ora-piu-che-mai-bisogna-essere-solidali
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
3 gior

Uno per tutti, tutti per uno?

La riduzione del Contributo di Livellamento proposta dal Consiglio di Stato è una sorta di ‘solidarietà inversa’ dai comuni poveri a quelli più ricchi
I dibattiti
4 gior

Un Gigante giallo dai piedi di argilla

Chiudere gli uffici postali locali significa anche perdere in umanità. A Coldrerio ci si è messi di traverso
NAUFRAGHI.CH
5 gior

La rivolta degli schiavi di Amazon per cambiare l’economia

L'economista Christian Marazzi sul significato strutturale della battaglia per i diritti condotta dagli impiegati del colosso dell'e-commerce
I dibattiti
1 sett

Cultura aziendale e servizio pubblico Ssr, un binomio ottimale?

Un contributo di Nelly Valsangiacomo sulla visione budgetaria e manageriale della radiotelevisione e il ruolo sociale riconosciuto, a parole, nel mandato
I dibattiti
1 sett

Potere vuol dire responsabilità

Ci si chiede come facciano i Consiglieri federali a dormire la notte a fronte dell’enorme potere che hanno sulla vita dei cittadini
I dibattiti
1 sett

Un villaggio degli anziani a Vacallo

Alfine il Consiglio di Stato ha detto la sua, promuovendo la variante del Municipio. Adesso ci vogliono dei politici coraggiosi
NAUFRAGHI.CH
1 sett

La pandemia e la ‘libera volpe in libero pollaio’

I paladini della privatizzazione sono diventati statalisti, ma sempre per riempirsi le tasche
I dibattiti
1 sett

Le ingerenze cinesi colpiscono anche la Svizzera

La recente polemica tra l'ambasciatore di Pechino a Berna e il Consiglio federale è solo l'ultimo di una serie di incresciosi episodi
I dibattiti
1 sett

Casa anziani a Vacallo, né vincitori né vinti

Dopo la decisione del Consiglio di Stato sui ricorsi contro la variante di Piano regolatore. Ricorrenti pronti a non fermarsi qui
I dibattiti
2 sett

Chiacchiere e distintivo

Una politica di controllo scriteriata e anacronistica non colpisce solo giovani e cittadini, ma anche le forze di polizia, poste di fronte a una situazione difficilmente gestibile
I dibattiti
17.02.2021 - 11:310

Ora più che mai bisogna essere solidali

La pandemia da Covid-19 ci ha posto di fronte a questioni fondamentali che toccano la salute, la società e l’economia. Senza l’adozione di misure sanitarie per rallentare la diffusione del virus le ripercussioni sulla salute pubblica sarebbero state ancora più gravi e di conseguenza anche l’impatto sul mondo economico avrebbe potuto essere ancora maggiore. D’altra parte, senza adeguati strumenti e sufficienti sostegni di tipo finanziario e sociale, le misure restrittive non sono sopportabili per un numero sempre maggiore di settori e le persone che vi lavorano. Per uscire dalla crisi abbiamo bisogno di garantire aiuti dignitosi a chi si trova in difficoltà, ma anche di progettare sin d’ora il futuro. Penso ad esempio alla necessità di assicurare un migliore accesso alla rete di protezione sociale anche alle lavoratrici e ai lavoratori autonomi del settore dello spettacolo, dell’informatica o del commercio, per citarne solo alcuni. Inoltre, sarebbe necessario investire più mezzi nel settore sanitario e nelle misure per combattere l’isolamento sociale. Di fondamentale importanza è la lotta alle crescenti disuguaglianze e una migliore redistribuzione della ricchezza; ci sono infatti grandi aziende che hanno ulteriormente aumentato i loro guadagni. Negli ultimi giorni sono cresciute le pressioni per riaprire le attività. Se le richieste di chi è preoccupato per le conseguenze delle chiusure e delle restrizioni sono comprensibili e necessitano di risposte concrete da parte della politica, esse lo sono molto meno quando sono fatte dagli esponenti di quei partiti che nel parlamento federale si sono opposti a sostegni più incisivi. È stato infatti necessario battersi per l’introduzione di ulteriori aiuti alle imprese in difficoltà e il riconoscimento delle indennità di lavoro ridotto al 100% almeno per i bassi redditi. Oggi una parte degli aiuti tarda ad arrivare; i complicati meccanismi di richiesta escludono le piccole attività che hanno cifre d’affari ridotte o che sono state create dopo l’inizio della pandemia; le misure a favore del mondo della cultura coprono solo una parte dei bisogni e chi ha lavori precari rischia di cadere rapidamente nell’indigenza e quindi necessitare dell’aiuto sociale. Le prossime settimane saranno decisive per arginare la crisi e salvaguardare posti di lavoro e aziende, anche aumentando gli aiuti che dovranno essere rapidi e di facile accesso. La Svizzera ha i mezzi per rispondere a questi bisogni: ha un debito pubblico basso, la Banca nazionale realizza importanti utili ed è giunto il momento di riflettere sull’introduzione di un’imposta di crisi sugli alti patrimoni e sulle quelle aziende che hanno fatto importanti guadagni nonostante la pandemia. Purtroppo, invece di discutere seriamente queste opzioni la destra svizzera, capeggiata dall’UDC e rincorsa dal PLR, preferisce far demagogia lanciando una campagna personale contro il Consigliere federale Berset. Omettendo ovviamente di dire che le decisioni sono prese dal Governo e non da un suo singolo esponente e che sia in Consiglio federale sia in parlamento la sinistra non ha ancora la maggioranza. Far credere che basterà riaprire tutto per rimettere a posto le cose è creare false illusioni a chi vive difficoltà economiche, teme per il posto di lavoro o il futuro della sua attività. Le misure restrittive hanno permesso di evitare un numero ancora più elevato di malati e decessi, ma anche ben maggiori danni all’economia. Ecco perché si deve evitare di contrapporre salute ed economia ed essere solidali con chi è in difficoltà. Solo così potremmo veramente uscire dalla crisi.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved