ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

‘Dopo i tank ci saranno anche gli aerei’

Kiev torna a invocare i caccia ‘per salvare più vite’, mentre prosegue la feroce battaglia a Bakhmut
Estero
1 ora

Usa, Cina e la crisi del pallone-spia

Mentre gli Stati Uniti lavorano al recupero dei detriti, sull’incidente restano ancora molti punti oscuri
Estero
7 ore

In Iran l’ayatollah concede la grazia a migliaia di prigionieri

Esclusi dal provvedimento gli accusati di ‘spionaggio, contatto con agenti stranieri, omicidio, distruzione e incendio doloso di proprietà di Stato’
Estero
8 ore

In Germania caccia al lupo ‘killer’ della pony di Von der Leyen

L’esemplare Gw950m è ricercato nella regione di Hannover dove è inserito nella lista degli animali da abbattere, ma finora si è dato alla fuga
Confine
10 ore

Con la marijuana in casa: un coinquilino li denuncia

Due giovani in manette a Ponte Chiasso. I poliziotti li hanno trovati con oltre 600 grammi di ‘erba’ e soldi
Estero
10 ore

È morto l’ex presidente del Pakistan Musharraf

Aveva 79 anni ed era malato da tempo. Era salito al potere nel 1999 con un colpo di Stato per poi dimettersi nel 2008 per evitare l’impeachment
Confine
11 ore

Como, malore e infortunio allo stadio durante la stessa partita

Un 23enne è stato colto da arresto cardiaco, mentre un 46enne è caduto procurandosi un trauma facciale. Entrambi sono stati soccorsi e portati in ospedale
Estero
12 ore

‘Almeno 3 i palloni-spia cinesi sopra gli Usa sotto Trump’

Lo ha dichiarato un alto funzionario della difesa statunitense. Ieri è stato abbattuto l’apparecchio avvistato sopra una base americana
Estero
12 ore

Scholz: ‘Kiev non userà armi occidentali per colpire in Russia’

Il cancelliere tedesco rassicura sulle intenzioni della leadership ucraina dopo le dichiarazioni del rappresentante di Zelensky al Parlamento
Estero
12 ore

Sequestra e sevizia una escort costringendola a sniffare coca

Un uomo è stato arrestato a Desio, nei pressi di Monza. A salvare la ragazza, una chiamata ai carabinieri di un’amica che non era riuscita a rintracciarla
Estero
13 ore

Il Pakistan blocca Wikipedia: ‘Contenuti blasfemi’

L’enciclopedia partecipativa online segue lo stesso destino di Facebook e YouTube
Estero
1 gior

Australia, 16enne uccisa da uno squalo in un fiume

Non è nota la specie che ha azzannato la ragazza mentre nuotava nel fiume Swan uccidendola. L’ultimo attacco mortale in un fiume risale al 1960
iran
2 gior

Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere

Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
2 gior

Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra

Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
2 gior

Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27

Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
2 gior

Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino

L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
2 gior

La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis

Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
2 gior

‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’

Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
Gran Bretagna
2 gior

Altra giornata di passione sui binari d’Oltremanica

Tornano a incrociarsi le braccia dei ferrovieri: previsti gravi disagi per milioni di viaggiatori
Italia
2 gior

Vigilia di Sanremo al sapor di rapina per Roby Facchinetti

Pistole alla mano, tre banditi sono penetrati nella casa della voce dei Pooh a Bergamo, facendosi consegnare gioielli, orologi e altri valori
Francia
2 gior

Minaccia un attentato su un Tgv, arrestato

Disagi sulla rete ferroviaria ad alta velocità tra Colmar e Parigi, col convoglio costretto allo stop forzato di quasi due ore e mezza a Louvigny
Estero
2 gior

Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari

Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
Stati Uniti
2 gior

Preso per un ladro, ucciso mentre andava a casa della nonna

Voleva rassettare l’appartamento della defunta, ma la Polizia di Wyoming, nell’Ohio, gli ha sparato credendolo un malfattore
laR
 
08.11.2022 - 19:56

La fabbrica delle bugie di Trump nel giorno del voto

Citizens for Sanity sostiene una campagna di manifesti e false pubblicità ‘woke’ per danneggiare i Dem. Storia d’un trucco che la dice lunga

di Roberto Scarcella da Washington, Usa
la-fabbrica-delle-bugie-di-trump-nel-giorno-del-voto
(Citizens for Sanity)
+5

La fabbrica delle menzogne ha un nome menzognero, tanto per mettere in chiaro le cose, o per confonderle, a seconda del grado di attenzione e ingenuità. Si chiama Citizens for Sanity e ha inondato di pubblicità false e tendenziose tutta la campagna elettorale americana: i suoi spot e i suoi cartelloni sono pieni di messaggi ambigui, bugie un tanto al chilo e – giusto ammetterlo – anche di una beffarda, feroce satira contro l’ideologia "woke", ovvero tutto quel mondo attento al sociale e all’equità, la cui monomania talvolta lo fa andare fuori giri. Un esempio su tutti, il cartello firmato Citizens for Sanity con la scritta: "Proteggete gli uomini incinti dalla discriminazione climatica". O ancora: "Se non ti piace essere rapinato, il problema sei tu".

Ma c’è poco da ridere, perché questa aggressiva campagna è stata studiata apposta per intorbidare le acque di un dibattito già insozzato di suo. Hanno soldi, tanti, e trovano sponde anche dove un minimo di decenza dovrebbe suggerire il contrario, come nel caso della Mlb, la potente lega di baseball americana, che – in cambio di cifre da capogiro – ha permesso a Citizens for Sanity di mandare in onda i propri spot durante i playoff del campionato, tra gli eventi più seguiti nel Paese.

I contenuti si possono immaginare, anzi no. Uno degli spot inizia con la scritta "i politici di sinistra hanno un’agenda sessuale da far seguire ai nostri figli: spettacoli di drag queen per i bambini, pornografia a scuola, maschi che possono legalmente entrare nei bagni delle donne in ristoranti, uffici e teatri". Il tono di voce è tra lo scandalizzato e il complottaro, le immagini sono fuori contesto e per di più mostrate in un momento in cui milioni di persone pensano più alla partita, creando quello squarcio di attenta disattenzione alla pubblicità che ti si appiccica a livello subliminale.

Tutto, insomma, è studiato nei minimi dettagli: è grossolano, pacchiano, ridondante, troppo in là per essere vero, certo, ma lo è volutamente. Con echi perfino cinematografici: nel film ‘Tre manifesti a Ebbing (Missouri)’, premiato con due Oscar, una donna affitta tre spazi pubblicitari per chiedere conto della morte della figlia dinnanzi a una giustizia pigra e menefreghista. Sulla pagina web di Citizens for Sanity fa capolino un manifesto a Epping, New Hampshire, in cui si chiede conto a un politico del suo voto: "Grazie senatore Hassan per aver votato per i confini aperti. I cartelli della droga hanno bisogno di tutto l’aiuto possibile".

Ce n’è per tutti

Per ogni target di potenziali elettori, insomma, c’è un video ad hoc. Uno, in spagnolo, destinato ai messicani e alle altre comunità latinoamericane, individua il problema nei migranti pakistani. Uno spot con immagini simili, in inglese, attacca i messicani, rei di attraversare il confine, superare il muro che divide i due Paesi, aumentando il traffico di droga, la prostituzione e la vendita di minori. Viene citato anche un caso di un migrante che nel 2020 ha violentato un bambino di tre anni. La domanda posta alla fine è "volete che i Democratici continuino a permettere tutto questo?", eppure – per quel conta, tanto, quando si tratta di propaganda – al potere all’epoca non c’erano i Democratici, ma Donald Trump. Ma si sa, una bugia ripetuta all’infinito può diventare verità.

Queste bugie hanno un prezzo (circa 40 milioni di dollari), ma chi le paga, nello specifico, non è chiaro. Citizens for Sanity è un cosiddetto "dark money group", un pozzo senza fondo di contributi privati anonimi da cui attingere per perorare la propria causa. Non siamo nati ieri, le lobby esistono da sempre e hanno un ruolo preponderante nell’assegnare poltrone, da quelle locali a quelle più ambite del Congresso, e denigrare l’avversario in America è un classico (chi non ricorda, restando fuori dalla politica, i colpi bassi tra Pepsi e Coca-Cola?). Ma qui siamo alla bugia sfrontata e legalizzata, il cui finanziatore resta nell’ombra. Non il committente però, che è – nemmeno a dirlo – Donald Trump.

A fugare ogni dubbio è la presenza, nel consiglio esecutivo di Citizens for Sanity, di Stephen Miller, l’uomo dietro alla decisione della Casa Bianca di Trump di separare i piccoli migranti messicani in arrivo dai loro genitori, e anche l’uomo dietro al "Muslim Ban", il decreto che portò al divieto d’ingresso negli Stati Uniti per i cittadini di alcuni Paesi musulmani considerati nemici, come Somalia, Siria, Sudan e Iraq.

Miller è anche fondatore e presidente di America First Legal (Afl), "la risposta – parole sue – tanto attesa dalla destra all’Aclu". L’Aclu è la storica, ormai centenaria, Unione americana per le libertà civili, impegnata in campagne antirazziste e sociali di ogni genere, il cui ultimo slogan è "Il dissenso è patriottico".

Divide et impera

L’Afl, al contrario, fomenta odio, ha fatto causa a Biden per la riapertura sui migranti e ha speso 4 milioni di dollari in Georgia, Ohio e Pennsylvania per una pubblicità in cui l’attuale presidente viene accusato di "esperimenti gender sui bambini americani". Ovviamente nei posti che contano dell’Afl siedono persone coinvolte in Citizens for Sanity, come John Zadrozny, o Gene Hamilton, che qui è vicepresidente e là è tesoriere: è stato lui a dare qualche settimana fa il via libera ai 3,2 milioni di dollari per sostenere l’ultraconservatore Don Bolduc, in corsa per un seggio in Senato nel New Hampshire: una cifra più alta di quella spesa da Bolduc in tutta la campagna.

Il consulente strategico di Citizens for Sanity è invece Ian Prior, portavoce di Jeff Sessions, primo senatore a esprimere sostegno a Trump nel 2016 e poi premiato dal tycoon con un posto da procuratore generale. Non sorprenderà che Prior sia stato ospite del podcast di Steve Bannon – l’ideologo della prima campagna elettorale di Trump – dicendo cose come: "Stanno giocando a far diventare i nostri bambini bambine e viceversa". Bannon lo ha elogiato dicendo che è difficile staccare gli occhi dai video di Citizens for Sanity, e ha ragione Bannon. Perché viene da stare lì a guardare fin dove arrivano, anche se l’impressione è che siano già arrivati dove volevano, nelle case dei più disperati, dei più indecisi, dei meno acculturati, di chi si sente all’ultimo gradino della piramide e teme che qualcuno lo spinga ancora più in basso. Prior e i suoi giocano con la paura e lo fanno senza temere di sconfinare nel ridicolo.

Sul loro sito hanno caricato ogni messaggio piazzato nelle strade d’America: un bestiario che incarna bene lo spirito della campagna dell’ultradestra anti-abortista, pistolera, razzista e xenofoba, con contorsionismi vari, ad esempio nel video in cui si cerca il consenso tra gli asiatici mostrando immagini di assalti da parte di afroamericani, una compilation dell’orrore per dire "state con noi", non con Biden e la "cricca" di Black Lives Matter. Insomma: dividere, dividere, dividere. E poi imperare, se la strategia funziona, presidiando il Congresso in vista delle elezioni presidenziali del 2024.

Brogli immaginari

Intanto, nel giorno delle urne, Trump e i suoi hanno cominciato a lamentarsi di possibili brogli, in particolare del voto per posta che si è concluso domenica (ma il cui spoglio sarà contestuale agli altri). La candidata governatrice repubblicana in Arizona, Kari Lake, grande sostenitrice del complotto anti-Trump nel 2020, ha detto apertamente che teme brogli. Tuttavia, secondo il ‘Washington Post’, le irregolarità nel voto per posta sono state infinitesimali nelle passate elezioni, nell’ordine di centinaia in tutto il Paese, vale a dire lo 0,0025 per cento.

E mentre, almeno a Washington, gli americani votano, io non riesco a staccare gli occhi dai messaggi di Citizens for Sanity: "Biologia è bigottismo. Nessuno è nato donna"; "Aprite i confini, le prigioni, i bagni. Chiudete le scuole. Votate progressista"; "Non permettete che la destra radicale metta in galera le nostre gang di quartiere. Votate Biden"; "Stai mostrando la tua fragilità bianca, basta lamentarsi dell’aumento degli omicidi".

Slogan ossessivi che la testa magari non te la cambiano, ma che in testa entrano: quanto in profondità siano entrati in quelle degli americani lo sapremo tra poche ore.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved