facciamo-rifiorire-chiasso
Chiasso
26.03.2021 - 11:24

Facciamo rifiorire Chiasso

di Giorgio Giacomazzi, candidato Us-I verdi al consiglio comunale, Chiasso

La crisi attuale ha messo a nudo debolezze già latenti. L’inquietudine nella gente per la precarietà sociale e ambientale era già presente. Come possiamo fare rifiorire il nostro cantone e la nostra città di Chiasso, un tempo prospera ed energica? Ci troviamo di fronte a eventi epocali. Avremo il coraggio di rimettere in discussione il modello di sviluppo attuale, cambiare la prospettiva da cui guardiamo le cose? Smettere di considerare l’ambiente e le persone come null’altro che materiali da usare per il profitto, senza preoccuparsi dei danni da essi subiti?
L’economia dovrà essere collegata all’ambiente e al servizio della comunità, e non il contrario. Quello che possiamo fare noi nel nostro piccolo è essere una comunità unita e solidale. Collaborare, sostenere gli esempi virtuosi e le iniziative che servono a dare fiducia e mostrare che il cambiamento non solo è possibile, ma sta già anche avvenendo. Purtroppo Chiasso, da protagonista è riuscita a condannarsi a un lento e inesorabile declino, preferendo chiudersi costruendo muri anziché ponti. Mancando di sviluppare una sua identità.
Il settore finanziario è rimasto sempre a rimorchio e in balia della corrente, senza una vera aspirazione di diventare qualcosa di più che un semplice sportello per la clientela italiana. La Chiasso di oggi è la conseguenza di scelte (non) fatte ma semplicemente subite negli ultimi 20 anni. Il nostro futuro sarà la conseguenza di scelte e decisioni che ci apprestiamo a prendere oggi. Oggi c’è bisogno di leader capaci di guardare oltre, vedere il futuro. Non pavidi mendicanti di consensi in balia degli umori e le paure della gente. Se avremo il coraggio di essere noi stessi e seguire i nostri sogni, anziché essere la caricatura di noi stessi, i nostri sforzi saranno premiati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiasso elezioni comunali giorgio giacomazzi us-i verdi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved