ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Zelensky in Europa, ‘il male perderà, dateci i caccia’

Il leader ucraino a Londra e Parigi, domani a Bruxelles. Il premier britannico Sunak dice di non ‘escludere nulla dal tavolo’.
Stati Uniti
5 ore

Skechers con le ali ai piedi: vola il fatturato

Nell’ultimo trimestre dell’anno vendite per quasi due miliardi di dollari, che fanno lievitare a quota 7,4 miliardi l’incasso sull’intero 2022
Estero
5 ore

Quattro le persone estratte vive dalle macerie di Hatay

Terremoto in Turchia, prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori svizzeri della Catena di Salvataggio
Estero
6 ore

Bus contro asilo nido a Montreal, bimbi feriti gravemente

Nel violento impatto, l’edificio è stato parzialmente distrutto. Arrestato l’autista del mezzo protagonista dell’incidente
Estero
9 ore

Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento

L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Turchia
10 ore

Notte di lavoro fra le macerie per i cani Redog

Già 24 le persone ritrovate vive dalle squadre di salvataggio svizzero mandate sul posto. Impegnati nelle ricerche sei animali e dieci persone
Confine
11 ore

Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’

L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
12 ore

Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi

Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
Estero
15 ore

La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700

Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
il terremoto
1 gior

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
1 gior

Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’

Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
stati uniti
1 gior

Biden bocciato dal 62% degli americani

Brutte notizie nei sondaggi a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione
italia
1 gior

Arrestato il medico di Messina Denaro

Alfonso Tumbarello aveva curato il boss mafioso durante la latitanza: ‘Conosceva la sua vera identità’
Confine
1 gior

A processo i due ex assessori canturini residenti in Ticino

Erano stati arrestati a fine novembre. Tra le accuse quella di bancarotta fraudolenta
27.11.2022 - 20:23
Aggiornamento: 20:41

Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’

Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio

Ansa, a cura di Red.Estero
proteste-anti-covid-in-cina-via-xi-e-il-pcc
La protesta dei cartelli bianchi (Keystone)

La politica della ‘tolleranza zero’ al Covid, perseguita con tenacia e ostinazione in quasi tre anni di pandemia, si è trasformata in un pericoloso boomerang per la leadership cinese. Le migliaia di persone scese a manifestare anche oggi in varie città del Paese a costo di pesanti conseguenze hanno preso di mira per la prima volta direttamente il Partito comunista e il presidente Xi Jinping, di cui sono state chieste le dimissioni, insieme a una svolta democratica. Un affronto che alla Zhongnanhai, la cittadella del potere rosso di Pechino, avrà di sicuro fatto alzare il livello di guardia verso un fenomeno che sta trovando sponde in tutta la Cina come non accadeva dai tempi di Piazza Tienanmen sulla spinta dei social media, dove la creatività ha neutralizzato la censura del Great Firewall. I fogli bianchi tra le mani sono i simboli più riconoscibili anti-lockdown e sfuggono alle maglie dei controlli.

Shanghai e Pechino sono gli epicentri della protesta che ha ramificazioni anche in altre città, tra cui Nanchino, Qingdao, Chengdu e Wuhan, il famigerato capoluogo dell’Hebei all’origine della crisi del nuovo coronavirus a gennaio 2020. Nella capitale cinese, presso la prestigiosa Università Tsinghua, circa trecento studenti hanno protestato dopo l’affissione di un foglio bianco. In serata, alcune centinaia di persone si sono radunate lungo il fiume Liangma e nelle aree limitrofe per una veglia - a dispetto delle restrizioni anti-Covid - in ricordo delle vittime dell’incendio di Urumqi, nello Xinjiang, costato la scorsa settimana la vita a 10 persone in una tragedia imputata alle inflessibili politiche anti-Covid. Tra i canti, l’Internazionale e Imagine di John Lennon. I video circolati online mostrano la rabbia di una popolazione esausta, sfinita e frustrata per le continue restrizioni anti-virus che ripetono la solita ricetta: lockdown, test di massa, quarantene interminabili e ingerenze nella sfera dei diritti.


Un uomo alza le mani davanti alla polizia (Keystone)

Dopo la rielezione

Lo stesso Xi, appena riconfermato alla guida del Pcc con un inedito terzo mandato di fila, ha definito "poco costosa" la linea dello zero-Covid, nonostante le restrizioni abbiano affossato l’economia, affermando che la linea del governo sarebbe rimasta quella fino alla "vittoria finale" sul virus. Mentre anche le immagini dei Mondiali di calcio in Qatar, con stadi strapieni di spettatori senza mascherina, sono diventate oggetto di dibattito tra i netizen, simbolo di un mondo esterno che ha fatto altre scelte rispetto alla Cina: il network statale Cctv, trasmettendo gli incontri, ha pensato bene di tagliare le riprese del pubblico sugli spalti. A Shanghai, Wulumuqi Road - che prende il nome da Urumqi - è diventata il cuore delle rivendicazioni: sabato c’è stata la veglia sfociata in una protesta poi stroncata con decine di arrestati dalla polizia. Il pugno duro non ha scoraggiato le altre centinaia di persone che si sono ripresentate oggi chiedendo in forma esplicita la fine del Partito comunista, le dimissioni di Xi Jinping, la democrazia ed esprimendo solidarietà alla causa delle donne iraniane. A Shanghai c’è una rabbia diffusa per i due mesi di lockdown vissuto fino agli inizi di giugno che hanno visto la città sprofondare in un incubo, mentre per tutta risposta l’allora segretario del Pcc cittadino Li Qiang è stato promosso da Xi a numero due del partito, quindi a premier in pectore. "Abbasso il Partito comunista cinese, abbasso Xi Jinping", e stato uno slogan riconoscibile in un video postato sui social.


Manifestanti con i cartelli bianchi (Keystone)

Più di recente scontri sono stati filmati tra lavoratori migranti e polizia a Lhasa, il capoluogo del Tibet, dopo oltre ottanta giorni di lockdown, e a Guangzhou, all‘ennesimo blocco. La Cina, tra l‘altro, è nel pieno della peggiore ondata di Covid-19 dall’inizio della pandemia, con numeri record (ma comunque relativi rispetto al resto del mondo) che sono saliti sabato - secondo la Commissione sanitaria nazionale - a quasi 40.000 unità su scala nazionale, in prevalenza a Guangzhou, Chongqing e Pechino. Intanto, sembra emergere l’impatto della straordinaria protesta organizzata a Pechino da Peng Zaizhou, il vero nome di Peng Lifa, sul cavalcavia di Sitong, lo scorso 13 ottobre alla vigilia del XX Congresso del partito. Gli slogan da lui scritti sugli striscioni sono stati ampiamente ripresi dai manifestanti: dal ‘non vogliamo fare i tamponi, vogliamo libertà’ e al ’vogliamo dignità non bugie’, fino al ’via il dittatore Xi Jinping’. Le proteste in Cina, è stata una delle letture fornite sui social, "sono come i minuscoli formicai nella diga. Malgrado nessuna di loro sia fatale, un numero sufficiente in luoghi e tempi strategici potrebbe portare al crollo della possente struttura". Perché una delle migliori tradizioni della cultura cinese risale almeno a Confucio: "Fare l’impossibile". (ANSA).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved