ULTIME NOTIZIE Estero
Indonesia
1 ora

La terra trema sull’Isola di Giava, in Indonesia

L’epicentro del terremoto, di magnitudo 5,7, è stato localizzato a 18 chilometri a sud-est della città di Banjar
Francia
1 ora

Sarkozy da lunedì nuovamente al banco degli imputati

È fissata per dopodomani a Parigi l’udienza in appello per l’ex presidente della Francia, accusato di corruzione
Ucraina
3 ore

Notte di bombe a nel distretto di Nikopol

Nel mirino degli attacchi russi, in particolare, gasdotti e reti elettriche nella zona della centrale nucleare di Zaporizhzhia
coronavirus
15 ore

L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’

‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
intimidazioni in tutta Europa
16 ore

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
16 ore

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
16 ore

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
16 ore

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
Confine
18 ore

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
29.09.2022 - 20:28

Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini

La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est

Ansa, a cura di Red.Estero
putin-sfida-il-mondo-e-annette-i-territori-ucraini
Il sindaco di Mariupol controlla le operazioni di voto (Keystone)

Sordo alle proteste della comunità internazionale, Vladimir Putin ha deciso di procedere con l’annessione dei quattro territori ucraini dove si sono svolti i referendum che le cancellerie occidentali hanno definito delle "farse". Gli accordi saranno firmati domani con una cerimonia in pompa magna nella Sala di San Giorgio al Cremlino con i capi delle quattro entità, e saranno accompagnati da una festa popolare sulla Piazza Rossa. Un programma che stride con le scene delle migliaia di russi in fuga dal Paese per sottrarsi alla possibile chiamata alle armi.

I Paesi baltici e la Polonia hanno già chiuso da settimane le loro frontiere ai russi, e a loro si è unita ora la Finlandia. Ma l’esodo continua attraverso le frontiere meridionali, specie con la Georgia e il Kazakhstan, e, più a est, con la Mongolia. Eppure niente sembra poter distogliere il Cremlino dai suoi piani, da realizzare anche attraverso la mobilitazione parziale dichiarata il 21 settembre. Le prime unità dei riservisti richiamati, ha fatto sapere il ministero della Difesa, si sono già costituite, e saranno impiegate per "controllare i territori liberati" in Ucraina. In primis, dunque, le aree di Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporizhzhia, che si apprestano a entrare a far parte della Federazione e che quindi Mosca difenderà come proprio territorio. "Con tutti i mezzi a disposizione", ha già avvertito Putin, con un chiaro riferimento alla dottrina sulla deterrenza nucleare. A nulla dunque sono serviti i moniti, gli appelli e le proteste da tutto il mondo.

Aspettando il discorso

A sentire la sua voce è stata questa volta anche la Turchia, che ha cercato finora di imbastire una difficile opera di mediazione per cercare di riportare la pace: "I referendum causano problemi, avrei preferito che non li avessero tenuti", ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan, che in serata ha avuto un colloquio telefonico con Putin. Il quale, però, tira dritto. Mentre sotto le mura del Cremlino viene allestito un enorme palco per le celebrazioni in piazza, con la scritta ‘Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhia, Kherson, Russia, insieme per sempre’, nella sala di San Giorgio si completano i preparativi per la firma dell’atto di adesione e per un discorso del presidente che il suo portavoce ha già preannunciato come "corposo". Non è difficile prevederne il contenuto. Un assaggio si è avuto oggi, quando Putin è intervenuto in videoconferenza a una riunione dei capi dei servizi di sicurezza e intelligence delle nove ex repubbliche sovietiche ora membri della Comunità degli Stati indipendenti (Csi).

Il presidente ha riproposto lo scenario che vede i Paesi occidentali ("i nostri avversari geopolitici" li ha definiti) impegnati a seminare il caos nello spazio ex sovietico "con rivoluzioni colorate e bagni di sangue" per salvaguardare la propria "egemonia unipolare". Anche il conflitto in Ucraina è conseguenza di questo. E tutto ciò, ha avvertito, porta a "rischi di destabilizzazione nell’intera regione dell’Asia-Pacifico".

Le ambasciate occidentali a Mosca sentono il clima farsi più ostile e soprattutto avvertono i crescenti pericoli per una situazione di incertezza e confusione alimentata anche dalla corsa a lasciare il Paese. Dopo gli Usa, la Polonia e la Bulgaria, anche la Romania ha invitato i propri cittadini ad abbandonare immediatamente la Russia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved