Estero

In 10 anni il 30% in meno di sprechi alimentari pro capite

È l'obiettivo decennale che si è posta l'Unione europea tramite una riforma mirata della direttiva sui rifiuti

In sintesi:
  • Ogni anno quasi 59 milioni di tonnellate di cibo (131 kg/abitante) vengono sprecati all'interno dell'Unione europea
  • Secondo le stime, raggiungendo gli obiettivi fissati, una famiglia tipo arriverebbe a risparmiare fino a 400 euro all'anno
  • La riforma mira anche a ridurre del 10% lo spreco nell'industria alimentare
Prodotti sfusi? Una delle possibili soluzioni
(Keystone)
6 luglio 2023
|

Tagliare gli sprechi alimentari pro capite dal 2020 al 2030 del 30% in ristoranti, mense e famiglie, e del 10% nell'industria alimentare. Sono gli obiettivi obbligatori nazionali proposti dalla Commissione europea in una riforma mirata della direttiva sui rifiuti. Quasi 59 milioni di tonnellate di cibo (131 kg/abitante) vengono sprecati ogni anno nell'Unione europea, con un valore di mercato stimato di 132 miliardi di euro, ricorda una nota della Commissione europea. Oltre la metà dello spreco (53%) è generato dalle famiglie, seguite dal settore di trasformazione e manifatturiero (20%).

Secondo le stime della Commissione europea, raggiungere gli obiettivi proposti significherebbe risparmi per 400 euro l'anno per una famiglia tipo di quattro persone. Una revisione è prevista nel 2027 per verificare la possibilità di accelerare, visto che l'Unione europea e gli Stati membri hanno sottoscritto l'obiettivo di sviluppo sostenibile Onu sul dimezzamento dello spreco alimentare entro il 2030.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE