laR+ Dib. elettorale

La tua, la vostra, la nostra storia vincente

Mie care elettrici e cari elettori piacere, io sono Joao.
Classe ’85 sono nato in Angola e sono arrivato in Europa come profugo all’età di 3 anni.

Ho vissuto per strada chiedendo acqua, cibo e vestiti alla Croce Rossa, prima che la nostra domanda d’asilo politico in Svizzera venisse accettata e diventassi un rifugiato.
Quindi da Chiasso, con in tasca meno di nulla e con un bagaglio pieno di traumi, ho intrapreso un nuovo viaggio per costruirmi un’esistenza dignitosa in Ticino con la convinzione di voler scrivere la mia storia.
Quella dell’asilante è una storia come tante, di tanti a cui la vita non ha mai regalato nulla e che ogni giorno devono combattere per essere integrati nella società e avere gli stessi diritti e possibilità degli altri.

A oggi posso dire che ce l’ho fatta, sono un vincente!
Non tanto perché ho conseguito diversi diplomi o perché ho un ruolo dirigenziale in azienda e mi posso permettere di aiutare mia madre e far valere i miei diritti e doveri come padre, o perché posso esprimere la mia fede, permettermi l’appartamento e la macchina dei miei desideri, viaggiare, vivere le mie passioni e nemmeno perché a dicembre 2021 ho ricevuto la cittadinanza svizzera dopo un calvario politico e burocratico durato ben 30 anni.
Mi reputo un vincente perché ho trasformato il mio difficile passato in una risorsa e grazie al mio vissuto ho maturato la sensibilità e il carattere per affrontare temi quali: immigrazione, integrazione, disoccupazione, pari opportunità e diritti nella formazione e sul posto di lavoro.

Questioni che in Ticino sono all’ordine del giorno e che hanno bisogno di un portavoce che le abbia vissute sulla propria pelle e che ne sia uscito da vincente.
Sono convinto che questo sia il modo migliore per rendere grazie alla patria che mi ha dato una possibilità.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE