ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
11 min

Violenta lite tra in famiglia a Verbania

L’alterco ha avuto per protagonisti un 32enne di origini albanesi e con cittadinanza italiana e suo padre, con quest’ultimo lievemente ferito
Estero
48 min

Il terremoto più violento nella regione addirittura dal 1202

È quanto afferma il centro libanese di geofisica in merito al sisma che ha interessato Turchia e Libia
Stati Uniti
1 ora

Cura dimagrante in vista per Dell: via 6’650 impieghi

Calo della domanda e futuro incerto pesano sull’azienda statunitense, costretta a tagliare il 5% della forza lavoro globale del gruppo
Estero
1 ora

Nel sud est della Turchia la terra trema nuovamente

Dopo il violento terremoto della notte, un’altra scossa, stavolta di magnitudo 7,5, ha investito una regione già sommersa di macerie
Confine
3 ore

Tenore di vita sopra le righe e serate con i calciatori Vip

Arrestato un gestore di slot machine di Busto Arsizio, per aver ‘alleggerito’ gli apparecchi per 700 mila euro
Estero
4 ore

Di Jindiris ora resta solo un cumulo di macerie

Il violento terremoto ha raso al suolo la cittadina siriana al confine con la Turchia. Quasi raggiunto il migliaio di vittime complessive
Italia
4 ore

Gli hacker lasciano gran parte dello Stivale senza internet

Una domenica al... buio virtuale: la compagnia telefonica Tim in panne per oltre mezza giornata, accesso alla rete non disponibile per ore
Turchia
5 ore

Sale ad almeno 771 il numero di vittime del terremoto

Dichiarato lo stato di emergenza in tutto il nord-est della Turchia. Sollecitato l’intervento delle organizzazioni umanitarie internazionali
29.11.2022 - 22:07
Aggiornamento: 22:33

La Cina sceglie la repressione, ma non solo

Pechino incolpa le ‘forze ostili’ ed è pronta a prevenire e sedare ulteriori proteste contro le misure anti-Covid, ma non esclude qualche allentamento

Ansa, a cura di Red.Estero
la-cina-sceglie-la-repressione-ma-non-solo
(Keystone)

Il Partito comunista cinese irrigidisce la sua linea contro le proteste anti-Covid del fine settimana. In una riunione tenuta lunedì, la Commissione centrale per gli Affari legali e politici ha chiesto "una repressione" delle "forze ostili", rimarcando la necessità "di risolvere tempestivamente conflitti e controversie e aiutare le persone a risolvere le difficoltà pratiche". Pechino ha quindi lanciato un inequivocabile monito in vista del prossimo weekend: "Dobbiamo reprimere risolutamente le attività di infiltrazione e di sabotaggio da parte di forze ostili in conformità con la legge, reprimere con determinazione gli atti illegali e criminali che sconvolgono l’ordine sociale e mantenere con efficacia la stabilità sociale complessiva", ha riferito un resoconto diffuso in serata dall’agenzia Xinhua, riportando toni in linea con le minacce del 2019 contro le proteste pro-democrazia di Hong Kong.

La Cina ha assistito nello scorso fine settimana a proteste su vasta scala che non si vedevano dai tempi della repressione di Piazza Tienanmen del 1989, scatenate dalla rabbia e dalla frustrazione dopo quasi tre anni di applicazione della politica draconiana della ‘tolleranza zero’ al Covid. Alcuni manifestanti, soprattutto a Shanghai, hanno utilizzato le proteste anche per chiedere una maggiore libertà di espressione, il passo indietro del Pcc e addirittura le dimissioni del presidente Xi Jinping, che a ottobre ha ricevuto un inedito terzo mandato di fila a capo del partito e quindi dello Stato.

Sul fronte della sicurezza, la polizia ha cominciato gli interrogatori dei manifestanti arrestati, sollecitando i partecipanti identificati a "fornire chiarimenti". Londra, invece, ha convocato l‘ambasciatore cinese per l’arresto del reporter della Bbc Ed Lawrence, picchiato dagli agenti a Shanghai, dove stando ai video sui social le forze dell’ordine hanno cominciato a ispezionare gli smartphone alla ricerca di app vietate come Twitter e WhatsApp. La stretta ha interessato anche i social media in mandarino con la censura rafforzata del Great Firewall. Sempre a Shanghai, la Urumqi Road, cuore delle proteste, è ora presidiata dalla polizia, così come altri luoghi sensibili a Pechino. Nel frattempo, la Cina ha difeso ancora la linea della ’tolleranza zero’, annunciando un nuovo piano per accelerare i vaccini anti-Covid per aumentare la protezione degli anziani, a partire dagli ultraottantenni. I massimi funzionari sanitari si sono però impegnati "a rettificare le misure di controllo" del Covid-19 per ridurne l’impatto sulla vita delle persone, imputando la frustrazione pubblica ai funzionari locali. Nel primo briefing dalle proteste, Cheng Youquan, direttore del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha riferito che i lockdown dovrebbero essere revocati "il più rapidamente possibile". Mentre "alcuni problemi" non sarebbero dovuti alle misure, ma alla loro applicazione da parte dei funzionari locali che adottano un "approccio unico per tutti", senza ascoltare le richieste della gente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved