laR
 
09.09.2022 - 07:22

Avs 21: una riforma tutt’altro che paritaria!

di Elisa Pedrina, membro della Gioventù Socialista
avs-21-una-riforma-tutt-altro-che-paritaria

Il prossimo 25 settembre sarà in votazione la riforma Avs 21, volta a stabilizzare "l’allarmante" situazione delle casse dell’Avs. "Allarmante", però, solamente agli occhi della destra.

Le statistiche dell’Ufficio federale confermano invece un operativo positivo negli ultimi dieci anni. L’Avs funziona e dovrebbe essere potenziata, anche in vista delle prospettive finanziarie meno favorevoli nel prossimo decennio; questo tenendo sempre a mente che le sue entrate dipendono soprattutto dal montante totale dei salari e meno dal numero di contribuenti. Introdurre un’effettiva parità salariale tra uomini e donne, nonché riconoscere i lavori di cura oggi non retribuiti, sono misure paritarie che porterebbero centinaia di miliardi di contributi annui alla cassa Avs.

Quanto proposto da Avs 21 è invece una pseudoriforma antisociale: colpirebbe soprattutto le donne che svolgono lavori precari con salari bassi, le quali, nonostante abbiano svolto attività più logoranti a livello fisico, non potrebbero permettersi il prepensionamento. Oggi le rendite delle donne sono in media del 37% inferiori rispetto a quelle degli uomini, inoltre una donna su quattro dipende solo dall’Avs e non riceve rendite dal Secondo o Terzo pilastro.

La modifica di legge in questione non prevede una ridistribuzione paritaria delle rendite e peggiorerebbe la situazione di questa parte della popolazione che oggigiorno vive ancora discriminazioni lavorative e sociali. In aggiunta, Avs 21 è accompagnata da un aumento dell’Iva pari allo 0,4%, il quale peserà sui cittadini e sulle cittadine, per giunta in un periodo segnato dal rincaro dei prezzi.

È profondamente sbagliato associare i concetti di "parità e uguaglianza" alla riforma Avs 21; invito quindi caldamente a votare un doppio No.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved