ULTIME NOTIZIE Estero
il terremoto
3 ore

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
3 ore

Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’

Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
stati uniti
5 ore

Biden bocciato dal 62% degli americani

Brutte notizie nei sondaggi a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione
italia
6 ore

Arrestato il medico di Messina Denaro

Alfonso Tumbarello aveva curato il boss mafioso durante la latitanza: ‘Conosceva la sua vera identità’
Confine
10 ore

A processo i due ex assessori canturini residenti in Ticino

Erano stati arrestati a fine novembre. Tra le accuse quella di bancarotta fraudolenta
Estero
13 ore

Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000

È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
17 ore

Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria

Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
1 gior

Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’

Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
guerra di date
1 gior

Gli ucraini cambiano la data del Natale, mai più insieme a Mosca

Decisione dei greco-cattolici, la Natività d’ora in poi il 25 dicembre e non più il 7 gennaio
italia
1 gior

Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte

Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
1 gior

La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera

Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
1 gior

‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo

Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
1 gior

Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie

Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
la guerra
10.10.2022 - 20:33

La vendetta di Putin, bombe su Kiev e su tutta l’Ucraina

Colpito anche un parco giochi per bambini. Lanciati 83 missili: 11 morti e almeno 89 feriti. Rete elettrica in ginocchio

Ansa, a cura di Red.Estero
la-vendetta-di-putin-bombe-su-kiev-e-su-tutta-l-ucraina
Una donna di Kiev e i suoi due cani scampati ai bombardamenti (Keystone)

Kiev, Leopoli, Ivano-Frakivsk, Dnipro, Odessa. Una dopo l’altra, la vendetta di Vladimir Putin per l’attacco al ponte di Crimea si abbatte sulle città dell’Ucraina. Una raffica di 83 missili e 17 droni kamikaze lanciati su due terzi delle regioni del Paese, con almeno 11 morti e 89 feriti, infrastrutture strategiche distrutte, blackout di massa, incendi ed esplosioni e il terrore che dopo mesi torna nel cuore della capitale. L’inferno scatenato dalla Russia dopo l’attacco alla penisola simbolo delle annessioni, per cui lo zar ha pubblicamente accusato i servizi di Kiev, fa ripiombare l’Ucraina nel baratro dopo settimane di speranza per i successi della controffensiva nell’est e a sud. "Stanno cercando di distruggerci e spazzarci via dalla faccia della terra", ha denunciato il presidente Volodymyr Zelensky, mentre Putin rivendicava "massicci attacchi alle infrastrutture energetiche dell’Ucraina", definendola al pari di "un’organizzazione terroristica", e la Difesa di Mosca annunciava che "gli obiettivi dei raid di precisione sono stati raggiunti".

Escalation pericolosa

Un’escalation che l’Occidente ha condannato compatto, ribadendo l’impegno a restare al fianco di Kiev finché servirà. "Questi attacchi hanno ucciso e ferito civili e distrutto obiettivi senza scopo militare e mostrano ancora una volta l’assoluta brutalità della guerra illegale di Putin", ha accusato il presidente americano Joe Biden. Per il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, l’Alleanza "continuerà a sostenere il coraggioso popolo ucraino nella lotta contro l’aggressione del Cremlino per tutto il tempo necessario". Il presidente francese Emmanuel Macron ha visto nei raid un "cambiamento profondo della natura di questa guerra, mentre l’Italia si è detta "inorridita dai vili attacchi missilistici".


Un’auto in fiamme in seguito a un lancio di missili (Keystone)

Dal canto suo, Zelensky è tornato a chiedere forniture urgenti di armi pesanti, annunciando la sua partecipazione a una riunione urgente del G7. Mosca però minaccia ancora. Per Putin, se Kiev continuerà a compiere attacchi terroristici sul suolo russo, la risposta sarà ancora più dura. Questi bombardamenti sono solo un "primo episodio" di rappresaglia, ha rincarato il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev, chiedendo il "totale smantellamento" del potere politico ucraino. E intanto, in un crescendo continuo di tensione, dopo il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream, Gazprom ha annunciato di avervi trovato nel 2015 congegni esplosivi riconducibili alla Nato.

Ritorno alla primavera

A Kiev, il tempo sembra tornato indietro ai giorni più bui della scorsa primavera: alte colonne di fumo levatesi dal centro, le stazioni della metropolitane tornate rifugi d’emergenza per la popolazione tra continui allarmi aerei, e i missili piovuti in un parco giochi, vicino al palazzo presidenziale e nella via degli uffici degli 007, oltre che sull’ufficio visti dell’ambasciata tedesca, fortunatamente vuoto. Attacchi compiuti anche con droni kamikaze iraniani, lanciati in parte dalla Bielorussia, ha affermato l’esercito ucraino, mentre tornano a crescere i timori di un coinvolgimento diretto di Minsk nel conflitto. I raid russi, che hanno colpito infrastrutture critiche in 12 diverse regioni oltre alla città di Kiev, hanno parzialmente interrotto la fornitura di elettricità in 15 oblasti, tra cui Leopoli, Kiev e Zaporizhzhia, dove ha sede la centrale nucleare più grande d’Europa, già a forte rischio di incidenti.


Una voragine creata da un missile nel centro di Kiev (Keystone)

esante è stato il contraccolpo alle reti energetiche dell‘Ucraina, che fino a tarda sera ha dovuto fare i conti con un vero e proprio ’stress test’, con la popolazione invitata a ridurre al minimo i consumi, lasciando spente stufe elettriche, caldaie, bollitori e altri elettrodomestici per non appesantire la domanda e mettere a rischio la tenuta del sistema. Tutto questo mentre il ministero dell’Energia ha annunciato lo stop alle forniture di elettricità assicurate da luglio ai Paesi Ue a causa dei danni inflitti dai missili a diverse fra centrali e sottostazioni elettriche del Paese. In attesa di una risposta militare all’escalation, Kiev ha intanto messo nella lista dei suoi criminali ricercati molti dei vertici del potere a Mosca, dal vicepresidente del Consiglio di sicurezza Dmitri Medvedev all’influente portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved