Italia
31.07.2022 - 08:10

Concessioni balneari, in Italia sono più di dodicimila

Legambiente lancia l’sos spiagge libere. Il report 2021 fa segnare veri e propri record a livello europeo

Ansa, a cura di Red.Web
concessioni-balneari-in-italia-sono-piu-di-dodicimila
Keystone
Parafrasando Piero Focaccia, per quest’anno non cambiare, stessa spiaggia (libera)

Legambiente lancia l’sos spiagge libere: in Italia le concessioni balneari sono "troppe, toccano quota 12’166". È quanto emerge dal Report 2022 dedicato agli arenili dell’associazione che sollecita l’approvazione dei decreti attuativi del dl Concorrenza. "Tra i nodi da risolvere vi è la scarsa trasparenza sull’affidamento in concessione, i canoni irrisori e l’assenza di un regolare censimento sul numero di stabilimenti presenti sul demanio marittimo", osserva Legambiente.

A pesare anche l’aumento dell’erosione costiera che riguarda circa il 46% delle coste sabbiose, con i tratti di litorale soggetti a erosione triplicati dal 1970, e il problema dell’inquinamento delle acque che riguarda il 7,2% della costa sabbiosa interdetto alla balneazione per ragioni di inquinamento.

Sul fronte delle concessioni, secondo i dati del monitoraggio del Sistema informativo demanio marittimo (S.I.D.), effettuato a maggio 2021, in alcune Regioni si rilevano dei veri e propri record a livello europeo, come in Liguria, Emilia-Romagna e Campania, dove quasi il 70% delle spiagge è occupato da stabilimenti balneari. Nel Comune di Gatteo, in Provincia di Forlì e Cesena, tutte le spiagge sono in concessione, ma anche a Pietrasanta (Lu), Camaiore (Lu), Montignoso (Ms), Laigueglia (Sv) e Diano Marina (Im) siamo sopra il 90% e rimangono liberi solo pochi metri spesso in prossimità degli scoli di torrenti in aree degradate.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved