ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
24 min

Con un vitello sulla Piazza Rossa, 13 giorni di carcere

La giovane fermata a Mosca, attivista per i diritti degli animali, condannata per aver resistito all’arresto: sulla Piazza è vietata ogni manifestazione
Confine
2 ore

Verso l’Italia con una pistola e 11mila euro, fermato a Brogeda

A carico del conducente di un’autovettura è scattata la segnalazione e il sequestro dell’arma, oltre alla contestazione per la valuta non dichiarata
Stati Uniti
5 ore

Colpo partito sul set di Rust, incriminato formalmente Baldwin

L’attore sparò con una pistola di scena convinto che fosse caricata a salve e colpì la direttrice della fotografia.
Estero
5 ore

Il Senato italiano approva l’accordo fiscale sui frontalieri

Unanimità quasi totale, con un solo astenuto e nessun voto contrario: passa ora alla Camera dove il sì appare scontato. Discusso anche il nodo telelavoro
Oceania
8 ore

Australia, ritrovata la capsula radioattiva

Le ricerche della capsula erano cominciare a metà gennaio, quando era stata smarrita durante il trasporto su un camion da una miniera
reportage dal myanmar
12 ore

La guerra nascosta a due anni dal golpe

Le vittime degli scontri tra i ribelli e i soldati curate in centri clandestini. Non si può nemmeno studiare, le scuole sono prese di mira dai militari
Estero
19 ore

Trovati morti in Spagna un uomo e una donna, forse svizzera

Possibile femminicidio-suicidio in un’abitazione nella località di La Línea de la Concepción (Cadice)
Estero
20 ore

Il Papa a Kinshasa: ‘Giù le mani dall’Africa’

‘In Congo c’è stato un genocidio’. Folla oceanica per le strade. ‘Basta con lo sfruttamento delle risorse naturali’
Estero
20 ore

Francia ancora in piazza contro la pensione a 64 anni

Di nuovo in strada 12 giorno dopo la prima grande mobilitazione. Guerra di cifre: 500mila per gli organizzatori, 87mila per la prefettura
economia
20 ore

Brexit, tre anni dopo il Regno Unito annaspa nella delusione

Unico Paese del G7 in recessione. Ma Sunak sfida le proteste: ‘Ce la faremo’
la guerra in ucraina
20 ore

Biden chiude agli F16, ma Kiev insiste: ‘Ne servono 200’

Dopo la Germania e gli Usa si accoda anche Londra. Mattarella: ‘Gli aiuti militari servono a far cessare la guerra’
russia
21 ore

L’ex speechwriter di Putin: ‘Ci sarà il golpe entro un anno’

Abbas Gallyamov: ‘La guerra è persa, per i russi diventa un dittatore di serie B’
Confine
23 ore

Ponte di Ribellasca, in arrivo nuove barriere

Il manufatto, di riconosciuto pregio storico, non può essere munito di guardrail tradizionali. L’Anas studia l’alternativa
Estero
1 gior

L’incendio di auto della Polizia locale rivendicato da anarchici

Su alcuni siti dell’area è stata pubblicata un’e-mail anonima, che esprime solidarietà ad Alfredo Cospito, in sciopero della fame al 41bis a Milano
Confine
1 gior

Stato di agitazione del personale delle dogane di Como

L’obiettivo dei sindacati è quello di ottenere l’arrivo di altri funzionari e di ovviare alla carenza di personale in servizio
09.11.2022 - 19:57
Aggiornamento: 21:26

Usa verso ‘inefficienza legislativa e cattivo governo’

Secondo lo storico Mario Del Pero per i Dem è andata meglio del previsto, ma un governo diviso rischia di paralizzare il Paese

usa-verso-inefficienza-legislativa-e-cattivo-governo
Intanto il palco si svuota (Keystone)

Quando le cose vanno come s’aspettavano tutti, pare quasi che non sia successo niente. Perché alla fine già lo sapevamo, che gli americani avrebbero punito i Dem: succede (quasi) sempre così, alle elezioni di metà mandato. Intanto i numeri – col Senato in bilico com’era già e la Camera che si direbbe persa, ma neanche di troppo – potrebbero indurci a pensare che quella registrata martedì sia solo una piccola scossa d’assestamento. A capire se si tratta di una lettura legittima e suffragata dai fatti ci aiuta Mario Del Pero, professore di Storia degli Stati Uniti a SciencesPo, Parigi.

Possiamo dire che per i Dem è stato un disastro mancato? E cos’ha permesso loro di schivarlo?

Premesso che i dati sono ancora parziali, il risultato dei Democratici appare molto migliore delle aspettative: potrebbero perdere solo di poco la Camera e in molte elezioni in bilico hanno vinto loro, oltre a ottenere un ottimo risultato anche a elezioni e referendum per i singoli Stati. Credo che su questo buon esito abbiano pesato elementi che risultavano importanti quest’estate, mentre poi sembravano ridimensionati all’approssimarsi del voto: in primis la questione dell’aborto, che ha spinto a votare molti elettori democratici i quali altrimenti si sarebbero astenuti (vedi accanto, ndr).

Cos’altro ha pesato?

Si direbbe che per la mobilitazione siano stati efficaci anche gli appelli a difendere una democrazia in pericolo – tema poi brandito dal presidente Joe Biden –, oltre alla radicalità e talora l’impresentabilità di alcuni candidati repubblicani, soprattutto quelli sostenuti da Donald Trump. Infine c’è un dato strutturale: la polarizzazione traina le persone al voto ‘in negativo’, per paura della controparte e per contrastarla più che a sostegno della propria, congelando due blocchi che alle urne sortiscono questo risultato così spaccato.

Che ruolo ha avuto Donald Trump in questo risultato? E cosa ci permette di dire circa la possibilità che si ricandidi per la Casa Bianca?

Trump è intervenuto attivamente in molte primarie, per finanziare e appoggiare certi candidati. Va detto d’altronde che la gran parte dei candidati repubblicani quell’endorsement l’ha cercato, perché l’ex presidente sposta ancora tanti voti, tanto che alla Camera entreranno diversi personaggi a lui vicini. Eppure nelle elezioni più importanti, come quelle per il governo di singoli Stati e per il Senato federale, i preferiti di Trump sono tendenzialmente andati male. In Georgia addirittura, tra candidati repubblicani per cariche diverse ma con lo stesso collegio elettorale, quello ‘non trumpiano’ è andato molto meglio di quello ‘trumpiano’. Trump, insomma, è in certa misura lo sconfitto di queste elezioni, come mostra la sua immediata polemica col governatore della Florida Ron DeSantis (vedi accanto, ndr). Tuttavia resta un candidato formidabile, che all’interno del partito repubblicano può esercitare una forza distruttrice che a nessuno conviene scatenare. Immaginiamoci cosa succederebbe se si ricandidasse e perdesse di misura le primarie presidenziali: sarebbe capace di tutto. Questo ci mostra come Trump possa essere un problema anche per gli stessi repubblicani.

Si dice sempre che le elezioni di metà mandato sono anche un referendum sul presidente (in questo caso, l’anziano e afono Joe Biden). È stato così anche stavolta?

Forse meno del solito: il tasso di fiducia dei consumatori e quello di approvazione dell’operato del Presidente – i due indicatori che molti studiosi utilizzano per prevedere l’esito delle elezioni di midterm – sono a livelli molto bassi, eppure la sconfitta democratica non è stata così netta. Allo stesso tempo la popolarità di Biden in questi mesi è sempre stata inferiore a quella del suo partito, tanto che molti candidati lo hanno tenuto lontano dalla loro campagna. Per cui il risultato del voto appare spiegabile più nonostante che grazie a Biden.

Un vecchio adagio dice che un Congresso in mano al partito opposto a quello del presidente permette di concertare un’attività governativa e legislativa più pragmatica, e che – come ha scritto il neopadroncino di Twitter Elon Musk – "la condivisione del potere riduce gli eccessi peggiori di entrambi i partiti". Siamo sicuri?

No, è storicamente falso. Soprattutto in fasi di forte polarizzazione politica. Certo, ci sono stati alcuni periodi produttivi di divisione tra esecutivo e legislativo, ma resta più una leggenda che una regola, una leggenda tendenzialmente sostenuta dai più centristi – che sognano un accordo bipartisan all’insegna della moderazione e del compromesso –, o da personaggi come Musk, il quale ambisce a presentarsi come grande pacificatore nazionale. Se andiamo a vedere gli ultimi bienni di questo tipo – Obama post-2010 e Trump post-2018 – vediamo che sono caratterizzati da bassissima produttività legislativa. Se, come sembra, ci sarà una divisione, nei prossimi due anni è presumibile che vedremo una sostanziale assenza di nuove leggi, un governo del Presidente per via esecutiva o burocratico-amministrativa, e un continuo ricorso al Congresso come ‘trincea’ per una guerra politica permanente e come ‘teatro’ nel quale posizionarsi in previsione delle prossime Presidenziali. Insomma: inefficienza legislativa e cattivo governo, o almeno governo in cui l’uso e abuso degli strumenti presidenziali possono spingersi ben oltre il dettame costituzionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved