ULTIME NOTIZIE Estero
medio oriente
3 ore

Dall’Iran al Libano, la rivolta è donna

In piazza per rivendicare il diritto di non portare il velo oppure a rapinare banche che occultano i loro risparmi: un mondo messo a tacere alza la voce
italia
11 ore

Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare

Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
11 ore

‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina

Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
11 ore

Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’

Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
15 ore

In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea

La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
Stati Uniti d'America
15 ore

Elon Musk diventa il più ricco d’America

Scalzato l’ex ceo di Amazon Jeff Bezos. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates. Fuori dalla top ten Mark Zuckerberg.
inghilterra
16 ore

Ben 27 miliardi di monete dovranno essere sostituite con Cr3

Reso noto il nuovo sigillo dedicato a Carlo III, monogramma che sarà utilizzato su edifici pubblici, documenti, francobolli e invii postali
Confine
17 ore

Scacchi, al Trofeo Castello in Valsolda vince Luca Baluta

La quinta tappa del VII° Grand Prix under 16 della Svizzera italiana si è tenuta sabato 24 settembre
LA GUERRA IN UCRAINA
18 ore

Un agosto a Kaliningrad

Il mio amore per la Russia non può giustificare l’Operazione militare speciale in Ucraina.
Stati Uniti
1 gior

La Florida si prepara all’uragano Ian

Sono 300mila le persone che sono state evacuate dalle aree più esposte
Giappone
1 gior

Al via i funerali di Stato per Abe (con protesta)

Migliaia le persone che partecipano alla cerimonia funebre, anche se non manca chi si dice contrario ai funerali di Stato per l’ex presidente
Confine
1 gior

Como, Varese e Sondrio, nelle province calano i voti

L’affluenza alle urne è diminuita, ma il centrodestra ne esce vincente. Il partito di Giorgia Meloni sbanca anche nella patria della Lega
Estero
1 gior

Meloni sulla testa di Letta e Salvini

Un riassunto di quel che è successo alle elezioni in Italia, ‘per chi l’ha visto e per chi non c’era’
Regno Unito
05.07.2022 - 22:18
Aggiornamento: 06.07.2022 - 00:03

Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi

Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher

johnson-travolto-dagli-scandali-il-governo-perde-pezzi
Keystone

Un governo a pezzi, già di fatto in crisi. Boris Johnson è con un piede nella fossa, forse tutte e due, dopo tre anni al 10 di Downing Street: travolto dagli scandali e abbandonato stasera da due pezzi da 90 del gabinetto Tory (e potenziali aspiranti alla successione) come il cancelliere dello Scacchiere, Rishi Sunak, titolare della politica economica e numero due de facto della compagine, e come Sajid Javid, ministro della Sanità, ex cancelliere ed ex responsabile dell’Interno.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la vicenda boccaccesca che la settimana scorsa ha investito un alleato chiave del premier, il chiacchieratissimo Chris Pincher, obbligato dalle rivelazioni del Sun a dimettersi dalla carica strategica di deputy chief whip - sorta di custode della disciplina di maggioranza in Parlamento - dopo essersi ubriacato in un gentlemen club di Londra, il Carlton, e aver "palpeggiato" due uomini, incluso un altro deputato.

Uno scandalo gestito ancora una volta male da Number 10, secondo l’onda montante dei detrattori. E su cui BoJo - già inciampato in questi mesi in passi falsi imbarazzanti a ripetizione come quello del cosiddetto Partygate - è stato costretto oggi a un’umiliante marcia indietro rispetto alle dichiarazioni iniziali: ad ammettere cioè di essere stato informato in prima persona almeno su uno dei tanti sospetti precedenti circolati sul suo pretoriano ("Pincher di nome, pincher di natura", secondo la battuta che non ha negato di aver fatto in privato, giocando sul verbo inglese "to pinch’", traducibile come "pizzicare" o "palpare"), quando questi era viceministro degli Esteri fra il 2019 e il 2020; a chiedere di nuovo pubblicamente "scusa"; a giurare che non ci può essere spazio nel governo per alcun "predatore sessuale", gay o etero che sia; a definire "un errore" il mancato siluramento di Chris fin da due anni fa.

Troppo poco e troppo tardi per gli ambiziosi Sunak e Javid - neoconservatori di origini familiari indiane e pachistane rispettivamente - i quali in serata hanno deciso fosse giunto il momento di abbandonare la nave, con due lettere di dimissioni dai toni severissimi verso Johnson.

Sunak ha contestato al primo ministro di essersi ormai reso conto di essere "troppo diverso" da lui: ci sono "standard di comportamento" che vanno rispettati, ha sentenziato, aggiungendo che occorre saper "dire la verità all’opinione pubblica" e che - fra guerra, effetto sanzioni, crisi economica globale e inflazione - il Paese "ha il diritto di aspettarsi una leadership di governo competente e seria" in vista di "sfide immense".

Mentre Javid ha dichiarato di non avere "più fiducia" in Boris Johnson e di "non poter più servire" in una squadra guidata da lui.

Proclami di guerra a chiare lettere dinanzi ai quali Johnson potrebbe provare a resistere ancora per un po’; ma a cui secondo tutti i political editor dei media - dalla BBC in giù - neppure un "surviver" come lui ha alcuna realistica chance di scampare davvero.

Tanto più che la ribellione a questo punto appare destinata a dilagare e a sfociare o nella resa volontaria del premier della Brexit o in un cambiamento di regole interne al partito di maggioranza per riproporre un voto di sfiducia sulla sua leadership senza attendere l’anno di grazia previsto dallo statuto annuale dopo la precedente resa dei conti sfangata per il rotto della cuffia un mese fa; o infine in un benservito del primo ministro firmato a maggioranza dei membri del consiglio di gabinetto, secondo l’opzione intimata in queste ore ai Tories dal leader rivale dell’opposizione laburista, Keir Starmer.

A far crollare disastrosamente la linea difensiva di Downing Street sul caso Pincher è bastata del resto una lettera di lord Simon McDonald, a suo tempo segretario generale del Foreign Office, che si è rivolto alla Commissione sugli standard di condotta ministeriali imputando al governo nero su bianco di "non aver detto la verità". La rivelazione di "una bugia plateale", secondo oppositori interni alla parrocchia Tory come sir Roger Gale, veterano di Westminster, preoccupato per il buon nome del suo partito. Qualcosa anche di peggio per Angela Rayner, combattiva vice leader del Labour di Starmer, pronta a rinfacciare a Johnson di aver "gettato la reputazione del Paese e del suo ufficio nel fango".

"Non è affatto vero - ha commentato da parte sua Owen Jones, notista radicale e anti-retorico del progressista Guardian - che Boris Johnson sia l’unico primo ministro aduso a mentire (nella storia del Regno Unito). Il problema è che lui lo fa su cose facili da esporre come bugie evidenti e incontrovertibili, bugie che in sostanza ci aspetteremmo da un bambino piccolo". Non dal leader di una nazione in tempi burrascosi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved