Striscia di Gaza

Israele colpisce Gaza: raid aereo e attacco via terra

Accelerate le operazioni contro Hamas. Che reagisce. Blackout totale della rete e delle comunicazioni

In sintesi:
  • Preludio all'invasione vera e propria 
  • Si teme l'estensione del conflitto
(Keystone)
27 ottobre 2023
|

Questa sera, venerdì, è in corso un pesante bombardamento di Gaza con 100 aerei impegnati in contemporanea. Come riferiscono i media starebbero continuando le incursioni notturne dell’esercito israeliano nella Striscia, che per la terza volta in 24 ore è entrato con carri armati e soldati nel territorio per colpire obiettivi di Hamas. Le forze di terra dell'esercito israeliano espanderanno stanotte i blitz insieme agli attacchi aerei. Lo ha riferito il portavoce militare Daniel Hagari, rinnovando l'appello ai residenti palestinesi di evacuare verso il sud della Striscia. Le comunicazioni sono state interrotte.

Secondo il braccio militare dell'islamista Hamas nella Striscia di Gaza, ci sono operazioni di terra israeliane in due luoghi diversi. Le Brigate Al-Qassam hanno annunciato nella tarda serata di venerdì che ci sono stati violenti scontri nella città di Beit Hanun, a nord, e a est del campo profughi di Al-Bureij, nel centro della Striscia di Gaza. Entrambe sono località vicine al confine. Non è stato possibile verificare in modo indipendente le informazioni fornite dall'organizzazione islamista, classificata come organizzazione terroristica dall'Ue e dagli USsa. L'esercito israeliano non ha voluto commentare il rapporto.

L'esercito israeliano aveva annunciato in precedenza che avrebbe ampliato le operazioni di terra nella Striscia di Gaza contro l'organizzazione islamista Hamas. Inizialmente non era chiaro se l'annuncio segnasse l'inizio dell'attesa offensiva di terra dell'esercito israeliano. In precedenza, l'esercito israeliano aveva compiuto sporadici e poco tempestivi avanzamenti sul terreno.

D'altro canto, gli attacchi anti-Iran degli Stati Uniti in Siria hanno colpito depositi di munizioni. Lo ha detto il portavoce del Consiglio per la sicurezza americana, John Kirby, sottolineando che l'amministrazione si aspetta che i raid abbiano un "impatto significativo" sui gruppi di militanti sostenuti da Teheran. "Lo scopo di questi attacchi era quello di avere un impatto significativo sulle future operazioni delle Guardie rivoluzionarie e dei gruppi di miliziani sostenuti dall'Iran", ha detto Kirby. "Hanno colpito le strutture di stoccaggio e i depositi di munizioni che sappiamo verranno utilizzati per sostenere il lavoro di questi gruppi di miliziani, in particolare in Siria", ha aggiunto il funzionario.

Leggi anche:
Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE