ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
5 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
10 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
Estero
11 ore

È morto Issei Sagawa, il ‘cannibale giapponese’

Nel 1981 a Parigi uccise e mangiò una studentessa olandese. Dopo il ricovero psichiatrico, fu estradato in Giappone dove tornò in libertà
italia
21 ore

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
22 ore

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
22 ore

La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’

Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
22 ore

Giallo su sei pacchi bomba in Spagna

Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
22 ore

“La Nato non entrerà nel conflitto”

Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
1 gior

Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto

Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
1 gior

Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti

Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
la guerra in ucraina
20.09.2022 - 22:19
Aggiornamento: 23:03

A Mosca pene più severe per i disertori

Tornano le voci sulla mobilitazione generale e un attacco su larga scala, intanto crolla la Borsa

Ansa, a cura di Red.Estero
a-mosca-pene-piu-severe-per-i-disertori
Parata militare russa (Keystone)

Sale la tensione a Mosca mentre le voci di una possibile mobilitazione generale tornano a diffondersi tra la popolazione. Ad alimentarle è stata l’approvazione della Duma di emendamenti al codice penale che prevedono un inasprimento delle pene, in particolare per disertori o renitenti alla leva, nel caso di "mobilitazione", "legge marziale", "tempo di guerra" e "conflitto armato". Tutti termini che fanno pensare a un possibile salto di livello nella cosiddetta operazione speciale in Ucraina, con il necessario ricorso a una maggiore forza militare.

La senatrice Olga Kovitidi, tra i parlamentari che hanno presentato gli emendamenti, ha tenuto a sottolineare che essi "non significano che ci sarà una mobilitazione". Un’eventualità scartata nei giorni scorsi da qualche altro suo collega. Ma alcuni deputati avevano già ventilato questa possibilità. E ora la coincidenza tra l’iniziativa legislativa e l’annuncio di referendum nel fine settimana nei territori filorussi dell’Ucraina per l’unione alla stessa Russia vengono interpretati da alcuni media indipendenti come due manifestazioni della stessa volontà di rafforzare l’impegno militare di Mosca a protezione di territori che, una volta annessi, dovrebbero essere difesi a ogni costo.

"Vittoria o guerra nucleare"

A rassicurare gli animi non servono certo alcune dichiarazioni di personalità vicine al Cremlino. È il caso di Margarita Simonyan, caporedattore di Russia Today, l’emittente internazionale finanziata dallo Stato. "A giudicare da ciò che sta accadendo e sta ancora per accadere - ha affermato la giornalista in un messaggio su Telegram - questa settimana segna la vigilia della nostra imminente vittoria o la vigilia della guerra nucleare. Non riesco a vedere una terza possibilità".


Reclute russe e Urussyirsk nell’estremo est del Paese (Keystone)

E a confermare i timori di un conflitto su più larga scala è stato il tracollo della Borsa di Mosca seguito all’annuncio sui referendum ucraini, con gli indici Moex e Rts che hanno perso il 10% prima di ridurre le perdite poco sotto il 5% nel pomeriggio.

Nonostante le assicurazioni della senatrice Kovitidi, è difficile non vedere negli emendamenti al codice penale approvati dalla Duma un prodromo se non a una mobilitazione generale quanto meno a un impegno militare rafforzato in Ucraina.

Le nuove leggi

Le nuove disposizioni di legge, che devono ora passare al voto del Consiglio della Federazione, cioè il Senato russo, prima di essere promulgate dal presidente Vladimir Putin, prevedono tra l’altro pene dai 5 ai 10 anni di reclusione per "abbandono non autorizzato di una unità o posto di servizio" o per "la mancata presentazione" in servizio per un periodo di oltre un mese. Tutto ciò, appunto, "durante un periodo di mobilitazione o legge marziale, in tempo di guerra o in situazioni di conflitto armato o conduzione di ostilità". Si prevedono inoltre pene fino a 5 anni di reclusione per la distruzione di armi in tempo di guerra e fino a 15 anni per azioni di saccheggio durante la legge marziale.

Il sito indipendente Meduza, che cita alcuni "interlocutori vicini al Cremlino", afferma che all’interno della cerchia del potere il cosiddetto "partito della guerra", favorevole a una escalation nel conflitto in Ucraina, avrebbe avuto la meglio su chi predica maggiore prudenza, riuscendo a convincere Putin a espandere l’iniziativa militare. Tra questi ‘falchi’ le stesse fonti citano il segretario generale del partito Russia Unita, Andrei Turchak, e l’ex presidente Dmitry Medvedev, che sarebbero riusciti a influenzare Putin attraverso alcuni responsabili degli apparati di sicurezza, tra i quali il capo della Guardia nazionale, Viktor Zolotov, convinti della necessità di una mobilitazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved