guidare-la-mtb-a-fari-spenti-nel-bosco
laR
 
26.02.2022 - 14:54
di Luca Maghetti, avvocato

Guidare la Mtb a fari spenti nel bosco

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

L’introduzione di norme di legge, perlomeno bizzarre, sorprendono spesso anche gli avvocati. Sull’ultima pagina dell’edizione di sabato di questo giornale, ubicazione quantomai azzeccata in compagnia di altre notizie curiose, è apparsa una notizia che sembra un grosso pesce d’aprile anticipato: proprio dal 1° aprile di quest’anno sarà obbligatorio accendere luci anteriori e posteriori delle biciclette elettriche anche nei cosiddetti tracciati da mountain-bike, per intendersi i sentieri nei boschi.

La norma ha dell’assurdo perché di regola i fari accesi di giorno servono per farsi vedere dagli altri utenti della strada più grossi e quindi più pericolosi. Capisco lo scrupolo teutonico della novella legislativa che vuole che i pedoni nei boschi possano vedere adeguatamente eventuali biciclette che giungono; tuttavia le vedranno solo in direzione opposta perché non abbiamo occhi anche dietro. Quindi nella natura questa prescrizione ha davvero del ridicolo.

Se poi pensiamo che, a tutt’oggi, non vi è alcun obbligo del casco per le biciclette utilizzate su strada e per tutte le mountainbike (non solo quelle sopra i 25 km/h di assistenza elettrica), capiamo ancora di più quanto paradossale sia la pensata dell’Ustra. Le biciclette, soprattutto elettriche, sono esplose numericamente e questa è senz’altro una buona cosa. Vediamo però troppo spesso persone che hanno ripreso la bici magari dopo vent’anni che l’avevano lasciata in cantina per prendere il motorino; queste persone sono quindi maldestre e insicure soprattutto in un traffico caotico e quindi pericoloso come l’attuale.

Quindi prima di pensare ai fari nei boschi, i nostri alti funzionari dovevano pensare alle teste dei ciclisti e quindi sancire un sacrosanto obbligo del casco. E se vogliamo trovare una motivazione aggiuntiva a quest’obbligo mancato, oltre a salvare la pelle delle persone che lo portano, pensiamo ai famosi costi della sanità che, con tante teste meno ammaccate, sarebbero senz’altro inferiori. Ma l’Ustra si è concentrato a far luce nelle selve, forse perché oscure!

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boschi luci accese mountain bike
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved