Estero

Croce Rossa, rapporto esterno critica licenziamento ex direttore

L'allontanamento di Markus Mader continua a far discutere. L'audit di Res Publica Consulting identifica le mancanze dell'organo direttivo

Mader
(Keystone)
24 maggio 2023
|

In seno alla Croce Rossa svizzera (Crs) la separazione dallo storico direttore Markus Mader, avvenuta a metà dicembre, continua a far discutere. Un rapporto d'indagine esterno pubblicato oggi identifica le mancanze dell'organo direttivo della Crs. La Commissione di revisione aziendale ha trasmesso il rapporto della società di consulenza Res Publica Consulting ai delegati dell'Assemblea della Croce Rossa mercoledì scorso. Keystone-Ats ha potuto consultarlo.

La Crs si è separata dal suo direttore storico Markus Mader a metà dicembre con effetto immediato. Di conseguenza, quattro membri del Consiglio della Croce Rossa, l'organo direttivo della Crs, si erano dimessi.

Problema strutturale

Secondo il rapporto, il conflitto su Mader si basava su un problema strutturale: come in altre organizzazioni decentralizzate, erano sorte ripetutamente tensioni, soprattutto tra alcune associazioni cantonali e la sede centrale.

Gli autori del rapporto criticano la presidente del Consiglio della Croce Rossa, l'ex consigliera nazionale del Ppd di Zurigo Barbara Schmid-Federer. Criticano il fatto che l'organo direttivo della Crs non abbia ricevuto una proposta scritta con motivazioni dettagliate per il licenziamento di Mader.

Schmid-Federer non è stata raggiungibile telefonicamente per una dichiarazione e l'ufficio stampa della Crs non ha per il momento voluto commentare ulteriormente il rapporto prima dell'Assemblea dell'organizzazione il 24 giugno.

Tuttavia, una dichiarazione del Consiglio della Croce Rossa firmata da Schmid-Federer e dal suo vicepresidente Matteo Pedrazzini, allegata al rapporto, permette di trarre conclusioni sulla posizione di Schmid-Federer.

In esso, i due ammettono di non aver agito con sufficiente prudenza. Tuttavia, respingono l'accusa, anch'essa formulata nel rapporto, che il Consiglio della Croce Rossa abbia violato il suo dovere di diligenza nei confronti di Mader in base al diritto del lavoro. Uno dei punti controversi è la misura in cui il regolamento del personale della Crs si applica anche al direttore.

In una lettera inviata da Schmid-Federer e Pedrazzini all'Assemblea della Croce Rossa, i due criticano anche “errori di fatto e di contenuto” nel rapporto d'inchiesta.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE