovo, all’ignoto. Il sole si alza ed è la medesima sfera rossa che ieri tramontava. L’aria scintilla di mille goccioline di brina sospese e io procedo attraverso una realtà più bella di qualsiasi straordinaria magia".


Keystone
Fra le altre cose, era nella squadra sciistica svizzera

Nel mondo l’uomo

L’Asia Centrale è un mondo complicatissimo, che la sovietizzazione in atto fatica a comprendere, a contenere, a normalizzare. Le liturgie che ingabbiano la vita dell’homo sovieticus appaiono a Maillart in tutta la loro inutilità; le riunioni politiche, a cui viene regolarmente invitata, le sembrano eternamente uguali ovunque si svolgano: "Mi fanno pensare alle ruote da preghiera tibetane: necessità di sviluppare la cultura fra gli indigeni, di educare le masse, di edificare il socialismo grazie al livellamento delle classi. Il socialismo, soltanto il suo avvento salverà il mondo dal crollo capitalista. Ebbene, anche se esso è la nostra comune salvezza, bisognerebbe orchestrarlo con un po’ più di fantasia".

Oltretutto gli obiettivi irrealistici dei piani quinquennali e le bugie trionfalistiche dei funzionari di partito contrastano clamorosamente con il degrado e le ristrettezze della vita quotidiana. Le confidenze raccolte tra i locali disegnano una topografia della desolazione, da cui Maillart, che si domanda di continuo se gli sforzi degli uomini migliorino davvero la condizione umana, ha modo di dedurre il fallimento del laboratorio rivoluzionario: "Racconto ad Anna e Nikola che alla posta, dove mi ero recata per spedire un telegramma in Francia, l’impiegata mi aveva domandato se ero straniera e poi, sempre con lo stesso tono monotono che contrastava con le sue parole assai dure, mi aveva confessato di essere allo stremo, di non avere neppure di che nutrirsi, dato che i novanta rubli del suo salario le bastavano appena per mangiare nove giorni". Una miseria generalizzata che manda in rovina ogni proposito non solo di giustizia sociale, ma anche di convivenza pacifica tra cittadini liberati dal bisogno: "Forse non sapete", le raccontano, "che cosa hanno combinato qui. Poiché avevano impartito l’ordine di piantare ovunque il cotone, è passato l’aratro distruggendo tutti i piccoli canali delle nostre risaie, mantenute con tanta cura. In seguito, però, rendendosi conto della scarsa produzione delle nuove colture, hanno voluto che ripiantassimo riso su un terzo del territorio. Ma ora non è più possibile, i canali sono prosciugati... E c’è dell’altro: le chiavi, per esempio. Un tempo non se ne conosceva l’esistenza, tutto rimaneva aperto, case e negozi. Adesso ci roviniamo per comprare catenacci, ma il furto è sempre all’ordine del giorno".

La solidarietà tra la povera gente, i baratti, gli espedienti si rivelano necessari: desiderosa di capire e di proseguire il viaggio pur non avendo grandi mezzi a disposizione, Maillart scambia, regala, ascolta, fotografa, impara le lingue locali, si lascia ospitare dagli indigeni, si immedesima con l’ambiente. Solo così riesce a soddisfare il suo bisogno di capire le miriadi di vite diverse che compongono l’umanità e di collegare la sua vita a quella degli altri, sentendosi parte di un tutto. È il suo modo di fare i conti con un "inconnu démesuré" che non la spaventa, e che anzi prova a restituire nella pagina scritta elencando cose, persone e sensazioni del caos quotidiano in cui si immerge.

Come gli oggetti e i memorabilia raccolti nello chalet in cui avrebbe vissuto gli ultimi anni e nell’Espace Ella Maillart, entrambi a Chandolin, nel Canton Vallese, queste liste ricordano i reperti che Astolfo trova sulla Luna, dove è andato a recuperare il cervello di Orlando: "Dietro Shir Dar si apre una piazza rotonda dove sotto una cupola vi è un piccolo mercato. Là, tra una folla brulicante, si vende di tutto: copricapi ricamati, saponi, tabacco, lacci, tessuti, foulard, calze, nastri, frittelle untuose cotte sul momento, pezzi di pecora poggiati su un grande vassoio protetto da un coperchio di tela a forma di cupola, sorbetti che evocano splendenti cristalli di neve".

È proprio qui che vuole trovarsi, nell’irrimediabile incertezza di zone ostili alla logica e alla precisione europee, prima che le ultime vestigia di questa antica vita scompaiano definitivamente e che la farraginosa burocrazia dei colonizzatori russi complichi le già difficili esistenze di popoli che hanno sempre fatto a meno di timbri, passaporti, autorizzazioni, attestati e lasciapassare, seguendo uno stile di vita che la commuove: "Conosco già l’odore dei cammelli, il loro alito fetido di ruminanti, conosco la fermata alla sorgente d’acqua, la raccolta dello sterco per il fuoco e la gioia di un tè bollente; non ignoro la ricerca del bestiame che si è disperso pascolando, né il silenzio delle notti, quando gli occhi bruciano per il vento. Amo questa vita primitiva dove ritrovo la fame, che trasforma in solida gioia ogni boccone, la sana stanchezza, che dà al sonno una voluttà incomparabile, e il desiderio di andare avanti, che ogni passo realizza". Ma qual è il vero obiettivo di questo viaggio nell’Asia Centrale?


Keystone
Preparando l’equipaggiamento per il viaggio in Asia Centrale

L’uomo negli altri uomini

Sebbene alle turbolenze geopolitiche dell’epoca dedichi digressioni dettagliate (molto interessanti le pagine sulla diaspora dei tedeschi del Volga) e pur avendo bisogno di certe informazioni per comprendere i contesti che attraversa ed eventualmente modificare la rotta, in realtà nell’ignoto Ella Maillart cerca sé stessa. E per trovarsi deve perdersi, come Ulisse nel Mediterraneo, sfrondandosi e alleggerendosi di orpelli e sovrastrutture lontanissime dalle sue esigenze interiori: "Non ho alcun desiderio di tornare. Mi augurerei che il viaggio durasse tutta la vita; nulla mi attrae in Occidente, dove, lo so bene, mi sentirei sola tra i miei contemporanei, le cui preoccupazioni mi sono divenute estranee".

Ed eccole, finalmente, apparire la meta, che la ripaga dei disagi e dei pericoli a cui è andata incontro: "In quest’immenso deserto, sotto questo cielo vibrante, sembra che l’animo si raccolga in sé, e per un istante, con vivida chiarezza, mi sento lontana, separata da tutto ciò che conosco, come se fossi giunta al fondo di me stessa". Lontana da un’Europa che ha conosciuto la prima guerra mondiale e sta per sprofondare nella seconda, Maillart vi ritorna in aereo: osservandola dall’alto, la trova piccolissima ("Parigi la sera è solo un enorme sciame di luci"), provando le stesse sensazioni che ai nostri giorni ci riferiscono gli astronauti appena rientrati dalle missioni spaziali, dopo aver avuto modo di riflettere sull’insensatezza e la stupidità di ogni conflitto.

Dall’alto i confini, i nazionalismi, i particolarismi le appaiono dannose sovrastrutture, mentre vede con chiarezza quell’unità del mondo che pochi anni dopo tornerà a cercare, fermandosi per cinque anni in India presso due maestri indù, ancora inquieta, ma ormai senza più dubbi su come desideri vivere: "Io sono tutta presa dalla curiosità per questo futuro incerto, dalla sensazione di essere ormai libera dagli ostacoli degli uomini; tutta presa dalla gioia di sentire che ciascun giorno, d’ora in poi, sarà nuovo, e che nessuno di essi sarà uguale all’altro; tutta presa dalla decisione di osservare, d’ora in poi, una sola regola: quella di camminare diritto davanti a me".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved