ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
16 min

Giorgia Meloni si prende l’Italia con numeri saldi per governare

Ampia maggioranza alle due Camere per la coalizione di centrodestra a guida Fratelli d’Italia, primo partito in tutto il Paese ad eccezione del Sud
Estero
3 ore

In Italia vince nettamente la destra

Elezioni politiche: 40% alla coalizione di Meloni secondo le proiezioni, centrosinistra fermo al 25%. Malissimo la Lega
Estero
8 ore

Meno italiani alle urne, più astensionismo al Sud

Chiusi i seggi alle 23. Inizia lo spoglio del Senato, toccherà poi alla Camera. Per i sondaggi il centrodestra è nettamente in testa.
Stati Uniti
14 ore

‘Se Mosca userà l’atomica risponderemo in modo deciso’

A dirlo oggi il consigliere del presidente americano
Serbia
15 ore

‘Non accetteremo l’esito dei referendum in Donbass’

Dopo la Turchia, anche il Paese balcanico prende le distanze dalle strategie di Mosca
Confine
17 ore

Como, la vista del lago scompare da piazza Cavour

Continuano i lavori per le paratie anti-esondazione. Le baracche da cantiere resteranno a ridosso della biglietteria fino alla prossima primavera.
Conflitto Russia/Ucraina
18 ore

Chiamati alla leva quasi tutti i tartari di Crimea

In soli tre giorni sono state 1’500 le convocazioni alla mobilitazione distribuite alla comunità tartara
Corea del Nord
21 ore

Lanciato missile balistico nel Mar del Giappone

La guardia costiera nipponica non ha segnalato incidenti che abbiano riguardato navi o imbarcazioni
italia
22 ore

Mafia: 34 anni fa l’uccisione di Mauro Rostagno

Il giornalista si era a lungo impegnato a denunciare le infiltrazioni mafiose nel tessuto politico del Trapanese
libano
11.08.2022 - 20:29
Aggiornamento: 21:06

Prende ostaggi in banca per disperazione, la folla sta con lui

L’uomo, armato, voleva recuperare i suoi soldi congelati dalle banche.

Ansa, a cura di Red.Estero
prende-ostaggi-in-banca-per-disperazione-la-folla-sta-con-lui
Bassam Hussein in carcere (Keystone)

L’esasperazione e la rabbia, accumulata da tre anni da milioni di persone in Libano rimaste senza i loro risparmi volatilizzati nel fallimento bancario del 2019, si sono incarnate nell’azione disperata di un uomo armato che, nel centro di Beirut, ha preso in ostaggio clienti e impiegati di una filiale di banca, chiedendo di riavere indietro i suoi soldi, più di 200mila dollari. La vicenda, che ha catalizzato l’attenzione dell’opinione pubblica suscitando ampia solidarietà popolare nei confronti dell’uomo disperato, si è conclusa solo in serata e senza spargimento di sangue.

Dopo una trattativa durata sei ore durante le quali non sono mancati momenti di tensione, amplificati dalla diffusione sui social media di video dell’uomo incollerito e armato, Bassam Hussein ha rilasciato tutti gli ostaggi e, con t-shirt, pantaloncini e infradito ai piedi, si è consegnato ai poliziotti, all’uscita dalla filiale della Federal Bank della centralissima via Hamra. Questo, affermano i media, dopo aver raggiunto un accordo con la banca per la restituzione di 30mila dollari dal suo conto congelato tre anni fa, proprio come era successo a quasi tutti i titolari di conti correnti e depositi, in dollari e in euro, nelle banche libanesi. In quell’autunno del 2019, mentre imperversano nel paese proteste popolari contro il malgoverno e la corruzione della classe politica al potere da tre decenni, si palesava infatti in Libano il peggiore crack finanziario della storia del paese.

Denaro bloccato

A metà novembre del 2019, d’accordo con la Banca centrale, il cartello delle banche libanesi imponeva a tutti i correntisti il congelamento dei fondi in valuta pesante, consentendo ancora oggi dei prelievi col contagocce e solo in lira locale. Proprio la lira locale, per anni ancorata al dollaro con cambio fisso di un dollaro equivalente a 1.500 lire, crollava di valore di giorno in giorno. In tre anni la lira ha perso più del 95% del suo valore. In serata, dopo la vicenda di via Hamra, il dollaro è schizzato nuovamente oltre le 30mila lire nelle quotazioni del cambio reale. In un paese ridotto allo stremo e dove - secondo l’Onu - l’80% dei residenti vive in povertà, l’azione estrema di Bassam Hussein ha avuto un precedente nei mesi scorsi.

Un altro libanese, esasperato dall’impossibilità di accedere ai suoi risparmi in dollari, aveva tenuto in ostaggio per alcune ore clienti e dipendenti di un’altra banca nella valle orientale della Bekaa. In quel caso, dopo il fermo da parte della polizia si era trovato un accordo tra l’uomo e la banca per la restituzione di una parte dei suoi fondi e il pagamento di una multa in lire libanesi. Secondo fonti vicine alla vicenda odierna, la Federal Bank di Beirut ha accettato di svincolare un settimo (30 su 210mila dollari) del patrimonio di Bassam Hussein.

Il fratello di Bassam Hussein aveva affermato stamani, mentre si trovava assieme a una folla di oltre cento persone nei pressi della banca circondata da agenti in tenuta anti-sommossa, che loro padre è malato in ospedale. E che la famiglia non è in grado di pagare 50mila dollari necessari per le cure mediche in un Paese, il Libano, dove i servizi essenziali - come sanità, educazione, acqua, elettricità - sono erogati da privati e sono considerati beni di lusso da pagare in valuta pesante.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved