laR
 
09.02.2022 - 07:29

Tabacco e cervelat

di Paolo Buletti
tabacco-e-cervelat

Il cervelat campeggia in copertina e quasi quasi rischia di oscurare a pagina due i tre scudieri dell’ordine degli insaccati. Lorenzo, Rocco e Piero ammiccano, partendo salsiccia in resta, contro l’iniziativa “estrema” per la battaglia in difesa della libertà di equanimemente aspirare fumo e alimentare il tasso di colesterolo.

Sia ben chiaro: confesso apertamente di gradire due o tre volte all’anno il cervelat (che non ha bisogno di pubblicità visto il largo consumo tra la popolazione).

La mia impressione però è che si voglia collegare la salsiccia nazionale (molto più conosciuta della nostra luganiga) al valore della libertà, valore peraltro messo sulla graticola non solo nei fatti ma anche perché la parola libertà è da tempo usata in modo improprio.

Oso comunque tranquillizzare chi legge sul fatto che se passasse l’iniziativa per mettere un po’ in sordina la pubblicità per il tabacco non precipiterebbe comunque la considerazione del cervelat e nemmeno quella del cotechino, della luganiga e del merlot.

Buon appetito.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved