Est Europa

Caritas chiede più aiuti per l'Ucraina

La Ong è attiva sul posto per assistere la popolazione civile bisognosa. Allo stesso tempo, chiede alla Svizzera di fornire maggiore sostegno

(Keystone)
21 febbraio 2024
|

Due anni fa, la Russia ha attaccato l'Ucraina lanciando una guerra distruttiva di cui ancora non si prevede la fine. Caritas è attiva sul posto per assistere la popolazione civile bisognosa. Allo stesso tempo, chiede alla Svizzera di prendere decisioni in materia di politica interna ed esterna e di fornire maggiore sostegno all'Ucraina, garantendo però che ciò non penalizzi i Paesi del Sud del mondo.

"L'allarme aereo, che risuona più volte al giorno e anche di notte, sta minando la sostanza del popolo ucraino", descrive Peter Lack, direttore di Caritas Svizzera, che attualmente si trova a Kiev per valutare la situazione umanitaria. La guerra sta avendo un impatto devastante sulla vita delle persone anche al di fuori delle zone direttamente coinvolte nei combattimenti. Molte scuole sono chiuse perché non dispongono di rifugi. Nell'Est del Paese in particolare, l'istruzione avviene online, quando è possibile. Le madri restano quindi a casa per essere vicine ai propri figli e garantire loro stabilità. Siccome non possono lavorare, hanno a malapena abbastanza denaro per pagare l'affitto, l'elettricità e il cibo. Dopo la fuga e lo sfollamento, le persone vivono in uno stato persistente di trauma, povertà e isolamento.

"Le necessità sono molto diverse", afferma Peter Lack. "Le famiglie fuggite di recente dagli incessanti combattimenti nell'Est del Paese per rifugiarsi nelle città ucraine apparentemente sicure hanno bisogno di altri aiuti rispetto a quelle rimaste nel loro luogo di residenza originario e che da due anni cercano di far fronte alla complessa realtà della guerra in Ucraina". Di conseguenza, i progetti di Caritas Svizzera vengono regolarmente rivisti e adeguati alle diverse situazioni. Finora, l'organizzazione caritatevole ha fornito assistenza alla popolazione ucraina in difficoltà per un importo complessivo di oltre 20 milioni di franchi.

Concessione imminente del permesso di dimora

Circa 65'500 cittadini ucraini vivono attualmente in Svizzera con uno statuto di protezione S. Poiché le condizioni di vita continuano a essere precarie in Ucraina, Caritas Svizzera ritiene che sia ancora prematuro discutere di un ritorno forzato in patria. Un accordo di pace sarebbe una condizione essenziale per intraprendere tale passo. La Confederazione riconosce nel frattempo che l'idea di un ritorno nel Paese d'origine senza alternative ha un impatto negativo sul processo di integrazione. Caritas se ne rallegra, ma ritiene che siano necessarie ulteriori azioni. "Ci auguriamo che presto venga concesso un permesso di dimora a questi soggetti. Una misura del genere fornirebbe loro sicurezza e chiarezza, ed è una cosa assolutamente necessaria al momento", afferma Peter Lack.

La Svizzera deve dimostrarsi solidale nei confronti dell'Ucraina nella sua politica interna ed esterna. La ricostruzione e l'aiuto umanitario in Ucraina sono fondamentali e appropriati. Tuttavia, devono essere imperativamente finanziati attraverso un budget straordinario e non riducendo i fondi destinati alla cooperazione internazionale, poiché questa misura penalizza le persone che vivono nei Paesi del Sud del mondo.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE