laR
 
12.04.2022 - 07:28

Questione di cultura

di Gian Marino Martinaglia, Cadro
questione-di-cultura

C’è una guerra che si poteva evitare, specialmente in Europa dove si cerca dopo l’ultimo obbrobrio mondiale di costruire una convivenza pacifica e democratica. E la Svizzera, nel corso della sua esistenza secolare, ha sviluppato una sua cultura di convivenza, che è diventata un modello per l’Europa. Invidiato o più visceralmente sottovalutato, ma certamente non facile da capire sino in fondo perché non vissuto e non integrato in quello che chiamano il Dna delle persone. Non c’è nazionalismo in Svizzera, non c’è culto della personalità e dei leader. C’è invece una fisiologica resistenza al potere che diluiamo in un federalismo a più livelli, capillare come deve essere. E non abbiamo neppure una cultura politica della maggioranza, poiché siamo coscienti che le decisioni a maggioranza possono essere totalitarie, come diceva saggiamente il consigliere federale Georges-André Chevallaz. Oggi la neutralità è la via per risolvere un assurdo inutile conflitto. La difesa di un paese passa per la sua capacità culturale profonda e intelligente di prevenire ed evitare le guerre. La dissuasione non è solo un fattore militare e di forza ostentata, ma di cultura: dove le relazioni economiche sono ogni giorno valutate eticamente nel senso di facilitare rapporti amichevoli cercando di non dar campo libero a politiche aggressive, potenzialmente ostili alla convivenza e alla Cultura. Quella con la C maiuscola che tende a superare i nazionalismi e conferisce vera sovranità a ogni persona culturalmente responsabile e preparata. E ricordiamoci che rovesciare il male per quanto profondo in bene è sempre possibile. Del resto a che cosa serve nella cristiana Europa, credere nella Pasqua, nella riconciliazione, nella tensione dell’amore verso il nemico, se poi non si tenta di tradurlo nella vita quando serve veramente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved