troppi-candidati-al-suicidio-chiusi-rifugi-sul-monte-bianco
Keystone
La siccità in quota provoca frequenti cadute di massi
05.08.2022 - 18:17
Aggiornamento: 18:32
Ansa, a cura di Red.Estero

‘Troppi candidati al suicidio’: chiusi rifugi sul Monte Bianco

La misura è stata decisa dal sindaco di Saint-Gervais. Il suo sfogo: ‘79 alpinisti hanno giocato alla roulette russa’, la loro è ‘stupidità’

Aosta – Il sindaco di Saint-Gervais (Francia), Jean Marc Peillex, ha disposto da oggi la chiusura dei rifugi di Tête Rousse e del Goûter, lungo la via normale al Monte Bianco più frequentata. "Troppi candidati alla morte – scrive – o addirittura al suicidio" la percorrono, "non ascoltando le guide alpine" che dal 14 luglio non vendono più la salita visti i crolli di pietre sempre più frequenti a causa della siccità.

Solo giovedì erano "79 gli alpinisti" al rifugio del Goûter. Mercoledì Peillex aveva annunciato una cauzione da 15mila euro per eventuali spese di soccorso e sepoltura, ma ora la ritiene "giuridicamente difficile da applicare". Le pietre, scrive in un comunicato, "continuano a scendere dall’Aiguille du Goûter, in qualsiasi momento e ovviamente senza preavviso, rendendo l’attraversamento del corridoio non pericoloso ma quasi fatale". In questo contesto "è innegabile che le raccomandazioni del prefetto dell’Alta Savoia e del sindaco di Saint Gervais siano state calpestate e schernite da troppi candidati alla morte o addirittura al suicidio".

Salite chiuse, l’elenco s’allunga

Infatti giovedì sera "ben 79 alpinisti, per lo più dei Paesi dell’Est Europa, hanno giocato alla roulette russa e hanno invaso il rifugio Goûter". "La loro stupidità – prosegue il sindaco di Saint-Gervais – mi costringe a dar prova di autorità e a decidere di emettere un’ordinanza di chiusura dei rifugi Tête Rousse e del Goûter, sentiti la Prefettura e il presidente della compagnia delle guide di Saint-Gervais".

Dopo la sospensione delle salite lungo questo itinerario, a causa delle condizioni legate alla siccità in alta quota, le guide alpine nella seconda metà di luglio hanno accresciuto l’elenco delle ascese che considerano troppo rischiose sulle Alpi occidentali. Si sono aggiunte infatti le salite sulla Gengiva e sul Dente del Gigante verso la Cresta di Rochefort, nel massiccio del Monte Bianco, e sul Cervino, sia lungo la via normale svizzera sia lungo quella italiana, chiusa temporaneamente con ordinanza del sindaco di Valtournenche da mercoledì mattina dopo la caduta di una frana, che non ha coinvolto persone.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alpinismo montagna monte bianco saint-gervais
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved