disegnami-il-ticino
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
2 ore

La Valle Morobbia è un quartiere di Bellinzona

Paudo non deve essere l’ombelico del mondo, ma certamente ha la dovuta attenzione, come tutto il resto del territorio cittadino
I dibattiti
6 gior

Uno per tutti, tutti per uno?

La riduzione del Contributo di Livellamento proposta dal Consiglio di Stato è una sorta di ‘solidarietà inversa’ dai comuni poveri a quelli più ricchi
I dibattiti
1 sett

Un Gigante giallo dai piedi di argilla

Chiudere gli uffici postali locali significa anche perdere in umanità. A Coldrerio ci si è messi di traverso
NAUFRAGHI.CH
1 sett

La rivolta degli schiavi di Amazon per cambiare l’economia

L'economista Christian Marazzi sul significato strutturale della battaglia per i diritti condotta dagli impiegati del colosso dell'e-commerce
I dibattiti
1 sett

Cultura aziendale e servizio pubblico Ssr, un binomio ottimale?

Un contributo di Nelly Valsangiacomo sulla visione budgetaria e manageriale della radiotelevisione e il ruolo sociale riconosciuto, a parole, nel mandato
I dibattiti
1 sett

Potere vuol dire responsabilità

Ci si chiede come facciano i Consiglieri federali a dormire la notte a fronte dell’enorme potere che hanno sulla vita dei cittadini
I dibattiti
1 sett

Un villaggio degli anziani a Vacallo

Alfine il Consiglio di Stato ha detto la sua, promuovendo la variante del Municipio. Adesso ci vogliono dei politici coraggiosi
NAUFRAGHI.CH
2 sett

La pandemia e la ‘libera volpe in libero pollaio’

I paladini della privatizzazione sono diventati statalisti, ma sempre per riempirsi le tasche
I dibattiti
2 sett

Le ingerenze cinesi colpiscono anche la Svizzera

La recente polemica tra l'ambasciatore di Pechino a Berna e il Consiglio federale è solo l'ultimo di una serie di incresciosi episodi
I dibattiti
2 sett

Casa anziani a Vacallo, né vincitori né vinti

Dopo la decisione del Consiglio di Stato sui ricorsi contro la variante di Piano regolatore. Ricorrenti pronti a non fermarsi qui
I dibattiti
2 sett

Chiacchiere e distintivo

Una politica di controllo scriteriata e anacronistica non colpisce solo giovani e cittadini, ma anche le forze di polizia, poste di fronte a una situazione difficilmente gestibile
I dibattiti
2 sett

Dico no alla terza corsia fra Lugano e Mendrisio

Un altro pezzo di territorio rischia di essere cementificato. Poi ci sono gli effetti sulla salute: con il traffico aumenta lo smog
I dibattiti
3 sett

Paradossi al Macello

I dibattiti
4 sett

Lugano, il centro sociale merita uno spazio fisico

L'esperienza 'è un riferimento culturale essenziale'. Basti pensare alle conferenze con personalità attive in Europa in ambiti umanitari e politici
L’OSPITE
25.02.2021 - 20:210

Disegnami il Ticino

Una volta, alle elementari, il maestro ci chiese di disegnargli il canton Ticino; un semplice schizzo a matita, tanto per capire quale idea balenasse nelle nostre rustiche menti. Il risultato deluse le attese del docente: geometrie bislacche, composizioni cubiste, pittogrammi informi e seghettati, allungati oppure tozzi. Frontiere incerte, soprattutto a sud, e nessun lago. Spiccavano però la ferrovia e il fiume, nonché la capitale, Bellinzona, evidenziata con un bel pallino rosso, più o meno al centro della figura. Venanzio, figlio di immigrati italiani, lo ritrasse a foggia di stivale… suscitando ilarità e ondate di sfottò. Da quel momento la carta geografica, non solo del Ticino ma dell’intera Svizzera, non fu più staccata dalla parete, monito e guida per le prossime esercitazioni.

Allora non immaginavamo quali risultati potesse dare la cartografia. Lo scoprimmo dopo, sui manuali di geografia fisica e umana. Proprio in quegli anni, una nuova generazione di geografi, architetti e urbanisti formatasi nelle università d’oltralpe iniziava a leggere il territorio attraverso lenti nuove, calibrate sulle trasformazioni indotte dal boom edilizio e dall’autostrada. Ne usciva una rappresentazione viepiù stilizzata e complessa, reticolare, che dagli assi principali (rappresentati da segmenti stretti o larghi a seconda dei volumi di traffico) si estendeva alle aree urbane e da qui all’anfiteatro alpino. Le mappe evidenziavano, accanto alla spina dorsale nord-sud e alle costolature secondarie, la minuta tessitura viaria che accompagnava la diffusione a macchia di leopardo degli abitati, soprattutto nella fascia collinare e prealpina. Come cogliere e categorizzare quella galoppante e tentacolare urbanizzazione? Le tradizionali distinzioni apparivano superate, anacronistiche. Era evidente che la crescita aveva scavalcato i confini tra la città e la campagna, per farsi liquida e pervasiva. Come afferrarla e rappresentarla, attraverso quale vocabolario? Fu allora che emerse il concetto di «città diffusa» inteso come «continuum» urbano imperniato sul triangolo Bellinzona-Locarno-Lugano (-Chiasso), poli tra loro interconnessi da una ferrovia di tipo metropolitano, con il Ceneri a mo’ di raccordo sotterraneo.

Nei discorsi ufficiali la città diffusa ha poi assunto il nome di «Città Ticino»: nozione descrittivamente efficace ma unilaterale, giacché lasciava fuori dal suo campo visivo l’altro Ticino, quello montano, fatto di gole e calanchi, versanti scoscesi, foreste, alpeggi (in parte già invasi dalla vegetazione), e punteggiato di cascinali e di insediamenti temporanei, un tempo adibiti a tappa intermedia della transumanza. In un suo recente saggio lo studioso padovano Mauro Vanotto ha definito questi spazi «montagne di mezzo», ossia realtà minori, scarsamente popolate, collocate a metà strada «tra vette celebrate e fondivalle congestionati».

Percorrendo l’autostrada lo sguardo inquadra i villaggi aggrappati ai fianchi delle vallate, nuclei malinconicamente silenti, tranne che nei fine settimana e durante la bella stagione. Pochi e perlopiù anziani gli abitanti stabili rimasti, segno di un declino demografico ormai irreversibile. Di qui la domanda, traducibile in scommessa: è possibile invertire la rotta, rianimare questi grappoli di edifici, molti dei quali cadenti, per recuperarli e inserirli in un rinnovato circolo produttivo e quindi slegarli dal destino di «residenze secondarie»?

La questione è ritornata attuale in quest’anno di pandemia. Si è parlato di fuga dalla città, di ritorno all’aria salubre delle campagne, di un contro-esodo verso la montagna dopo anni di irrefrenabile inurbamento; giovani famiglie che, obbligate al telelavoro, hanno pensato di abbandonare i loro mini-appartamenti cittadini per rituffarsi nella natura.

Il virus considerato insomma non come punizione divina, ma come opportunità da cogliere per sperimentare nuovi modi di vivere e di lavorare, e da ultimo come acceleratore di processi tecnologici già in atto, trainati dalla fibra ottica, ma non ancora implementati nelle aree più discoste.

Nei prossimi anni vedremo se tale tendenza troverà conferma. Se così sarà, se nelle «terre alte» confluirà nuova linfa, finanziaria ma principalmente umana, ovvero sangue fresco e iniziative imprenditoriali, diventerà realistico, e non più un’utopia, concepire un riequilibrio tra la montagna e la pianura, in un’ottica di utilizzo oculato delle risorse disponibili. Montanari e cittadini non più contrapposti, non più i primi subalterni ai secondi in un clima di reciproca diffidenza, ma finalmente alleati e disposti a collaborare nella progettazione di piani di rigenerazione.

***

Il rapporto tra «terre basse e terre alte» sarà al centro della prossima iniziativa di Coscienza Svizzera. La discussione, fruibile in videoconferenza sulla piattaforma Zoom, sarà introdotta e moderata dalla giornalista Alice Pedrazzini e avrà come protagonisti lo storico Luigi Lorenzetti, coordinatore del Laboratorio di Storia delle Alpi, e l’economista Tarcisio Cima, redattore del mensile «Voce di Blenio». L’appuntamento è per lunedì 1° marzo 2021, alle 18. Tutte le informazioni sul sito www.coscienzasvizzera.ch

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved