ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Verso l’Italia con una pistola e 11mila euro, fermato a Brogeda

A carico del conducente di un’autovettura è scattata la segnalazione e il sequestro dell’arma, oltre alla contestazione per la valuta non dichiarata
Stati Uniti
4 ore

Colpo partito sul set di Rust, incriminato formalmente Baldwin

L’attore sparò con una pistola di scena convinto che fosse caricata a salve e colpì la direttrice della fotografia.
Estero
4 ore

Il Senato italiano approva l’accordo fiscale sui frontalieri

Unanimità quasi totale, con un solo astenuto e nessun voto contrario: passa ora alla Camera dove il sì appare scontato. Discusso anche il nodo telelavoro
Oceania
7 ore

Australia, ritrovata la capsula radioattiva

Le ricerche della capsula erano cominciare a metà gennaio, quando era stata smarrita durante il trasporto su un camion da una miniera
reportage dal myanmar
11 ore

La guerra nascosta a due anni dal golpe

Le vittime degli scontri tra i ribelli e i soldati curate in centri clandestini. Non si può nemmeno studiare, le scuole sono prese di mira dai militari
Estero
18 ore

Trovati morti in Spagna un uomo e una donna, forse svizzera

Possibile femminicidio-suicidio in un’abitazione nella località di La Línea de la Concepción (Cadice)
Estero
19 ore

Il Papa a Kinshasa: ‘Giù le mani dall’Africa’

‘In Congo c’è stato un genocidio’. Folla oceanica per le strade. ‘Basta con lo sfruttamento delle risorse naturali’
Estero
19 ore

Francia ancora in piazza contro la pensione a 64 anni

Di nuovo in strada 12 giorno dopo la prima grande mobilitazione. Guerra di cifre: 500mila per gli organizzatori, 87mila per la prefettura
economia
19 ore

Brexit, tre anni dopo il Regno Unito annaspa nella delusione

Unico Paese del G7 in recessione. Ma Sunak sfida le proteste: ‘Ce la faremo’
la guerra in ucraina
20 ore

Biden chiude agli F16, ma Kiev insiste: ‘Ne servono 200’

Dopo la Germania e gli Usa si accoda anche Londra. Mattarella: ‘Gli aiuti militari servono a far cessare la guerra’
russia
20 ore

L’ex speechwriter di Putin: ‘Ci sarà il golpe entro un anno’

Abbas Gallyamov: ‘La guerra è persa, per i russi diventa un dittatore di serie B’
Confine
22 ore

Ponte di Ribellasca, in arrivo nuove barriere

Il manufatto, di riconosciuto pregio storico, non può essere munito di guardrail tradizionali. L’Anas studia l’alternativa
Estero
1 gior

L’incendio di auto della Polizia locale rivendicato da anarchici

Su alcuni siti dell’area è stata pubblicata un’e-mail anonima, che esprime solidarietà ad Alfredo Cospito, in sciopero della fame al 41bis a Milano
Confine
1 gior

Stato di agitazione del personale delle dogane di Como

L’obiettivo dei sindacati è quello di ottenere l’arrivo di altri funzionari e di ovviare alla carenza di personale in servizio
Estero
1 gior

Dopo il cappotto ‘alla Messina Denaro’, il bimbo vestito da boss

Un video su TikTok mostra un bambino che ‘sfila’ con gli stessi abiti del capomafia al momento dell’arresto. C’è anche chi minimizza: ‘È solo ironia’
Stati Uniti
1 gior

America nella morsa del ghiaccio: aerei a terra

Colpiti in particolare gli Stati meridionali, dove nelle ultime 24 ore sono stati cancellati circa 865 voli nazionali
Estero
1 gior

Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti

Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
medio oriente
1 gior

Mosca condanna il raid in Iran, altro strike in Siria

Le armi di Teheran nel mirino, colpito un convoglio di camion
la guerra in ucraina
1 gior

Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile

Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
Estero
1 gior

Bolsonaro chiede un visto di 6 mesi per restare negli Usa

L’ex presidente brasiliano, ora in Florida, ha domandato alle autorità statunitensi un permesso turistico per rimanere nel Paese per altri sei mesi.
Italia
1 gior

Alfredo Cospito trasferito al carcere di Opera (da Sassari)

L‘anarchico rischiava la vita dopo lo sciopero della fame e gli oltre 40 kg persi. Il ministro: ’La tutela della salute di ogni detenuto è una priorità’
Belgio
1 gior

Accoltellamento a Bruxelles vicino alla sede Ue

La polizia ha confermato l’aggressione: una persona sarebbe rimasta ferita, mentre per un’altra sono scattate le manette
Estero
1 gior

Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera

Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
1 gior

Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere

Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Confine
2 gior

Vestiti di marca fake, etichette dal Ticino all’Italia

La Guardia di finanza di Como ha confiscato l’opificio industriale a Meda, che suggella un’indagine avviata nel 2018 per il medesimo motivo
Estero
2 gior

Euro, ogni milione di banconote 13 sono false

Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
2 gior

Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como

Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
2 gior

Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale

Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
2 gior

Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita

La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
Corea del Nord
2 gior

Revocato il lockdown nell’area di Pyongyang

Coronavirus, dopo la stretta di cinque giorni decisa una settimana prima, la Corea del Nord fa retromarcia
laR
 
18.10.2022 - 05:30
Aggiornamento: 19.10.2022 - 16:12

La California e quel sogno parecchio malconcio

L’ultimo saggio di Francesco Costa racconta la crisi di uno Stato ancora ricco e innovativo, ma pieno di gravi problemi

la-california-e-quel-sogno-parecchio-malconcio
Senzatetto a Los Angeles (Keystone)

È la quinta economia del mondo. La sua innovazione è finita nelle tasche e sugli schermi di (quasi) tutti. La sua cultura, oltre a dominare l’intrattenimento globale, è da sempre originale, sincretica e progressista. Eppure per molti la California è un inferno, tanto che sempre più persone stanno scappando. Com’è possibile? Una risposta a questa domanda ce la offre Francesco Costa, vicedirettore del ‘Post’ oltre che mente e voce di ‘Morning’, podcast d’informazione seguito ogni giorno da decine di migliaia di persone. Sul tema ha appena pubblicato ‘California. La fine del sogno’ (Mondadori), un saggio agile e lucido che è arrivato subito in cima alle classifiche italiane.

C’è anche il ‘Furore’ di John Steinbeck, per carità, ma per molti di noi la California di oggi è Hollywood, la trinità Apple-Google-Facebook, la Silicon e la Napa Valley. Eppure ogni anno mezzo milione di persone se ne va da lì a gambe levate: non solo verso il Texas, l’Arizona e il Nevada, ma perfino verso l’Idaho, uno Stato talmente sfigato che sulle targhe può vantarsi solo delle sue "famose patate". Cosa sta succedendo?

Oggi le persone che lasciano la California sono effettivamente più numerose di quelle che ci vanno ad abitare: i censimenti mostrano che dal 2020 in poi la popolazione si sta contraendo. Non era mai accaduto. Proprio in ragione delle sue ricchezze e bellezze la California – soprattutto a partire dagli anni Novanta, col boom della Silicon Valley – ha attratto abitanti non solo dal resto degli Stati Uniti, ma da tutto il mondo. Il problema è che l’offerta di abitazioni non ha tenuto minimamente il passo della domanda, a causa di politiche e leggi che favoriscono moltissimo chi è già proprietario e scoraggiano uno sviluppo edilizio adeguato e soprattutto intelligente, ovvero ‘verticale’. Il risultato è stata una crescita immobiliare insufficiente e spalmata su enormi distanze, accompagnata – oltre che da un traffico esasperante – da prezzi e affitti inavvicinabili. È andata a finire con una classe media che paga circa il 50% del suo reddito per l’alloggio, oltre a fronteggiare un costo della vita tale che una famiglia con due figli e 120mila dollari di entrate annue è considerata a basso reddito. Non parliamo poi di chi guadagna ancora meno, che una casa non può proprio permettersela.

Infatti la California è ormai anche lo Stato dei senzatetto: per i marciapiedi delle grandi città se ne vedono a migliaia, con tutti i problemi – in primis di dipendenze e criminalità – che si accompagnano a un fenomeno così massiccio e traumatico. Quanti e chi sono i ‘barboni’ californiani?

Si stima che la mancanza di dimora colpisca circa 160mila persone: in pratica la California, pur avendo ‘solo’ l’11% circa della popolazione Usa, ospita un quarto dei senzatetto totali. Spesso si tratta di persone provenienti dalla middle class, che hanno o avevano un lavoro a tempo pieno oppure studiano, tanto che perfino alcune prestigiose università offrono ai loro studenti parcheggi per dormire in macchina, dato che sarebbe insostenibile pagare allo stesso tempo retta e affitto.

Mentre città come San Francisco si ‘gentrificano’ e diventano più bianche di prima – in netta controtendenza rispetto agli sviluppi demografici nazionali – quei senzatetto continuano ad aumentare. Cosa fa la politica?

Ce lo mostra anzitutto un’osservazione: la stragrande maggioranza passa la notte all’aperto. Non ci sono ricoveri notturni come quelli ai quali si rivolge il 95% dei senzatetto a New York, che a differenza della California si è dotata nel tempo di strutture idonee. In città come San Francisco, la convinzione prevalente tra elettori e politici è infatti che a queste persone servano case, non ricoveri. Il che in ultima istanza è anche vero, ma se le case come abbiamo visto non vengono costruite neppure per chi le pagherebbe milioni di dollari, servirebbero almeno soluzioni intermedie come appunto i centri d’accoglienza. Intanto si spende una quantità enorme di denaro – addirittura impossibile da quantificare esattamente – per i progetti di aiuto, senza ottenere nulla. Ma così si va a letto con la coscienza tranquilla, convinti ciascuno di aver fatto il possibile e che la colpa sia di qualcun altro.

Visto che lo Stato è completamente dominato dai Democratici, possiamo allora dire che al "conservatorismo compassionevole" di cui parlava George W. Bush si oppone in California un "progressismo menefreghista", un misto di intransigente idealismo e concreta ipocrisia?

Non penso che il problema sia tanto l’ipocrisia dei progressisti californiani, quanto piuttosto un problema di base che si riscontrerebbe anche se il monopolio politico spettasse a qualcun altro, in qualsiasi altro posto: quando viene a mancare non solo l’alternanza, ma la sua stessa possibilità, la politica perde un forte incentivo a lavorare bene e ad ascoltare la popolazione. In una situazione simile, l’unico dibattito che importa è quello tra i militanti: le primarie contano più delle elezioni generali. Di conseguenza, si tende a innamorarsi di grandi slogan: "Case, non ricoveri" oppure, dopo Black Lives Matter, "Via i fondi alla polizia". Frasi e idee che non rappresentano affatto il comune sentire e neppure forniscono soluzioni pragmatiche.

Ma allora perché i californiani non votano i Repubblicani? Dopotutto, Ronald Reagan veniva proprio da lì.

Il partito repubblicano ha vissuto una radicalizzazione speculare a quella dei Democratici californiani e per certi versi perfino più acuta: l’elettorato locale, comunque prevalentemente progressista, non prenderà mai in considerazione quello che è diventato il partito di Donald Trump e del tizio con le corna da vichingo che occupa Capitol Hill. Al massimo, si organizzano referendum per far dimettere qualche democratico che è già stato eletto. Questo non impedisce a dei conservatori moderati di vincere in futuro: il mese prossimo l’imprenditore conservatore Rick Caruso potrebbe essere eletto sindaco di Los Angeles, così come il repubblicano moderato Arnold Schwarzenegger fu scelto come governatore (nel 2003 e fino al 2011, ndr).

Guardando alla cultura progressista americana, i conservatori denunciano fenomeni quali la ‘cancel culture’, il politicamente corretto e il ‘woke’. Altrettanto spesso si risponde loro che stanno esagerando strumentalmente manifestazioni isolate. Nel caso della California, invece, la preoccupazione è più fondata?

Si tratta effettivamente di un tema spesso strumentalizzato. Se però c’è un posto al mondo in cui quella critica non è semplicemente uno spauracchio reazionario, quello è proprio la California. Anche in questo caso vediamo gli effetti di una politica ‘performativa’ – fatta di slogan e di cause tanto altisonanti quanto astratte – che si appassiona esageratamente a questioni come il revisionismo della storia e la correttezza, del linguaggio e non solo. Un esempio: durante la pandemia – mentre le scuole restavano chiuse molto più che altrove, penalizzando gravemente l’apprendimento degli allievi – soldi e attenzioni furono dedicati a ribattezzare le sedi scolastiche e cancellare dipinti murali legati allo schiavismo, invece che a riaprire le aule in sicurezza. Oppure, ancora una volta: si parla tanto di inclusività, ma non si risolvono crisi umanitarie come quella dei senzatetto. Questa inversione delle priorità mostra lo scollamento tra la politica e le esigenze delle persone.

Ci si mette anche il cambiamento climatico: ogni anno gli incendi distruggono tra l’1 e il 2 per cento della superficie dello Stato. Solo nel 2020 è andata in cenere un’estensione pari all’intero Veneto. Paradise, una cittadina di 25mila abitanti, è andata completamente distrutta.

Il cambiamento climatico non è un problema solo californiano, ma in California, per una serie di peculiarità – geografiche, climatiche, abitative, di incuria – diventa particolarmente grave. Non ci sono solo gli incendi: la siccità della quale già raccontava Steinbeck oggi mette a rischio una delle più grandi realtà agricole del mondo, creando anche forti contrasti per l’impiego delle acque tra aree e interessi diversi. A vacillare è anche il mito sul quale poggia la California, quello del Far West in cui l’uomo vince dominando la natura, deviando corsi d’acqua, conquistando l’ambiente.

La fuga dalla California significa l’arrivo dei californiani negli Stati confinanti, e non solo in quelli: con quali conseguenze?

Anzitutto una grande crescita economica, perché lo stesso reddito che in California permette di fare poco – ma proviene da impieghi qualificati, che oggi si possono ‘trasferire’ altrove anche grazie al telelavoro – in Idaho o anche in Texas si traduce in una capacità di spesa reale molto più ampia. A sua volta, questo genera indotto: arrivano da altri Stati e Paesi l’insegnante, l’infermiere, il personal trainer, l’addetto alle pulizie, il dog sitter… Questo fenomeno, però, genera anche un ‘trasloco’ di problemi dalla California: salgono i prezzi immobiliari, si gentrificano aree da sempre rurali, la popolazione residente se ne trova espulsa perché non può più permettersi di viverci. Anche la cultura e la politica cambiano in senso progressista, spesso per la prima volta. Non a caso il governatore del Texas ripete lo slogan "Don’t California my Texas".

In fondo la California vive da sempre sull’orlo della catastrofe, anche solo per le sue caratteristiche sismiche. Eppure alla fine riesce sempre a fiorire e rifiorire. Cosa prevede per il futuro?

Credo che il dominio culturale e tecnologico californiano proseguirà, perché almeno a breve termine non vedo chi possa competervi. Ma al di là delle previsioni, ho un auspicio: che questo esodo faccia raffreddare certe crisi e spinga lo Stato ad agire concretamente. Già nelle ultime settimane si è permessa la costruzione di palazzine a più piani, che da noi sono la norma, mentre lì paiono un’eresia. Più in generale, quel che mi auguro di vedere è una politica californiana che ricominci a funzionare, un po’ come si inizia a vedere in posti divenuti meno monolitici proprio grazie all’arrivo dei californiani, ad esempio il Texas. L’atrofizzazione e i fallimenti democratici potrebbero anche agevolare l’emergere di una proposta repubblicana ‘ragionevole’, cosa che di riflesso riporterebbe alla realtà anche il partito democratico.

Insomma, i californiani avrebbero bisogno di un altro Ronald Reagan?

Mah, magari un ‘giro’ di qualcuno come Reagan potrebbe anche servirgli…

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved